Il trono di Dio - Gino Parisi

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Qui il video

Gino Parisi illustra e spiega i simbolismi che riguardano la figura del Trono di Dio nell'Apocalisse. Il fratello nella sua conoscenza poliedrica tocca in realtà molti punti e riesce a farlo sempre giungendo al centro delle varie questioni che illustra.

 -Corchiano 2012-

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Conoscenza poliedrica???

ma dove...questo fratello gira le chiese per giudicarle e puntare il dito

basandosi su opinioni personali.

Chi non la pensa come lui viene definito anatema e viene allontanato come il peggiore dei cani...questo non lo chiamo cristianesimo ma SETTA...

fate attenzione a questi uomini...

Ritratto di alex

Caro Anonimo, non so a cosa ti riferisci in particolare.
Certamente il fratello ha una conoscenza approfondita, studia molto, scrive molto.

Personalmente difficilmente mi schiero con questo o con quello nel giudizio sulle chiese, a meno che queste non siano palesemente in errore, penso a delle dottrine che negano la divinità di Cristo, oppure dottrine abberranti quali transustazione, battesimo agli infanti, etc...

Non ho avuto modo di conoscerlo per gli aspetti da te dichiarati e, tuttavia, in questo video il fratello è stato molto edificante nella spiegazione di quei simbolismi...

A parte che la persona in questione nella sua "predicazione" si permette ripetutamente di giudicare e classificare dei comportamenti mettendo in dubbio qualsiasi cosa, sparando nel mucchio e senza conoscere il vissuto di una persona...ma se con conoscenza "poliedrica" si acclama una persona che dice per più di una volta "nell'ultimo capitolo VIENE PARLATO", io ho dei seri dubbi sul termine conoscenza.

Detto ciò, qui manca proprio l'amore di Cristo.Ed è lampante in ogni chiesa evangelica che si basa sulla conoscenza come il massimo grado spirituale e di realizzazione di un cristiano. Mentre qualcuno diceva che senza amore non siamo nulla. Il cristianesimo non sono regole di comportamento da seguire, ma avere cristo dentro di se; quindi una vita piena di misericordia e amore autentico verso gli altri.

Saluti.

Vorrei saperne di più...come mai questa differenza di opinioni? E poi è più importante questa conoscenza o l'amore di cui parla S.?

Ritratto di alex

L'amore è paziente, è benigno; l'amore non invidia, non si mette in mostra, non si gonfia, non si comporta in modo indecoroso, non cerca le cose proprie, non si irrita, non sospetta il male; non si rallegra dell'ingiustizia, ma gioisce con la verità, tollera ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa. 8 L'amore non viene mai meno; ma le profezie saranno abolite, le lingue cesseranno e la conoscenza sarà abolita, perché conosciamo in parte e profetizziamo in parte.

Ma quando sarà venuta la perfezione, allora quello che è solo parziale sarà abolito. Quand'ero bambino, parlavo come un bambino, avevo il senno di un bambino, ragionavo come un bambino; quando sono diventato uomo, ho smesso le cose da bambino.

Ora infatti vediamo come per mezzo di uno specchio, in modo oscuro, ma allora vedremo a faccia a faccia; ora conosco in parte, ma allora conoscerò proprio come sono stato conosciuto.

Ora dunque queste tre cose rimangono: fede, speranza e amore; ma la più grande di esse è l'amore.

1° Corinzi 13

Qui il film completo:
https://www.evangelici.info/paolo-di-tarso-il-film

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri