Prendere la propria croce - Cosa significa?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Prendere la propria croce".
Anche al tempo dei Romani questa era la sorte di un condannato a morte.
Ma cosa significa quest'espressione per noi credenti?
Non vuol dire, come verrebbe da pensare, accettare con rassegnazione le sofferenze e le prove della vita.
No; Gesù si serve di quest'immagine per farci comprendere una verità diversa e molto importante.
"Prendere la propria croce" vuol dire mettere a morte il nostro "io" che:
  • così facilmente si offende,
  • che prova invidia e rancore,
  • che rifiuta di riconoscere i propri torti,
  • che è duro nei confronti degli altri
  • ed è soddisfatto di se stesso;
  • questo "io" che tuttavia può anche apparire religioso, capace di difendere una certa moralità, di fare delle opere buone, ma che è sempre pronto a manifestare i suoi aspetti negativi, e questo anche nella vita del credente.
La Bibbia mi insegna che Dio mi ha liberato da questo "io" orgoglioso ed egoista.
Ma come fare per realizzarlo nella pratica?
 
Identificandomi con Cristo nella Sua morte in croce per vivere una vita nuova, non per me stesso, ma per Lui e per il mio prossimo.
 
Per mezzo della fede, io realizzerò a poco a poco questa verità liberatrice nelle mie circostanze giornaliere.
 
In ognuna di esse si presenta la scelta: Ascolterò il mio "io", o mi lascerò guidare dallo Spirito Santo?
 
Che ogni volta io possa rispondere: "Signore Gesù, Tu che sei la mia vera vita, concedimi di prendere la mia croce e di seguirti ogni giorno con gioia". Allora gli altri potranno vedere nel mio comportamento qualche somiglianza con Gesù. E io sarò un testimone della Sua grazia e della potenza liberatrice della Sua morte e della Sua risurrezione.
 
Diceva poi a tutti: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunci a se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua - Luca 9.23. 
 
Sono stato crocifisso con Cristo: non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me! La vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio il quale mi ha amato e ha dato se stesso per me - Galati 2.20
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In questo studio desideriamo esaminare, dal punto di vista della Parola di Dio, quali siano le caratteristiche, le cause e le conseguenze delle prove e delle tentazioni.
     
    Chi di noi è immune da questo genere di realtà? Chi di noi può affermare di non aver mai vissuto un periodo di difficoltà o di non aver mai dovuto affrontare una tentazione?
  • Sono diverse le “vie” che siamo chiamati a percorrere nel nostro pellegrinaggio sulla terra. La loro diversità ­­è dovuta allo scorrere del tempo (giovinezza e vecchiaia) o alle situazioni interiori (dubbio, tentazione, insicurezza) ed esteriori (afflizione, persecuzione) in cui veniamo a trovarci. Dio ci esorta a percorrere ognuna di queste “vie” con il canto sulle labbra. Per ogni figlio di Dio, è questa la vera arma di vittoria!

    Un consiglio unico ed insolito 

  • Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunci a se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà. Che gioverà a un uomo se, dopo aver guadagnato tutto il mondo, perde poi l'anima sua? O che darà l'uomo in cambio dell'anima sua?

    Perché il Figlio dell'uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo l'opera sua.

  • ,
    Il Signore Gesù, prima di lasciare i Suoi discepoli, rivolse loro queste parole: "Nel mondo avrete tribolazione; ma fatevi coraggio, Io ho vinto il mondo" (Giovanni 16:33).
    Qual era in quel momento lo stato d'animo dei discepoli?
  • ,
    Nella vita può succederci di trovarci davanti ad ostacoli umanamente difficili da superare, così come apparivano insuperabili le mura di Gerico agli occhi di Giosuè.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri