Tu sei quell'uomo! - (Tu sei quella donna)

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

LA TRAVE NELL'OCCHIO - "Allora Natan disse a Davide: «Tu sei quell'uomo!»" (2 Samuele 12:7)
 

Un giorno Gesù disse ai suoi discepoli che era più facile individuare i piccoli difetti degli altri, piuttosto che prendere coscienza dei nostri. Le parole di Gesù risuonarono come un monito: "perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, mentre non scorgi la trave che è nell'occhio tuo?". Al Re Davide stava succedendo la stessa cosa, era pronto ad arrabbiarsi e ad emettere sentenze riguardo agli altri ma non riusciva a vedere la gravità del suo peccato. In un certo periodo della sua vita si era macchiato delle colpe di adulterio e omicidio e per farlo riflettere il Signore gli invio il profeta Nathan. Il profeta raccontò a Davide la storia di un uomo molto ricco che avendo all'improvviso dovuto ospitare dei viaggiatori, per sfamarli prese l'agnellina di un povero che non aveva altro. A questo racconto Davide si adirò e disse: "Quest'uomo deve morire!" e il profeta rivolgendosi a lui affermò: "Tu sei quell'uomo!".
 
Il Re Davide comprese che il suo peccato era noto e provò un profondo dispiacere per quello che aveva fatto. Questo lo spinse a confessare apertamente le sue colpe e a ritenersi degno del giusto giudizio di Dio. La prima opera che compie lo Spirito Santo nella vita degli uomini è quella di rivelargli la loro condizione di peccato, facendo sparire "la trave dell'orgoglio" che c'impediva di vedere. Se oggi scopriamo di essere come gli uomini che condanniamo, ringraziamo Dio, pieghiamo le nostre ginocchia e confessiamo a Lui i nostri peccati, troveremo il perdono e la pace del cuore.

 

Fonte: www.paroledivita.org

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • L'omosessualità consentita nella Bibbia? 
    Malizia nella lettura?
    O un'amicizia, "genuina e profonda, che ha caratteristiche di purezza e di liceità?"


    Giuseppe Martelli
    è uno degli anziani della
    Chiesa Cristiana Evangelicia "Assemblea dei fratelli".
    Borgata Finocchio (Roma)
    Via Cassaro 80-84
    Roma - 00132

    Email: gm1964|chiocciolina|fastwebnet.it

    lo studio è allegato

  • Lamentazioni 5:21 - "Facci tornare a te, o Signore, e noi torneremo!" - Un breve messaggio su come il pentimento comincia con Dio. Non puoi pentirti a meno che non sia Dio a prendere l'iniziativa. Senza pentimento non si arriva alla fede.
    E' Dio che ci attira a se'. Ascolta anche il salmo 80.

    Traduzione: Erika

  • Il Salmo 51, un salmo penitenziale, fu composto da Davide dopo il suo grande peccato con Betsabea, per colpa del quale si rese colpevole, tra altre cose, di adulterio e di assassinio. Fu scritto nell'angoscia e con un senso di grande disgusto per se stesso. La potenza dello Spirito di Dio aveva toccato il cuore del peccatore. Anche se il pentimento non ha in sé alcun merito, esso è tutto quello che possiamo portare a Dio; rappresenta la consapevolezza, da parte dell'uomo, di non avere nulla da offrirgli.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri