La canna rotta e il lucignolo fumante

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
"Egli non triterà la canna rotta e non spegnerà il lucignolo fumante, finché non abbia fatto trionfare la giustizia" (Matteo 12:20).

Cosa c'è di più debole di una canna rotta o di un lucignolo fumante? Una canna cresce nella palude, ma se un'anatra selvatica vi si appoggia, si spezza. Se il piede di un uomo la urta, si rompe. Anche il vento che soffia sul fiume la fa oscillare. Non si può immaginare niente di più fragile e di più inconsistente di una canna rotta.

Ora, considera il lucignolo fumante: cos'è? Esso ha ancora una fiammella, è vero, ma manda un chiarore debolissimo. Il respiro di un bambino potrebbe spegnerlo. Niente ha un'esistenza precaria come la sua fiamma, ridotta al minimo.
Qui sono descritte cose deboli, eppure Gesù dice che "non triterà la canna rotta e non spegnerà il lucignolo fumante".

Alcuni figli di Dio sono resi forti per compiere opere per Lui. Dio ha qui e là i Suoi "Sansoni" che possono abbattere le porte di Gaza e trasportarle in cima alla collina. Ha alcuni uomini forti come leoni, ma molti dei Suoi sono gente timorosa; se viene la tentazione essi sono come uccelli presi in una rete. Se la prova li minaccia, sono capaci di svenire. La loro fragile imbarcazione viene sbattuta da ogni onda, sono trascinati dai flutti come un uccello marino: cose deboli senza forza, senza saggezza e prudenza.
Eppure, deboli come sono, anzi proprio perché sono tali, sono eredi di questa promessa: "Egli non li abbatterà". In questo consiste l'amore! Con quanto affetto e con quanta tenera considerazione si mostra la compassione di Gesù!

Non dobbiamo mai tirarci indietro al Suo tocco. Non dobbiamo temere una parola dura da parte Sua. Anche se potrebbe giustamente rimproverarci per la nostra debolezza, Egli non lo fa.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Dodici ragioni che ha il cristiano per essere felice ed incoraggiato in tempi di difficoltà
    1. Perché egli ha un Padre in Cielo che lo ama tanto, ha cura di lui e lo ha benedetto d'ogni benedizione spirituale nei luoghi celesti in Cristo (Giovanni 16:27; Luca 12:22, 23; Efesini 1:3).
    2. Perché egli ha un grande Sommo Sacerdote nel Cielo che compatisce con lui, che può sovvenirlo, sostenerlo e condurlo nell' eredità celeste (Ebrei 2:17, 18; 4:14, 16; 8:1, 6).
  • "...mentre noi eravamo ancora senza forza, Cristo, a suo tempo, è morto per gli empi" (Romani 5:6).

    Qui vediamo come Dio sia venuto incontro alla nostra incapacità attraverso l'interposizione del Signore Gesù. La nostra incapacità è assoluta. Non è scritto:

  • Mi sono posto una domanda, noi siamo del Signore, noi siamo in Gesù, noi sappiamo che abbiamo tutto a disposizione. Ma quando le cose non vanno come desideriamo noi, cosa facciamo, chi siamo? Quando i nostri sogni diventano incubi come reagiamo? La vera prova della nostra felicità è quando non riceviamo ciò che vogliamo, quando non vediamo attuarsi i nostri desideri vediamo veramente se siamo le persone che dichiariamo di essere, pieni di lode e ringraziamento nonostante tutto.
    Forse siamo felici solo quando le cose sono piacevoli, appaganti e conformi ai nostri desideri?

  • La correzione fa molto!
    Ma l'incoraggiamento fa di più!

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta