Odio

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
i sono alcuni versetti della Bibbia che rivelano, con mirabile sintesi, uno o più aspetti del carattere dell'Iddio vivente, il Creatore dei cieli e della terra, e lo fanno allo scopo di consentire al nostro piccolo cervello umano di comprendere qualcosa in più dell'Onnipotente. In uno di questi versetti, 1 Gv 4:8, lo Spirito Santo ispirò l'apostolo Giovanni e lo fece esplodere in una dichiarazione solenne quanto chiara:
"Dio è amore!"
Chi potrebbe dire altrimenti? Dio, l'Iddio della Bibbia, è caratterizzato dall'amore, che è l'essenza più profonda della sua Persona. Non si tratta, però, del nostro genere di amore umano, spesso così egoista e così rivolto al soddisfacimento dei bisogni personali. No, l'amore di Dio è assolutamente altruistico, tant'è vero che il Padre ha mandato il Figlio a morire sulla croce per cancellare i nostri peccati (cfr Gv 3:16) e che Dio Figlio ha scelto volontariamente di soffrire atrocità indicibili, su quel duro legno della croce, pur di versare il suo sangue purissimo e di riconciliare a Sè l'umanità perduta (cfr Gv 10:17-18).
Dio è amore, dunque, perfetto amore. E se Dio è perfetto amore, verrebbe da concludere che, per logica, in Lui non vi può essere alcuna forma di odio.
In un certo senso, Bibbia alla mano, questo è vero. Almeno se per "odio" intendiamo un sentimento di ostilità e di inimicizia che spesso sfocia in un desiderio e in una volontà di fare del male al prossimo. Ma, in un altro senso, è pur vero che nella Bibbia vi sono almeno cinque brani in cui Dio afferma senza mezzi termini:
"...Io odio..." - Continua qui
____________
AllegatoDimensione
PDF icon odio.pdf492.69 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Efesini 4:31 - Non puoi vivere questa vita senza essere ferito - La questione non è come evitare di essere feriti, ma come gestire le ferite che la vita ci procura. - Quanti fedeli sono seduti nelle sale di culto ed hanno uno spirito di non perdono (intransingente) che li possiedono.

  • Sul limitare del 1942, in uno scritto destinato agli amici più cari (Bilancio sulla soglia del 1943 – Dieci anni dopo, in Resistenza e resa. Lettere e altri scritti dal carcere, Opere, vol. VIII, Queriniana, 2002,  pp. 21-40), Bonhoeffer traccia un bilancio di dieci anni di resistenza al regime di Hitler. Sono parole pesanti, maturate a contatto con l’esperienza della sofferenza, dell’ingiustizia e della morte. Ma sono anche parole piene di speranza che solo chi ha una fede grande può dare. Ne riproponiamo alcune.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri