Voi siete il sale della terra; ma....

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Voi siete il sale della terra; ma, se il sale diventa insipido, con che lo si salerà? Non è più buono a nulla se non a essere gettato via e calpestato dagli uomini. Voi siete la luce del mondo. Una città posta sopra un monte non può rimanere nascosta, e non si accende una lampada per metterla sotto un recipiente; anzi la si mette sul candeliere ed essa fa luce a tutti quelli che sono in casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, affinché vedano le vostre buone opere e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli. Matteo 5:13-16
 
In fondo, poco importa dove si trova, il cristiano è un'eccezione. Non soltanto per le sue opinioni ma soprattutto per il suo comportamento. Meglio così. Almeno non è un insulso. Egli rimane il sale della terra.
Nella nostra civilizzazione fuori rotta, in cui tutti i valori morali sono più o meno seriamente alterati, in mezzo a queste persone senza colonna vertebrale, a queste persone-camaleonti che si conformano ai gusti di tutti gli altri, egli resta in linea al vero, al bello, al giusto, al bene.
È un punto di riferimento. Un testimone.

Apparentemente è un uomo come gli altri. Sia che si rechi in ufficio, sia che lavori con un attrezzo manuale. Ma su questo sfondo di folla smorta e conformista, egli spicca per un certo peso, una certa consistenza. Su di lui ci si può appoggiare e contare. Lo si sente. Gli si chiederà consiglio.
Gli si potranno confidare le proprie preoccupazioni. Si riconosce in lui una certa forza.

Questa forza esiste solo per il fatto che Dio è il suo Signore. Egli non è cristiano solo di nome. Oso affermare questo paradosso che non è soltanto un gioco di parole, ma che suppone tutto lo scandalo del nostro mondo religioso: è un cristiano cristiano.
Ne ho conosciuti, e voi pure conoscete certamente di questi cristiani troppo rari nei quali la grazia supera ogni giorno la sua opera. Insieme a loro si respira il profumo dei cieli. Non vedo sulla terra altra più perfetta dimostrazione dell'Evangelo. Essi sono ripieni di vita. Vi comunicano l'aspirazione dei cieli.
 
Vi fanno provare, come lo provano loro, questo bisogno di progresso, di luce, di santità, di comunione con Dio. Seri e gentili, estranei allo spirito mondano, senza per questo rinunciare ai doveri e alle loro legittime relazioni, servitori di Dio ma non dipendenti dagli esseri umani, campioni dell'autorità assoluta delle Sacre Scritture, della libertà e del progresso, mai indulgenti verso se stessi ma benigni verso gli altri, condannano gli errori ma mai coloro che sbagliano, hanno una fiducia illimitata, una fiducia fanciullesca nel loro Padre celeste e mettono Gesù Cristo in primo piano nella loro vita, in attesa del suo prossimo ritorno. Con loro la vita acquista il suo vero significato. Sono proprio uomini, non eremiti, e nemmeno censori arcigni e scontrosi che predicano, gridano o rimproverano, o che ostentano un'austerità dura e sgradevole. Sono cittadini, padri di famiglia, persone utili alla società, che rendono piacevole la religione e nei quali l'Evangelo ha sviluppato tutto quel che è bene, eliminando solo, per quanto è possibile, il male.
Soltanto e unicamente quando voi e io diverremo tali si potrà riparlare con una santa fierezza del Cristianesimo.

Allora l'uomo avrà ritrovato la sua vera e nobile origine.
Sarà ridiventato cristiano.

N. Hugedé, "Cristo questo sconosciuto" - Edizioni AdV

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In occasione degli incontri di wrestling pubblichiamo questo volantino evangelistico che prende spunto dalla scomparsa di Eddie Guerrero

    qui in pdf

  • Ora noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito che viene da Dio, per conoscere le cose che Dio ci ha donate - 1 Corinzi 2:12 - La realtà è la redenzione, e non la mia esperienza della redenzione; ma la redenzione non ha nessun significato per me se non parla il linguaggio della mia vita reale. Quando sono nato di nuovo, lo Spirito di Dio mi fa uscire da me stesso e dalle mie esperienze, ciò significa che esse non provengono dalla redenzione.

  • 2 Timoteo - 1:1-8 - Perche ci si vergogna del vangelo? Spesso credenti, anche sinceri nella loro fede, hanno vergona a condividere la propria esperienza. Scopriamo, insieme al fratello Rinaldo, quali possono essere i motivi e, sopratutto, i rimedi per superare questo limite. - Predicazione tratta dall'epistola di Paolo a Timoteo

  • Questa é una storia vera dal Nord America. Al tempo del cowboys e degli Indiani, c'era un capo Indiano dal nome Maskepetoon (pron. maschepetun). Era li capo dei Cree della Pianura, nell'odierna Canada.
     
    Il suo nome vuol dire "Braccio Rotto". Forse perché aveva dato un
    pugno così forte a un nemico, che si era rotto li braccio!
     
  • Altri furono torturati... altri furono messi alla prova con scherni, frustate, anche catene e prigionia... Perciò Dio non si vergogna di essere chiamato il loro Dio. Ebrei 11:35-36,16

    Tatiana Goritschewa, filosofa russa cristiana che fu espulsa dall'Unione Sovietica, racconta in un suo libro un incontro da lei avuto con un uomo cristiano che spesso era stato imprigionato a causa della sua fede.
    Un giorno, un ufficiale della polizia chiese a quel coraggioso testimone:"Con quale diritto parla di Dio, visto che non

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri