Verifichiamo la nostra crescita.. spirituale

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
E’ semplicemente assurdo e inconcepibile che un albero sano non cresca. Gesù è la vite e noi siamo i tralci: anche per noi credenti è semplicemente assurdo e inconcepibile non crescere.
 
Se non c’è crescita nella nostra vita, ciò significa solo una cosa: la nostra vita spirituale non è sana, è malata. E questo è grave, perchè un albero malato non solo non cresce, ma avvizzisce e muore se la malattia non viene curata e guarita.

Occorre fermarsi ogni tanto per verificare se siamo cresciuti. Come? Guardando indietro! Un albero, da un anno all’altro cresce in maniera chiaramente visibile; allo stesso modo noi, ogni tanto, possiamo verificare la nostra crescita spirituale confrontandoci con la nostra situazione un po’ di tempo prima.
Due domande si impongono, soprattutto oggi, in una situazione già satura di parole e bisognosa di fatti:
  1. E’ nuova la mia vita? Sono una creatura nuova rispetto alle persone che non sono in Cristo? e
  2. Sono cresciuto rispetto al giorno della mia conversione? E rispetto a un anno fa? E rispetto a un mese fa?
Le risposte che daremo a queste domande mostreranno il nostro stato di salute spirituale; ci mostreranno se siamo sani e verdeggianti o se siamo malati e avvizziti.

La crescita non è visibile momento per momento, ma lo stato di salute sì. Il mondo vede il credente malato come vede quei cipressi mezzi secchi che ormai, per una nota malattia, sono un po’ in tutta Italia: alberi che sani sarebbero maestosi ma che malati sono brutti e danno tristezza.
 
Le considerazioni sulla nostra crescita sono importanti anche relativamente ai frutti che possono scaturire dalla nostra vita. Sappiamo che non siamo noi a costruire i frutti della nostra vita cristiana: essi sono prodotti spontaneamente dallo Spirito Santo quando permettiamo a Cristo di nutrirci con la Sua linfa vitale (Cristo è la vite, noi siamo i tralci). Ma come è possibile che un ramo malato, un ramo secco, un ramo che non cresce, dia frutti? Un ramo secco dà solo fastidio ed è destinato ad essere tagliato e bruciato. E’ necessario crescere. La vita cristiana senza crescita è orribile, oltre a non avere senso.

E’ necessario crescere in ogni cosa. Tutto il nostro essere deve crescere: lo spirito (nei nostri rapporti con Dio: preghiera, conoscenza della Sua Parola, ecc.), l’anima (nei nostri rapporti con gli altri: testimonianza, comunione fraterna, ecc.) ...... e il corpo (nella nostra vita personale, individuale, fisica).

E’ necessario crescere in ogni cosa verso Cristo. Cristo è tutto per noi: la nostra origine, la nostra vita, il nostro fine. La misura della nostra crescita è la misura in cui viviamo la vita di Cristo (una domanda che dovremmo porci, a questo proposito, quando facciamo delle scelte o quando facciamo qualsiasi cosa è: Gesù farebbe così?).

Fermiamoci allora un momento. Adesso, proprio in questo momento.
Domandiamoci: sono cresciuto? Sto crescendo? E dopo aver riflettuto, volgiamoci a Dio. Con fiducia. “Le tue compassioni sono grandi, o Eterno, vivificami secondo i tuoi giudizi” (Salmo 119:156).
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • La metamorfosi degli insetti è uno dei fenomeni naturali più interessanti. Essa è la trasformazione della larva, del verme, in un insetto capace di volare e di riprodursi. E' un miracolo della creazione al pari di quello della formazione e dello sviluppo dell'embrione umano. Per alcuni insetti, per esempio ...le mosche, le api e le farfalle, la larva, finite la fase della crescita, si ritira in una fase che potremmo dire di riposo, chiamata ninfa o bozzolo.

  • La nostra vita, nelle sue espressioni e nelle sue scelte pratiche di ogni giorno, ha bisogno di essere illuminata e guidata da chiari principi biblici, se vogliamo davvero onorare il Signore e portare frutto. Uno di questi principi, il più importante, è senz'altro quello di imparare a farci da parte per lasciare spazio all'azione del Signore.
  • Nella sua lunga lettera ai Corinzi, l'apostolo Paolo li mette in guardia contro la saggezza umana; li rimprovera a causa delle divisioni nella chiesa e censura i disordini che vi regnano.

    Paolo risponde alle loro domande concernenti il matrimonio, i sacrifici agli idoli, il ruolo della donna, la cena del Signore ed i doni spirituali. Mette l'accento sulla risurrezione. E dopo aver così esortato, patrocinato, raccomandato, diretto ed insegnato, giunge alla conclusione della sua lettera.

  • “Recessione”: che brutta parola per iniziare un nuovo anno! È la parola che, in questo momento, più ci fa temere e tremare, pensando a noi stessi, alle nuove generazioni e, in particolare, ai nostri figli. Riusciremo a mantenere per noi e a garantire loro il tenore di vita che a fatica abbiamo raggiunto? Oppure ci aspetta un tempo di rinunce, di sacrifici, di vita grama? Dopo aver vissuto fra sperperi incoscienti il tempo delle “vacche grasse” e

  • I bambini ci fanno tanta tenerezza con la loro semplicità, la loro fragilità, la loro dipendenza dai genitori, la loro buffa presunzione di autonomia e a volte anche i loro capricci divertenti. Com’è triste però se quegli stessi comportamenti li riscontriamo quando sono grandicelli, e divengono bamboccioni viziati, incapaci di comportarsi da adulti responsabili. Una tale realtà ci crea imbarazzo e vergogna quando la applichiamo alla nostra vita naturale, ma … che dire della nostra vita spirituale?

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri