Recessione dal... peccato

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

“Recessione”: che brutta parola per iniziare un nuovo anno! È la parola che, in questo momento, più ci fa temere e tremare, pensando a noi stessi, alle nuove generazioni e, in particolare, ai nostri figli. Riusciremo a mantenere per noi e a garantire loro il tenore di vita che a fatica abbiamo raggiunto? Oppure ci aspetta un tempo di rinunce, di sacrifici, di vita grama? Dopo aver vissuto fra sperperi incoscienti il tempo delle “vacche grasse” e delle “spighe piene e belle”, saremo in grado di affrontare quello delle “vacche magre” e delle “spighe vuote”, che ci ha colti del tutto impreparati? Dopo aver ascoltato (e in troppi, ahimé, creduto!) “le visioni vane e illusorie” di profeti politici che ci assicuravano che tutto andava bene, che “ a differenza delle altre nazioni l’Italia non aveva problemi” e che anzi aveva “un’economia forte, stabile e inattaccabile”, riusciremo a reagire e a superare lo smarrimento provato davanti a chi ci ha ricordato che invece “eravamo sull’orlo del baratro”? E da questo “baratro” ci salveremo o finiremo per caderci dentro?

Non sono sicuramente visioni e pensieri sereni quelli che ci accompagnano in questi primi giorni del 2012. Certo, come figli di Dio che hanno la convinzione che nulla della nostra condizione e della nostra situazione sfugge allo sguardo amorevole del nostro Padre celeste, siamo sereni non soltanto perché sappiamo che la parte migliore della nostra esistenza è quella che ci attende nel futuro ma anche perché siamo certi che la presenza e le cure divine le avvertiremo pur nel fondo di un eventuale “baratro”. Ma, al di là di queste importanti certezze basate sulle sue promesse, c’è un’altra riflessione che il Signore ci chiama a fare. Abbiamo mai pensato che esiste anche una recessione positiva?

In molti sono infatti convinti che l’attuale recessione economica è figlia di un sistema economico, gestito dal capitalismo dei grandi potentati finanziari e bancari, delle multinazionali industriali ed economiche. Scopriamo così che, per poter risalire la china, il primo provvedimento da prendere è quello di vivere un’altra recessione, questa volta positiva e cioè la recessione da un sistema profondamente iniquo ed immorale perché corrotto e prevaricatore. Un sistema che, basato su politiche ingiuste, sullo sfruttamento dell’altro e sull’indifferenza nei confronti dei veri bisogni dell’uomo ha finito per affamare gli uomini, creando l’assurda contraddizione di far vivere quasi l’80% della popolazione mondiale in un tempo di “vacche magre” mentre contemporaneamente il rimanente 20% viveva un’epoca di “vacche grasse”: di abbondanza di cibo e di beni senza precedenti nella storia. Ma... è una recessione possibile?

Geremia, dopo aver parlato delle “visioni vane e illusorie” da sempre offerte ai popoli da chi si propone loro come autorità e come guida, ricorda anche: “non hanno messo a nudo la tua iniquità” (La 2:14). Scopriamo allora che la vera recessione in grado di operare un reale cambiamento nella vita individuale e sociale degli uomini è la recessione dal peccato, la recessione dall’iniquità, cioè da ogni forma di ingiustizia e di sfruttamento. Finché gli uomini non permett­eranno che sia messa a nudo la loro iniquità e non vivranno il desiderio di essere rivestiti “di misericordia, di benevolenza, di umiltà, di mansuetudine, di pazienza... di amore” (Cl 3:12, 14), qualsiasi tentativo di cambiamento si risolverà in una missione impossibile. Cosa possiamo fare come figli di Dio in questo contesto, in attesa che vengano “i nuovi cieli e la nuova terra” dove per certo abiterà la giustizia?
 
Viviamo la recessione dal peccato, vinciamo l’indolenza e l’indifferenza e mostriamo il vestito più bello donatoci da Cristo: quello dell’Amore!
 
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • E’ semplicemente assurdo e inconcepibile che un albero sano non cresca. Gesù è la vite e noi siamo i tralci: anche per noi credenti è semplicemente assurdo e inconcepibile non crescere.
     
    Se non c’è crescita nella nostra vita, ciò significa solo una cosa: la nostra vita spirituale non è sana, è malata. E questo è grave, perchè un albero malato non solo non cresce, ma avvizzisce e muore se la malattia non viene curata e guarita.
  • La metamorfosi degli insetti è uno dei fenomeni naturali più interessanti. Essa è la trasformazione della larva, del verme, in un insetto capace di volare e di riprodursi. E' un miracolo della creazione al pari di quello della formazione e dello sviluppo dell'embrione umano. Per alcuni insetti, per esempio ...le mosche, le api e le farfalle, la larva, finite la fase della crescita, si ritira in una fase che potremmo dire di riposo, chiamata ninfa o bozzolo.

  • La nostra vita, nelle sue espressioni e nelle sue scelte pratiche di ogni giorno, ha bisogno di essere illuminata e guidata da chiari principi biblici, se vogliamo davvero onorare il Signore e portare frutto. Uno di questi principi, il più importante, è senz'altro quello di imparare a farci da parte per lasciare spazio all'azione del Signore.
  • Nella sua lunga lettera ai Corinzi, l'apostolo Paolo li mette in guardia contro la saggezza umana; li rimprovera a causa delle divisioni nella chiesa e censura i disordini che vi regnano.

    Paolo risponde alle loro domande concernenti il matrimonio, i sacrifici agli idoli, il ruolo della donna, la cena del Signore ed i doni spirituali. Mette l'accento sulla risurrezione. E dopo aver così esortato, patrocinato, raccomandato, diretto ed insegnato, giunge alla conclusione della sua lettera.

  • I bambini ci fanno tanta tenerezza con la loro semplicità, la loro fragilità, la loro dipendenza dai genitori, la loro buffa presunzione di autonomia e a volte anche i loro capricci divertenti. Com’è triste però se quegli stessi comportamenti li riscontriamo quando sono grandicelli, e divengono bamboccioni viziati, incapaci di comportarsi da adulti responsabili. Una tale realtà ci crea imbarazzo e vergogna quando la applichiamo alla nostra vita naturale, ma … che dire della nostra vita spirituale?

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri