L'ultimo giapponese e la pace che egli ignorava

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Nel 1972 in un angolo sperduto dell'isola di Guam, nell'Oceano Pacifico, veniva scoperto un soldato giapponese che era ancora nascosto in quella zona dall'inizio della guerra tra Giappone e Stati Uniti. Egli viveva là, solo, rintanato nella giungla credendo che la guerra fosse ancora in corso. La pace era ormai in atto da ventisette anni ed egli non ne sapeva nulla. Immaginiamo la condizione paradossale nella quale quest'uomo si trovava: erano ventisette anni che viveva come un animale selvaggio, nel continuo timore di essere catturato o ucciso! Sulla terra, intere moltitudini continuano ad ignorare che, da circa duemila anni, la pace tra Dio e l'uomo è stata firmata.
 
Il Figliuol di Dio è venuto in questo mondo per realizzare il grande piano di Dio; compiere l'opera per cui Dio avrebbe potuto perdonare gli uomini in rivolta contro di Lui. "Egli ha fatto la pace per mezzo del sangue della sua croce" (Colossesi 1: 20) prendendo il posto dell'uomo sotto il giudizio di Dio. "Il castigo per cui abbiamo pace, è stato su Lui" (Isaia 53:5). Altri, pur conoscendo ciò che Cristo ha fatto si comportano come se lo ignorassero. Fuggono lontano da Dio, e rifiutano di volgere uno sguardo di fede verso il Salvatore. Per loro, in un certo senso, la guerra con Dio continua. Permangono suoi nemici perché rifiutano la pace che è loro offerta.
 
Essi dovranno, un giorno, rispondere davanti a Dio dei loro peccati e del disprezzo dimostrato riguardo alla Sua salvezza. Lettori, non agiamo come quel soldato giapponese. Cessiamo di vivere continuamente nel timore ed afferriamo la pace che ci è offerta.
 

E voi, che un tempo eravate estranei e nemici...
ora Dio vi ha riconciliati... (Colossesi 1:21-22)

Fonte: paroledivita.org

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Pace. Forse una delle parole più abusate, insieme ad amore.
    Quante volte ascoltiamo questo termine in televisione, lo leggiamo sui giornali. Sembra che il Mondo sia impegnato quotidianamente in un processo di "pacificazione" e amore.

    Inutile dire come le cose non stiano così. L'ipocrisia umana, l'ingordigia, la cupidigia, la bramosia di potere, insomma il peccato che contamina ogni uomo rende il concetto di pace una utopia.

  • "A chi ha sete io darò gratuitamente della fonte dell'acqua della vita" (Apocalisse 21:6)  - Esiste dunque una fonte che sazia gli assetati?

    V'è una sola fonte che non si asciuga mai e che offre a tutti, gratuitamente, acqua dissetante. Gesù parlando con la samaritana al pozzo di Giacobbe le disse: «chiunque beve di quest'acqua avrà sete di nuovo; ma chi beve dell'acqua che io gli darò, non avrà mai più sete; anzi, l'acqua che io gli darò, diventerà in lui una fonte d'acqua che scaturisce in vita eterna».

  • Gesù ama e chiama a se gli stanchi con un appello diretto! -  "Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo. Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo alle anime vostre; poiché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero" - Matteo 11:28-30


    -----------------------
    Roma 7 agosto 2016

     

  • In estate tutti i pastori menano i loro greggi in montagna in luoghi freschi, dove le pecore, una volta che hanno saziato la loro fame per le campagne, possono bere nelle tranquille acque che vi si trovano nei paraggi; ripararsi all'ombra degli alberi per liberarsi dalla calura e dalla fatica della canicola estiva... Tanto il pastore quanto il gregge approfittano della scena di pace e di conforto.
  • E' possibile amare una legge? Conoscerla, osservarla si, ma amarla..?!
    Questo lungo salmo (il n. 119) è tutto dedicato alla Legge di Dio, definita anche come:

    • precetti,
    • statuti,
    • comandamenti,
    • testimonianze.

    Riferendosi a questa Legge il salmista dice:

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri