I conflitti sono normali. Risolverli è un arte

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
I conflitti fra mariti e mogli fanno parte di ogni matrimonio e non sono cattivi in sè. Dimostrano che gli sposi stanno affrontando argomenti che stanno loro a cuore e a cui tengono. Il pericolo sta nel fatto che molte coppie non si prendono la briga e il tempo di risolvere i loro conflitti e non chiedono aiuto a chi e più maturo di loro, ha già percorso la loro strada e ha risolto positivamente i suoi problemi. Perciò, molto spesso, si ritrovano davanti all'avvocato per iniziare le pratiche di separazione. Ma non è necessario che sia così.
Basterebbe che gli sposi seguissero con costanza e coerenza alcuni principi elementari. I seguenti, per esempio.

1. Conoscere il proprio compagno.

Gli uomini e le donne comunicano e gestiscono le relazioni in maniera diversa.Perciò è importante tenere conto delle differenze nella personalità di chi abbiamo sposato e impegnarsi a identificarne le caratteristiche uniche. Questo renderà i rapporti più facili e piacevoli e aiuterà a evitare scogli pericolosi e funesti.Troppe volte si pensa di capire chi ci sta vicino, ma ci inganniamo. Bisogna allora imparare a comunicare e a esprimere con chiarezza e pazienza sentimenti, pensieri e desideri.

2. Scegliere di collaborare.

Si possono attaccare i problemi a testa bassa come fanno i tori, oppure si possono evitare come fanno i pipistrelli col loro radar. Oppure si può decidere di collaborare, per capire e farsi capire.I primi due metodi non sono buoni. II metodo del toro, di solito ferisce. II metodo del pipistrello scansa i problemi, ma non li risolve. II metodo della collaborazione e del dialogo di solito funziona, purchè si rispetti il n. 3.

3. Imparare l'arte del negoziato.

Questo significa che le due parti devono perdere ognuna qualcosa per arrivare a un'intesa soddisfacente. Nel matrimonio non ci può essere un vincitore e un perdente. Ci vuole l'accordo in cui ognuno dei coniugi cerca di capire l'altro e decide di compiacerlo.A una moglie fa piacere che il marito non lasci in giro le sue pantofole? II marito le metterà a posto! A un marito non piace vedere la moglie in vestaglia la mattina? La moglie si metterà in ordine al più presto.D'accordo: sia la vestaglia che le pantofole sono inezie insignificanti. Ma se per uno dei due sono importanti, devono diventare importanti anche per l'altro.

4. Mostrare gentilezza e premura.

La mancanza di gentilezza, di rispetto, di cortesia nell'esprimersi e nel tono della voce può intensificare i conflitti. Bisogna imparare a dire quello che si pensa senza gettare le parole come se fossero pietre o senza usarle come spade per ferire. Anche il momento in cui si dicono le cose è importante. Meglio aspettare che la collera si plachi prima di esprimersi anzichè rischiare di dire troppo e di dirlo male.

5. Chiedere aiuto.

Lo abbiamo detto in precedenza: certe soluzioni non si trovano da soli. Ma, per carità, se chiedete aiuto rivolgetevi a chi crede che il matrimonio debba durare per tutta la vita. Altrimenti, sarà molto meglio risparmiare tempo, fatica e denaro!

6. Avere lo spirito di chi serve.

Quando si discute, spesso l'intenzione principale è quella di far valere i propri diritti. Invece, nei conflitti bisognerebbe cercare il bene dell'altro, capire di che cosa ha bisogno e partire dal punto di vista che, dato che è lo sposo o la sposa che il Signore mi ha dato, io sono uno strumento per fargli del bene.

Tratto dal: LA VOCE DEL VANGELO, novembre 1996

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Interessante meditazione da applicare, credo, anche nei conflitti extraconiugali, ad esempio tra credenti...

Suggerisco anche questo link:

https://www.evangelici.info/la-famiglia-punti-d-incontro-o-punti-di-scon...

Potrebbe interessarti..

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta