L`amore per il prossimo un debito inestinguibile

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Non abbiate altro debito con nessuno, se non di amarvi gli uni gli altri; perchè chi ama il prossimo ha adempiuto la legge. Infatti, il non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non concupire e qualsiasi altro comandamento si riassumono in questa parola: Ama il tuo prossimo come te stesso. Romani 13:8-9

C'è un debito che non si estingue mai: quello dell'amore verso gli altri! In altre parole, l'amore per gli altri va considerato come un diritto che gli altri hanno, qualcosa che è loro dovuto. Se in noi c'è amore, non mancheremo di soccorrere chi è nel bisogno e di consolare gli afflitti; ma soprattutto annunceremo a chi ancora non conosce la via della salvezza affinchè credano e siano salvati.

Anche la legge di Mosè, in particolare i dieci comandamenti, era in fondo la legge dell'amore: amore verso Dio nei primi quattro coman­damenti, amore verso il prossimo negli altri sei (Esodo 20:1-17, Galati 5:14). "Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore... Ama il tuo prossimo come te stesso. Da questi due comandamenti dipendono tutta la legge e i profeti" (Matteo 22:37-40).

Il Signore Gesù è stato l'unico Uomo che ha rispettato tutta la legge di Dio, l'unico che ha perfettamente amato il Padre suo e gli uomini." Dio mio, desidero fare la tua volontà, la tua legge è dentro il mio cuore" (Salmo 40:8).

Egli è stato "il prossimo" di tutti noi, il vero Samaritano che, come quello della parabola (Luca 10:25-37), ci ha soccorsi nella nostra sventura, si è preso cura dei nostri mali e si è sacrificato per salvarci. E cosi esortava i suoi discepoli:" Come io vi ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri. Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri" (Giovanni 13:34-35).

IL BUON SEME

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri