Quando si fermò la trottola

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

«La gioia del mio amico mi disorientò. Avevo la sensazione di essere come un'ombra, poiché vedevo nel mio compagno una realtà che io mi ero lasciato sfuggire. Rientrai a casa con una terribile sensazione di vuoto.
Avevo allontanato Dio dalla mia vita, ed ora essa girava su se stessa come una trottola, una trottola composta da un grosso corpo e da una piccolissima base, e che può stare in piedi solo se gira e gira senza mai fermarsi. Se rallenta, si rovescia su un lato. Per farla funzionare, bisogna farla girare. Il mio vortice era così composto: lavorare - divertirsi - mangiare - bere - dormire - lavorare - divertirsi - mangiare - bere, e così via. Questo ciclo si ripeteva costantemente. Più la mia vita diventava monotona, più acceleravo il ritmo. Pensavo che in questo modo sarebbe stata più vivace... ma mi sbagliavo.

Un giorno mi misi in ginocchio, cercando disperatamente delle parole per rivolgermi a Colui nel quale on avevo mai voluto credere. Finalmente esclamai: "Signore, se veramente esisti, Tu vedi come sono infelice. Se puoi fare qualcosa per me... Se non sono andato troppo lontano... aiutami!"

Compresi improvvisamente che era stata la mia cattiveria a inchiodare Gesù sulla croce, ma anche che Gesù mi amava di un amore indicibile. "Come ha potuto amarmi così tanto?", mi chiedevo. Ancora oggi non saprei rispondere. Ma da quel giorno, il mio unico desiderio è stato di vivere per Lui. Ciò che ha fatto per me, lo farà anche per voi se Lo riceverete nel vostri cuore e nella vostra vita».

COME HA POTUTO GESÙ AMARMI COSÌ TANTO?
(Isaia 44:6, 22) 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Di seguto l'edificante studio/meditazione di Samuele Negri sul tema della salvezza.
    Fu esposta in 4 parti nell'agosto del 2003 al campo biblico per ragazzi svoltosi a Poggio Ubertini.
    Di seguito i 4 file mp3

  • "E, perché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del Figlio suo nei nostri cuori, che grida: «Abbà, Padre». Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio" (Lettera ai Gala ti 4:6-7).

  • E' possibile per me avere un rapporto vero, stabile e significativo con Dio?
    Leggi qui l'opuscolo

    .

  • Luca 23 - Continuando nell'analisi dei discorsi di Gesù con le persone che lo incontrano giungiamo ad uno dei diaologhi più particolari considerato il luogo e la circostanza.  Assaporariamo nuovamente la meravigliosità del nostro Signore Gesù:

  • Mi sento proprio a posto! Elemosine, pellegrinaggi, buone opere.
    Si, mi sono davvero guadagnato il cielo!
    Forse...

    Leggi qui in pdf

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri