Madagascar

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
 

Nell’isola di Madagascar (2 Timoteo 1:7-9)
Un giovane Malgascio, espatriato in Europa, era diventato cristiano.

 

Tornato al suo paese, desiderava che gli abitanti del suo villaggio imparassero a conoscere Gesù Cristo e che sorgesse un luogo di culto. Ma sapeva, per averlo sperimentato personalmente, quanti suoi compatrioti fossero dominati dalla paura del potere degli antenati, benché defunti.

 

Nei dintorni del villaggio c’era un terreno che tutti credevano fosse stato maledetto da un antenato; questi aveva predetto che chi lo avesse coltivato sarebbe morto in quell’anno.

 

Il giovane radunò la gente del villaggio e disse: “Ecco, io coltiverò il terreno maledetto, perché so che Gesù è più forte di ogni spirito, di qualunque spirito. Se morirò, concluderete che mi sono sbagliato e che gli antenati sono più potenti di Gesù Cristo; ma se non sarà così, riconoscerete che Gesù è vittorioso sugli spiriti dei morti, e farete in modo che io possa avere qui un luogo di culto dove io possa insegnarvi ciò che so di Lui”.

 

La proposta fu accettata.

 

Il terreno fu coltivato, l’anno trascorse, e il giovane credente non subì alcun danno.

 

Da allora, un locale di riunioni fu costruito su quel terreno, dove si ritrovano regolarmente quelli che desiderano rendere culto a Dio e ascoltare la Sua Parola.

 

Non è forse con questa stessa fede, semplice e forte, che dovremmo testimoniare anche noi della potenza di Colui nel quale abbiamo creduto?

 

Tratto dal calendario “IL BUON SEME”  - edizioni “il Messaggero Cristiano” - Via Santuario, 26 - 15048 Valenza (AL)

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In occasione degli incontri di wrestling pubblichiamo questo volantino evangelistico che prende spunto dalla scomparsa di Eddie Guerrero

    qui in pdf

  • Si sta sempre più diffondendo la consuetudine di incoraggiare e poi ascoltare, durante gli incontri delle chiese locali, “testimonianze” da parte dei partecipanti. Sono momenti che a volte edificano e rafforzano la fede, mentre a volte scoraggiano e turbano: questo accade quando chi “testimonia” parla di sé piuttosto che del Signore e si presenta agli altri come se avesse un rapporto privilegiato con lui.

  • PERCHE' TACERE?
    NEL DIRE: SEI IL NOSTRO SIGNORE?
    PERCHE' TACERE
    NEL DIRE: SEI IL NOSTRO SALVATORE?
    PERCHE' TACERE

    NEL DIRE: SEI IL NOSTRO DIFENSORE?
    PERCHE' TACERE
    LASCIAMOLO SAPERE
    CHE A LUI E' IL POTERE

    GESU' ABBATTE OGNI NOSTRO OSTACOLO
    E SE ESSO E' ALTO
    LO FA' AGGIRARE
    PERCHE' TACERE

    LASCIAMOLO SAPERE
    GRIDIAMOLO AL VENTO
    QUESTO NON E' UN LAMENTO
    HEI TU! MESSERE
    DILLO ANCHE TU NON TACERE
    GESU' E' IL SIGNORE

     

  • Altri furono torturati... altri furono messi alla prova con scherni, frustate, anche catene e prigionia... Perciò Dio non si vergogna di essere chiamato il loro Dio. Ebrei 11:35-36,16

    Tatiana Goritschewa, filosofa russa cristiana che fu espulsa dall'Unione Sovietica, racconta in un suo libro un incontro da lei avuto con un uomo cristiano che spesso era stato imprigionato a causa della sua fede.
    Un giorno, un ufficiale della polizia chiese a quel coraggioso testimone:"Con quale diritto parla di Dio, visto che non

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri