Le tre risurrezioni compiute da Gesù

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Lo spirito di lei ritornò ed ella si alzò subito; Gesù comandò che le fosse dato da mangiare. Luca 8:55

Il morto uscì... Gesù disse loro: " Scioglietelo e lasciatelo andare".
Giovanni 11:44

Il morto si mise a sedere, e cominciò a parlare. Luca 7:15
Gesù risuscita la figlia dodicenne di Jairo, e ordina ai suoi genitori che le diano da man­giare.
Come la vita fisica, anche la vita spirituale ha bisogno di nutrimento per svilupparsi, in particolare in coloro che sono giovani nella fede. Gesù ha detto: " Non di pane soltanto vivrà l'uomo, ma di ogni parola che proviene dalla bocca di Dio" (Matteo 4:4).

L'apostolo Pietro scriveva: " Come bambini appena nati, desiderate il puro latte spirituale" (1 Pietro 2:2). E` la Parola di Dio quel pane della vita che viene dal cielo e che ci è indispensabile: " Chi mangia di questo pane vivrà in eterno" (Giovanni 6:58).

Gesù risuscita Lazzaro e ordina che lo sciolgano dalle bende che l'avvolgono e lo lascino andare (Giovanni 11:44). Il credente, diventato figlio di Dio, deve camminare " in novità di vita" (Romani 6:4).
Dev'essere libero da ogni impedimento umano per farsi guidare dallo Spirito Santo.
In passato eravate tenebre, ma ora siete luce nel Signore. Comportatevi come figli di luce (poichè il frutto della luce consiste in tutto ciò che è bonta, giustizia e verità) (Efesini 5:8-9).

Quando risuscita il figlio della vedova di Nain, il ragazzo si siede e si mette a parlare.
Il vero credente " nato di nuovo" è testimone di Colui che lo ha chiamato alla vita, e può raccontare a quelli che gli stanno attorno le grandi opere che Dio ha fatto per lui (Marco 16:15; Luca 8:39).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri