Rivolgersi a Dio

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

L'Eterno è vicino a tutti quelli che lo invocano, a tutti quelli che lo invocano in verità. Salmo 145:18

 

lo ho gridato all'Eterno... ed egli mi ha risposto. Giona 2:3

Mediante la preghiera, ci rivolgiamo a Dio e sappiamo che Egli ci ascolta (Salmo 65:2).

La Bibbia ci invita a parlargli "con ogni preghiera e supplica" (Efesini 6:18). Non vi sono regole da osservare, formule da pronunciare, frasi obbligatorie.

Dio ascolta le nostre parole cosi come sappiamo esprimerle, con il nostro linguaggio consueto, a volte anche povero.

La Bibbia precisa ancora: In ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche (Filippesi 4:6).

Per Lui, non c'è un argomento troppo importante o troppo insignificante, perchè s'interessa a tutti gli aspetti della nostra vita.

Possiamo parlargli di tutto, dirgli le preoccupazioni, le afflizioni, le angosce, i problemi, con la certezza che Egli risponderà "al momento opportuno" (Ebrei 4:16).

"Gli uomini preghino in ogni luogo" (1 Timoteo 2:8), è scritto.

Non c'è l'obbligo di un luogo specifico, una chiesa, per esempio.

Dio ascolta le nostre preghiere anche se espresse nel silenzio, dovunque ci troviamo, a casa, in automobile, per strada, sul lavoro, in un letto d'ospedale e... persino in prigione.

Il versetto citato prima (Efesini 6:18) aggiunge: "in ogni tempo". Non c'è momento che non gli si possa parlare.

Dio è un Padre, sempre in ascolto dei suoi figli.

Rivolgiamoci a lui senza timore, liberamente, semplicemente, con sincerità, come dei bambini davanti al loro papà.

Egli ha detto: "Invocami, ed io ti risponderò" (Geremia 33:3).

 

IL BUON SEME

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri