I due abbracci di cui abbiamo sempre bisogno

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

I DUE ABBRACCI DI CUI ABBIAMO BISOGNO ANCHE DURANTE IL COVID (le immagini più belle di EURO2020).

1. L’ABBRACCIO DELLA VITTORIA: Mancini e Vialli, amici storici, che si abbracciano dopo la grande vittoria.

2. L’ABBRACCIO DELLA SCONFITTA: Il coach Southgate che abbraccia il giovane giocatore Saka (19 anni) dopo avere sbagliato il rigore decisivo nella finale.

Nella vita abbiamo bisogno di un “Vialli” e di un “Southgate”.

Un Vialli che piange con noi per le nostre vittorie ma anche un Southgate che piange con noi per le sconfitte e fallimenti.

Abbiamo bisogno di veri amici e non nuovi “followers”. Amici che ci sono vicini.

Questa società supporta l’apparenza e la superficialità ma la realtà è che certe cose svaniscono subito, l’amicizia vera rimane nel tempo e sfida ogni difficoltà.

Abbracciamoci sempre!

Il profumo e l’incenso allietano il cuore, la dolcezza di un amico rassicura l’anima. (Proverbi 27:9)

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • file pps

    C'era una volta un ragazzo con un pessimo carattere. Suo padre gli dà un sacchetto pieno di chiodi e gli dice di piantarne uno nella palizzata del giardino ogni volta che perde la pazienza e/o che bisticcia con qualcuno.

     

  • L’amico ama in ogni tempo; è nato per essere un fratello nella distretta...
    Proverbi 17

    Non vi chiamo più servi, ma amici. Gesù.
    - vedi Giovanni 15 -

     

  • Un tempo eravamo amici ...qui in pdf

     

  • Mai più soli
    Sei solo? Non hai amici in cui confidare o che ti possano aiutare?
    Allora, ti posso promettere che questo libriccino ti potrà rivelare il segreto per non essere «mai più solo».
    Forse il tuo caso è simile a quello di alcune persone che mi
  • Il falso amico è come l'ombra, ti segue solo finchè c'è il sole.

    Non così Gesù:
    Nessuno ha amore più grande di questo: dare la propria vita per i suoi amici. Voi siete miei amici, se fate le cose che io vi comando.
    Io non vi chiamo più servi, perché il servo non sa ciò che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udito dal Padre mio
    Gesù..

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri