Il Potere della cameretta segreta

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
di David Wilkerson
29 Marzo 1992
__________

"Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta e, chiusa la porta, rivolgi la preghiera al Padre tuo che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa" (Matteo 6:6).

Quando Gesù parla di entrare in una cameretta segreta per cercare il Padre, si riferisce a qualcosa di ben più grande di una cameretta in senso letterale.

L'Antico Testamento afferma che Dio divise il Suo popolo in due categorie: "coloro che Lo cercano e coloro che non Lo cercano!" (Esdra 8:22).

Anche oggi Dio ha due tipi di figli: coloro che Lo cercano regolarmente nella loro cameretta segreta della preghiera e coloro che non lo fanno.

Quando Dio si adirò contro Israele per le sua idolatria, Mosè piantò la sua tenda fuori del campo. La Bibbia, afferma che dopo, " chiunque cercava il SIGNORE, usciva verso la tenda di convegno, che era fuori dell'accampamento" (Esodo 33:7).

Nel bel mezzo del dilagare dell'idolatria in Israele, c'erano ancora i figliuoli di Dio che dedicavano tempo ed energia a cercare il Signore con tutto il loro cuore! Questo residuo santo emergeva dai milioni d'idolatri che affollavano il popolo d'Israele. Sapevano di doversi recare fuori del campo o sarebbero caduti anch'essi
nell'apostasia che serpeggiava tra il popolo.

Secoli dopo, i sudditi del re Asa, capirono perché Dio li aveva benedetti e fatti prosperare e n'aveva garantito la pace con tutti i loro nemici : " perché abbiamo cercato il SIGNORE, il nostro Dio; noi l'abbiamo cercato, ed egli ci ha dato pace lungo i nostri confini. Essi dunque si misero a costruire, e prosperarono" (2
Cronache 16:6).

A un certo punto del regno di Asa, un esercito di un milione d'Etiopi si mosse contro Israele: " allora Asa invocò il suo Dio, e disse: " Tu sei il SIGNORE nostro Dio; non vinca l'uomo contro di te!". E il SIGNORE sconfisse gli Etiopi davanti ad Asa e gli Etiopi si diedero alla fuga furono fatti a pezzi davanti al SIGNORE " (2 Cronache 14:10-13).

Quando Asa fu attaccato, si prostrò con la faccia in terra e si rivolse a Dio in preghiera, e Dio rispose con la vittoria! Poco dopo quel trionfo, tuttavia, il profeta Azaria raggiunse Asa e gli disse: " il SIGNORE è con voi, quando voi siete con lui; se Lo cercate,
Egli si farà trovare da voi; ma, se Lo abbandonate, Egli vi abbandonerà!" (2 Cronache 15:2).

In altre parole: "se smettete di cercare la comunione con Dio, se smettete di desiderarlo ardentemente e di invocare il Suo Nome in tutto quello che fate, Egli vi abbandonerà!".

Azaria sapeva che a motivo delle grandi liberazioni provvedute da Dio, il re sarebbe stato tentato di diventare orgoglioso e di fare affidamento sulla carne. Per la verità, ogni volta che gli Israeliti cercarono Dio dopo di allora, Egli li benedisse: " nella sua
angoscia egli (cioè il popolo d'Israele) si è convertito al SIGNORE, Dio d'Israele, l'ha cercato, ed Egli si è lasciato trovare da lui".

Gli Israeliti sapevano da dove gli venivano potenza e vittoria: dall'aver cercato Dio con tutto il cuore!

"Si accordarono in un patto a cercare il SIGNORE, Dio dei loro padri, con tutto il loro cuore e con tutta l'anima loro perché avevano giurato di tutto cuore, avevano cercato il SIGNORE con grande ardore ed egli si era lasciato trovare da loro. E il SIGNORE diede loro pace lungo i confini" (2 Cronache 15:12,15).

Israele assaporava il riposo quando cercava Dio in preghiera! Questo non vuol dire che non avessero problemi ma, siccome si prostravano con la faccia a terra e gridavano a Dio, rivolgendosi a Lui in totale dipendenza, Egli li liberava sempre e dava loro ordine e
forza.

Del re Uzzia è scritto: " finché cercò il SIGNORE, Dio lo fece prosperare la sua fama raggiunse paesi lontani, perché egli fu meravigliosamente soccorso, finché divenne potente" (2 Cronache 26:5,15). Poiché Uzzia cercò Dio, il Signore lo rese potente e garantì l'ordine nel suo regno.

Ma, nella sua prosperità, questo re smise di cercare Dio. L'orgoglio s'insinuò e il suo cuore s'insuperbì. Uzzia si affidò alle braccia della carne e divenne lebbroso: fece una fine infamante!

Geremia profetizzò che tutti i pastori che si rifiutano di cercare Dio in preghiera verranno meno allo stesso modo: " perché i pastori sono stati stupidi e non hanno cercato il SIGNORE; perciò non hanno prosperato e tutto il loro gregge è stato disperso" (Geremia 10:21).

Continua sul sito detentore dei diritti....

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

 
Connessione ottima...

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri