Cena del Signore e Pasqua - PDG - Tony Bellavia

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Dopo il consueto momento di viibrante lode della domenica mattina, nella chiesa Parola Della Grazia di Roma - si procede con il memoriale dell'ultima cena, Paolo Ricca la chiama la prima cena. Un'occasione per esaminare se stessi, un'occasione di crescita su diversi aspetti del nostro carattere spirituale.
-

Worship Service | 17 Aprile 2022 | Pastore Tony Bellavia | "Cena del Signore"

Parola Della Grazia - Roma
Domenica ore: 10.00
Martedì ore: 19.00

Appuntamenti per piccoli, adolescenti, giovani, adulti, anziani!
Benvenuto in famiglia!

http://www.pdgroma.com/
info@pdgroma.com

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • La Cena del Signore è un soggetto di grande importanza; fra gli aspetti che hanno a che fare con la fede e con la vita cristiana è sicuramente, insieme al battesimo, quello che suscita il maggior interesse, anche per le degenerazioni e la varietà d’interpretazioni che ha subìto nel corso della storia della Chiesa. Ci sono però anche persone che lo ritengono argomento di scarsa importanza, dal momento che nel Nuovo Testamento se ne parla piuttosto raramente.

  • Predicazione audio tratto dal capitolo 9 e 22 del vangelo di Luca.
    Capiamo bene come Gesù celebrò la pasqua, nell'uso e nella ritualità e, in particolare, cosa ha compiuto in quel giorno.

    La registrazione non è limpida ma un piccolo sforzo per ascoltarla porterà certamente ad una buona edificazione alla gloria di Gesù, il Cristo!

  • Perciò, avendo cinti i lombi della vostra mente, siate vigilanti, e riponete piena speranza nella grazia che vi sarà conferita nella rivelazione di Gesù Cristo.
  • Durante la festa dei battesimi si celebra il ricordo di quello che ha fatto il SIgnore. Un simbolo che ci fa guardare lo stesso Dio anche oggi e ci aiuta ad un momento di riflessione nella nostra coerenza.

  • "Fate questo in memoria di me" (1 Corinzi 11:24). 
    Sembra, dunque, che i Cristiani possano dimenticare Cristo. Il testo implica la possibilità di dimenticare Colui che gratitudine e affetto dovrebbero far loro ricordare. Non ci sarebbe bisogno di questa amorevole esortazione, se non ci fosse la terribile possibilità che i ricordi possano risultare infidi, e la nostra memoria superficiale e mutevole.
     

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri