Crocifisso e risuscitato

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Mi proposi di non saper altro fra voi, fuorchè Gesù Cristo e lui crocifisso.  Corinzi 2:2

Gesù Cristo, il Nazareno, che voi avete crocifisso e che Dio ha risuscitato dai morti. Atti4:10

I discepoli avevano abbandonato il loro Mae­stro, uno l'aveva rinnegato, l'altro l'aveva tradito. Dopo un processo ingiusto, Gesù era stato condannato alla crocifissione. Alcune donne che lo avevano seguito per occuparsi di lui erano rimaste vicino alla croce. Avevano guardato dove era stato messo il suo corpo (Marco 15:47) e come l'avevano deposto nel sepolcro (Luca 23:55).
Certo, non avevano capito che il Signore doveva risorgere, ma gli erano affezionate, e avevano intenzione, dopo il sabato, di imbalsamare il suo corpo.
Il primo giorno della settimana, di primo mattino, queste donne vanno con dei profumi al sepolcro. Ma cosa vedono? La grande pietra che chiudeva l'entrata era rotolata via e il sepolcro era vuoto. All`improvviso appaiono due angeli e uno di loro dice alle donne: "So che cercate Gesù, che è stato crocifisso. Egli non è qui, perchè è risuscitato" (Matteo 28:5, 6).

Lettori, voi cosa cercate? Gesù crocifisso? I due discepoli sulla strada di Emmaus pensavano solo a Gesù crocifisso, ed erano tristi (Luca 24:17).
Pensare a Gesù crocifisso è il punto di partenza: Egli è morto per me, ha preso su di sè il mio peccato, la mia condanna.

Ma bisogna andare oltre: "Gesù è risuscitato". Una nuova luce ha brillato nel seno delle tenebre. Cristo ha vinto la morte ed è vincitore sul diavolo, che aveva il potere della morte (Ebrei 2:14).
Che meravigliosa notizia! Noi abbiamo un Salvatore risu­scitato, nella gloria del cielo.

IL BUON SEME

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri