Quando gli emigranti eravamo noi italiani

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

--- Emigranti italiani in Belgio, lavoratori nelle miniere ---
E' vero qualcuno di loro avrà portato delinquenza e il peggio di se, in fondo il cuore che batte nei nostri cuori è quello. Nonostante questo la maggior parte di loro era li per dare futuro alla propria vita e della famiglia. Da compatire? Probabilmente no.

Rital è un termine dell’argot popolare francese che indicava gli italiani immigrati in Francia e Belgio prima e dopo la seconda guerra mondiale. Possiede una connotazione ingiuriosa nei confronti dei nostri connazionali che  lavoravano  nelle miniere di carbone  e il cui reclutamento venne favorito da un accordo concluso nel 1922 fra il Governo italiano e la Federazione Carbonifera belga che consentiva a quest’ultima di reclutare ufficialmente in Italia.

Appena dopo la Seconda Guerra Mondiale l’emigrazione italiana verso il Belgio, in particolare verso le miniere di carbone, assume dimensioni consistenti, favorita anche dal “Protocollo Italo-Belga” firmato a Roma il 23 Giugno 1946 e aggiornato il 26 aprile 1947” per il trasferimento di 50.000 minatori italiani in Belgio” al ritmo di 2000 a settimana. In cambio il Governo belga si impegna a vendere mensilmente all’Italia un minimo di 2.500 t. di carbone ogni 1.000 minatori immigrati. Quell’accordo fu chiamato  “UOMO -CARBONE”. Il contratto prevede 5 anni di miniera, con l’obbligo tassativo, pena l’arresto,di farne almeno uno.

Nei comuni italiani iniziarono a comparire dei manifesti che informavano della possibilità di questo lavoro  ma per quanto riguarda le mansioni effettive, diceva molto poco. Il viaggio in treno verso il Belgio durava tre giorni e tre notti. Non c’erano vagoni degni di tale nome, né servizi igienici. Arrivati a destinazione gli alloggiati si trovavano in ex campi di concentramento: baracche di legno, di lamiere ondulate, letti a castello, materassi di paglia e biancheria sudicia.

Fonte: raimondorizzo

Vedi anche:

Immigrati: Cosa ti aspettavi?

facebook icona twitter icona google icona whatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Ritratto di alex

più felici...

Ritratto di alex

Quando gli emigranti erano gli italiani, tra brave persone, anche se pidocchiose e puzzolenti, e gangster.
Ellis Island è stato il principale punto d'ingresso per gli immigranti che sbarcavano negli Stati Uniti. Sull'isolotto articificiale, situato nella parte alta della baia di New York, sono passati oltre 12 milioni di persone tra il 1892 e il 1954.

Migranti in cerca di un futuro migliore, provenienti dall’Italia, dall’Irlanda, dalla Grecia, dall’Algeria, dalla Russia,  arrivavano a Ellis Island per cercare di ottenere il visto e diventare cittadini statunitensi.

Ad Ellis Island, i medici del servizio immigrazione controllavano rapidamente ciascun immigrante, contrassegnando sulla schiena con un gesso, quelli che dovevano essere sottoposti ad un ulteriore esame per accertarne le condizioni di salute.

Chi superava questo primo esame, veniva poi accompagnato nella Sala dei Registri, dove erano attesi da ispettori che li registravano. Gli immigrati ricevevano quindi il permesso di sbarcare e venivano accompagnati al molo del traghetto per Manhattan.

I "marchiati" venivano inviati in un'altra stanza per controlli più approfonditi....
Fonte: ANSA

Opera evangelica a favore dei non vedenti

luce fra le tenebre

Opera evangelica per sordi

sordi evangelici

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

salvati per servire

Il vangelo tra gli stranieri

meta