Noi, Dio e l’inquietudine (stress e depressione)

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

L’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che entro il 2020 la depressione maggiore costituirà la seconda causa di disabilità nel mondo. Inoltre, il livello di disabilità delle persone colpite da depressione maggiore è più elevato rispetto a quello causato dalle più comuni patologie croniche, quali l’artrite o l’ipertensione.

Dai dati di uno studio, condotto recentemente in sei paesi europei compreso il nostro, emerge che in Italia l’11 per cento ha sofferto, nel corso della vita, di depressione. Uno dei fattori scatenanti che conduce a questo disturbo è lo stress. È un legame che le persone colpite conoscono bene e che regolarmente raccontano al proprio medico. “Venivo da una fase di grande stress e poi sono caduto in depressione”, questa è la frase ricorrente.

Indubbiamente il nostro tempo è maggiormente caratterizzato da un gran bisogno di riposarsi dallo stress, dalle inquietudini e dalle ansietà della vita, per rifocillarsi e ritrovare se stessi. Si avverte un gran bisogno di lasciarsi cullare specialmente da Dio “come un bambino divezzato sul seno di sua madre” (Salmo 131:2). Ancora oggi, a distanza di millenni, risuona l’invito di Gesù: “Venite a me, voi tutti che siete travagliati e aggravati, e io vi darò riposo” (Matteo 11:28).

Scrive E. G. White: “Queste parole di consolazione furono rivolte alla folla che seguiva Gesù… Gli scribi e i rabbini non riuscivano con la loro scrupolosa osservanza delle cerimonie religiose a soddisfare quelle esigenze dell’animo che vanno al di là dei riti religiosi. I pubblicani e i peccatori potevano dichiarare di essere soddisfatti delle ricchezze materiali e terrene, ma nei loro cuori rimanevano la sfiducia e la paura. Gesù si rivolgeva a coloro che erano addolorati e stanchi, a coloro che avevano perso la speranza, a coloro che ricercavano invano l’appagamento dell’animo nelle gioie terrene, e li invitava a trovare riposo in lui. Egli diceva con tenerezza alle persone affaticate: “Prendete su voi il mio giogo e imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre” (v. 29).

L’autrice prosegue affermando che Dio “vorrebbe che noi capissimo la tenerezza e l’intensità con cui ci cerca. Egli ci invita ad affidare i nostri conflitti alla sua comprensione, le nostre sofferenze al suo amore, le nostre ferite alla sua capacità di guarire, la nostra debolezza alla sua forza, il nostro vuoto alla sua pienezza. Egli non ha mai deluso chi si è affidato a lui.

Fonte: Notizie Avventiste/Francesco Zenzale

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di R_Francesco

Pace alex...

Conosco quella "situazione"... L'ho vissuta in prima persona e come altri riferiscono, è la conseguenza di uno stres intenso e protratto nel tempo... quando poi, improvvisamente la situazione si normalizza,ecco il crollo!... Testimonianza personale... poi, grazie a Dio, l'incontro con Lui e tutto ricomincia con una nuova visione della vita. Ma l'esperienza rimane!... I sintomi si presentano di tanto in tanto e per essi, mi rimane vivo il ricordo del come poi, si scivola nella depressione... "se la conosci, la eviti!" Con Gesù poi, è molto facile. Amen

R. Francesco 

Potrebbe interessarti..

  • ,
    Era la primavera del 1995, e sapevo che qualcosa andava molta storta nella mia vita. Ero assolutamente vuota e completamente esausta. Sembrava come se io avesse sempre vissuto una vita ad alta velocità! Sopraffatta, mi sedetti per elencare gli impegni nella mia vita. Fra tante altre cose....
    • ero direttrice del ministero delle donne nella nostra chiesa,
    • ero la pianista per i nostri culti,
    • ero la moglie del pastore di una chiesa grande e che cresceva rapidamente ed
  • Sono molteplici le situazioni di vita che possono gradualmente frenare il nostro cammino, influenzando negativamente la nostra mente, il nostro cuore e il nostro corpo. Ricercare e vivere in modo concreto la presenza del Signore è l'unica risorsa per riprendere il cammino.
  • Nella nostra vita di ogni giorno sono tanti i problemi che siamo chiamati ad affrontare, soprattutto in tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo. Ogni problema diventa un pensiero: un pensiero che ci assilla, che ci toglie la pace ed il sonno, che ci tortura e ci domina. Il Signore ci indica nella sua Parola in quale modo e seguendo quale strategia possiamo vivere liberati da ansia e preoccupazione.
     

    I tuoi pensieri...

    A volte sembra proprio che tu non abbia alcun potere su di loro.
  • Quando scopri che i tuoi pensieri negativi e scoraggianti sono alimentati da uno spirito di abbattimento e pesantezza che ti assale, allora indossa il mantello della lode!
    Isaia 61:3 e sostituisci i tuoi pensieri! - Protezione dallo scoraggiamento e dalla depressione 1° parte (qui la seconda parte).

    Derek Prince - Traduzione: Erika

     

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri