14.03.2011 - Commando palestinese fa strage di coloni ebrei

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Come raccontare l'attacco bestiale portato ieri a una famiglia del villaggio di Itamar in Samaria, una delle storie di ordinario terrorismo palestinese, uno dei più feroci del mondo, sempre puntato su famiglie, gente inerme, donne, bambini, che i media poi chiamano "coloni", a giustificazione degli assassini? Eppure ecco per l'ennesima volta l'orrore di quello che è accaduto ieri: una ragazzina di 12 anni partecipa fino a mezzanotte ad un'attività scoutistica con i suoi coetanei nel suo villaggio, Itamar, in Samaria, dove vivono 100 famiglie circa. Torna a casa e bussa alla porta. Nessuno risponde. Quello che vedrà entrando con l'aiuto del vicino è sua madre, suo padre, i suoi tre fratelli di 11 e 3 anni e di due mesi con la gola tagliata, morti. Altri due fratellini di 6 e di 2 anni sono riusciti a fuggire e lei se li tiene abbracciati mentre arrivano inutili ambulanze, inutili squadre di polizia. Il villaggio è difeso da un recinto di rete e non di muratura, e ha già sofferto un'altra famiglia letteralmente fucilata alla schiena da un eroico commando palestinese, ancora una volta una madre, Rachel Shabo, e tre dei suoi bimbi, oltre al responsabile della sicurezza Yossi Twitto ucciso mentre tentava di difenderli.

La rivendicazione viene dalla parte "moderata" dello spettro politico palestinese, ovvero dalle Brigate di Al Aqsa braccio armato di Fatah, fondate da Marwan Barghouti. Si sussurra anche di una riunione tenuta a Khartoum da membri di Hamas e di Fratelli musulmani vari, dove sarebbero stati presenti palestinesi, egiziani, tunisini e anche inglesi: avrebbero coordinato un grande piano di attacco terroristico islamico internazionale capeggiato dall'Iran di cui Israele sarebbe stato il primo obiettivo.
Ma se restiamo allo scenario israelo-palestinese è facile capire il contesto dell'attacco bestiale di Itamar. Da una parte abbiamo una balbettante reazione di Salam Fayyad, primo ministro dell'autorità palestinese contro «ogni forma di violenza», Hamas distribuisce caramelle e festeggia per le strade gli eroi terroristi, Netanyahu accusa la continua campagna d'odio palestinese di essere la matrice della strage. Obama, fra gli altri, condanna.
Ma lo sfondo che spiega l'attacco compiuto l'altra notte è da una parte quello della rivoluzione dei paesi arabi circostanti, dall'altro lo sfondo di odio più classico. La leadership di Abu Mazen e Fayyad è in uno stato di allarme che ha portato i due ad atteggiamenti antagonisti e super intransigenti per conquistare le masse che ne minacciano il potere su internet e in piazza. Chiamano Abu Mazen servo di Israele e degli americani. La loro campagna è stata dunque dominata dal richiamo alla necessità di unità con Hamas. I palestinesi non hanno intenzione di trattare per due Stati per due popoli: per loro la Palestina è una, e comprende anche Israele. Le prove, e qui viene il secondo punto: per fare solo un paio di esempi, il torneo di calcio dell'Autonomia Palestinese è intitolato a Wafa Idris, la prima gloriosa terrorista suicida donna, come tante piazze e strade. Alla tv di Stato si chiama a «liberare tutta la terra rubata ai palestinesi», il parlamentare "moderato" Barghouty spiega che «Israele è il nemico più abominevole che il mondo abbia conosciuto», e per il ministro della cultura Gerusalemme non è mai stata patria degli ebrei. È una goccia nel mare d'odio che salvaguarda la leadership ed è il mandante degli assassini.

(il Giornale, 13 marzo 2011)

Fiamma Nirenstein 


 Strage di Itamar, funerali di massa

Presenti molte personalita' religiose e politiche

GERUSALEMME, 13 mar - Circa 20 mila persone hanno partecipato alle esequie dei 5 membri della famiglia Fogel uccisi nella notte di venerdi' in un attentato palestinese nella colonia di Itamar (Cisgiordania), la cui efferatezza ha sconvolto Israele. Una lunga fila di personalita' religiose e politiche ha pronunciato gli elogi funebri per Ehud e Ruth e per tre dei loro figli: Yoav (11 anni), Elad (4 anni) e Hadas (3 mesi). Nel rivolgersi ai congiunti delle vittime, alcuni oratori sono scoppiati in singhiozzi.

(ANSA, 13 marzo 2011)


Israele - Dopo la strage ingranditi gli insediamenti

È duplice la reazione di Israele all' eccidio di una famiglia di coloni nell'insediamento cisgiordano di Itamar, attribuito a terroristi palestinesi. Sul piano politico il governo ha autorizzato la costruzione di circa 500 nuovi alloggi in alcuni grandi insediamenti: Maalè Adumim, Ariel, Kiryat Sefer e Gush Etzion. Su quello emotivo la destra è scesa in piazza con molte migliaia di persone che hanno partecipato ai funerali delle cinque vittime (padre, madre e tre bambini di 11 anni, tre anni e tre mesi) mentre gruppi di ultrà nazionalisti lasciano presagire vendette. Le speranze per un accordo di pace con i palestinesi paiono ulteriormente compromesse dopo questo orrendo crimine.

(il Giornale, 14 marzo 2011)

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Premessa Ringraziato sia il Signore che ha voluto mandare a noi, gli ultimi, i più miseri, la Sua Parola, la Verità. La Sacra Scrittura dice che soltanto la verità ci rende liberi e chi vuole essere liberato dalle catene del peccato e della morte ha bisogno della Verità, Gesù: la Parola di Dio.

  • E' di questi giorni la notizia, molto discussa, di voler trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Si parla di Stati Uniti, come ampiamente risaputo, e in particolare delle disposizioni del presidente Trump. La curiosità è che nella disinformazione in cui viviamo, sembra un paradosso per i nostri tempi, molti credono che gli USA abbiano deciso, in questo modo, di fare di Gerusalemme la capitale d'Israele. Non è così. Gerusalemme è la capitale d'Israele, li vi si riunisce il parlamento nell'unica democrazia di quei luoghi.

  • Era il 28 ottobre 1.965 quando Il Concilio Vaticano II assolve il popolo ebraico tutto dall’aver ucciso Gesù Cristo. Sono passati “solo” 760 anni dalla condanna di Papa Innocenzo III.....
  • Si celebra a partire da sabato sera. storia di un mancato sterminio
    Purim è una festa molto particolare per il calendario ebraico. Si distingue da tutte le altre per il suo carattere conferitogli dalle generazioni successive, ma sopratutto per la sua fonte principale, la Meghillà di Ester stessa.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta