Immensa Grazia

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
"Grazia a voi e pace da Dio, nostro Padre, e dal Signore Gesù Cristo" (Efesini 1:2). Paolo inizia e conclude la sua lettera (Ef. 6:24) con il desiderio che il suo uditorio faccia l'esperienza della grazia.
 
È sia una benedizione sia "una preghiera che i suoi lettori possano conoscere pienamente il favore gratuito, ma immeritato, di Dio che li riavvicina a se stesso accordando loro tutto ciò di cui hanno bisogno".
 
La grazia proviene da Dio e Paolo continua parlando della "gloria della sua grazia" (Ef 1:6), poi aggiunge l'espressione: le "ricchezze della sua grazia" (v. 7). Come se questo non bastasse a descrivere l'eccellenza di Dio, Paolo rafforza la sua affermazione precedente parlando dell'"immensa ricchezza della sua grazia, mediante la bontà che egli ha avuta per noi" (Ef 2:7). In questo modo l'apostolo esalta sempre di più la grazia divina.

Nell'Antico Testamento Dio si presenta a Mosè come: "Il Signore! Il Signore! Il Dio misericordioso e pietoso, lento all'ira, ricco in bontà e fedeltà" (Esodo 34:6). Gli scrittori dell'Antico Testamento tornano a più riprese su questa rivelazione divina e celebrano la sua grazia. Davide afferma:"Ma tu, Signore, sei un Dio pietoso e misericordioso, lento all'ira e grande in bontà e in verità" (Salmo 86:15). Gioele chiama la sua gente al pentimento e dice: "Tornate al Signore, vostro Dio, perché egli è misericordioso e pietoso, lento all'ira e pieno di bontà, e si pente del male che manda" (Gioelel 2:13). Giona, irritato dalla benevolenza divina, prega in questo modo: "O Signore, non era forse questo che io dicevo, mentre ero ancora nel mio paese? Perciò mi affrettai a fuggire a Tarsis. Sapevo infatti ch e tu sei un Dio misericordioso, pietoso, lento all'ira e di gran bontà, e che ti penti del male minacciato" (Giona 4:2).
 
È possibile che Paolo avesse in mente la testimonianza di Dio quando si riferì alla sua grazia. In Efesini 1:6 arriva a menzionare il concetto ben due volte: "A lode della gloria della sua grazia, che ci ha concessa nel suo amato figlio".
 
Perciò è importante che comprendiamo chi e come é Dio, perché la percezione che ne abbiamo determina in gran parte la qualità della nostra relazione con lui e, quindi, anche la qualità della nostra stessa vita.
 
Fonte: news.avventisti.it

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Contrariamente a ciò che le religioni umane propongono, il punto di partenza della via della salvezza non è negli sforzi dell'uomo. È Dio che ha preso l'iniziativa, per pura grazia, per amore. Ancora prima che il mondo fosse creato, nella sua perfetta conoscenza aveva concepito il piano della nostra salvezza. Dio, oltre che giusto e santo, è anche amore.
     
    Non voleva dunque che la sua creatura se ne andasse alla perdizione eterna senza offrirle il mezzo con il quale potesse ottenere la salvezza.
  • Romani 7 - Liberi dalla schiavitù della legge (il peccato); com'è possibile? Nella predica sul capitolo 7 di questa epistola ai Romani il fratello, dopo un breve ma intenso excursus sui capitoli precedenti, ci illustra il regime dello Spirito Santo che è il discrimine tra il regno del peccato e quello dellla grazia.

  • Ebrei 12:18-29 - Il grande privilegio che abbiamo ricevuto in Cristo Gesù è quello di poterci accostare liberamente a Dio, per la Grazia che ci deriva dal suo sacrificio perfetto. Il brano di oggi ci mostra un altro ingrediente essenziale: il Timore di Dio. La Grazia priva del Timore ci rende presuntuosi e indulgenti sul nostro peccato, mentre il Timore di Dio non abbinato alla Grazia genera in noi un terrore di Dio che ci allontana dalla Sua presenza.

  • Contrariamente a ciò che le religioni umane propongono, il punto di partenza della via della salvezza non è negli sforzi dell’uomo. È Dio che ha preso l’iniziativa, per pura grazia, per amore. Ancora prima che il mondo fosse creato, nella sua perfetta conoscenza aveva concepito il piano della nostra salvezza. Dio, oltre che giusto e santo, è anche amore. Non voleva dunque che la sua creatura se ne andasse alla perdizione eterna senza offrirle il mezzo con il quale potesse ottenere la salvezza.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri