Shahbaz Bhatti, il ministro ucciso in Pakistan perchè cristiano

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Qui il video

Bhatti, ministro Pakistano ucciso perchè cristiano. Ministro per la difesa delle minoranze religiose che, a pochi mesi dall'attentato,  rilascia questa video testimonianza. Uccisione che praticamente sentiva vicino, è molto toccante proprio perchè si dichiara pronto a morire (non morire uccidendo, differenza non trascurabile con i kamikaze islamici). Morire... per Gesù...  Si batteva in questi ultimi tempi anche per il caso Aisa Bibia di cui, più sotto, sono riportate alcune informazioni.

Shahbaz Bhatti

 


Asia Bibi: ministro, 'accuse inventate'

Relazione consegnata al presidente pachistano Zardari

(ANSA) - ISLAMABAD, 25 NOV - Le accuse di blasfemia contro Asia Bibi sono 'motivate da gelosie personali' e i 'fatti contenuti nella denuncia sono stati inventati e manipolati'.

Sono le conclusioni a cui e' giunto il rapporto del ministro per le Minoranze, Shahbaz Bhatti consegnato stasera al presidente pachistano Asif Ali Zardari. Il dossier e' accompagnato da documenti che provano l'innocenza della donna.


ASIA BIBIA

Asia Bibi è una donna cristiana condannata a morte in Pakistan con l'accusa di aver offeso il profeta Maometto.

La sentenza è stata emessa nel 2010 da una corte del distretto pakistano di Nankana, nella provincia centrale del Punjab. In Pakistan la blasfemia è un reato punibile con la condanna a morte.
Indice

Il caso

La vicenda risale al giugno 2009 quando ad Asia Bibi, una lavoratrice agricola, viene chiesto di andare a prendere dell'acqua. A quel punto un gruppo di donne mussulmane l'avrebbe respinta sostenendo che lei, in quanto cristiana, non avrebbe dovuto toccare il recipiente e si sono quindi rivolte alle autorità sostenendo che lei nella discussione avrebbe offeso il profeta Maometto.

Asia Bibi, arrestata pochi giorni dopo nel villaggio di Ittanwalai, ha negato le accuse e ha replicato di essere perseguitata e discriminata a causa del suo credo religoso.

La famiglia ha presentato ricorso contro la sentenza.

Le reazioni

Il caso ha suscitato proteste da parte di gruppi cristiani e di organizzazioni per la difesa dei diritti umani e ha portato molti pakistani a chiedere di cancellare o rivedere la legislazione nazionale sulla balsfemia. Tra questi il governatore del Punjab, Salman Taseer, che si è recato a trovare Asia Bibi in carcere e che proprio per il suo impegno nella revisione delle norme sulla blasfemia è stato uccciso il 4 gennaio 2011 a Islamabad da una delle sue guardie del corpo.


Questa terribile storia, e chissà quante se ne possono contare tutt'oggi, ci ricorda come il cuore dell'uomo sia sostanzialmente immutato da millenni. Si utilizza, e si utilizzava, il nome di Dio, che tutti riconosciamo d'amore, per commettere i crimini più efferrati, quelli cioè, proprio in nome di Dio. 

Infatti l'accusa, falsa, di balsfemia fu utilizzata molte volte, ci racconta la Bibbia, per liberarsi di "nemici" anche con Gesù fu così. Lui stesso fu accusato di bestemmia. Qui però, ora, riportiamo questa storia dove si evidenzia, tuttavia, la grande misericordia di Dio.

La vigna di Nabot; condotta scellerata di Acab e di Izebel


1Re 21 - vedi anche Mi 2:1-3; Ec 3:16-17

Nabot d'Izreel aveva una vigna a Izreel presso il palazzo di Acab, re di Samaria.  Acab parlò a Nabot, e gli disse: «Dammi la tua vigna, di cui voglio farmi un orto, perché è contigua alla mia casa; e al suo posto ti darò una vigna migliore; o, se preferisci, te ne pagherò il valore in denaro».

Ma Nabot rispose ad Acab: «Mi guardi il SIGNORE dal darti l'eredità dei miei padri!» E Acab se ne tornò a casa sua triste e irritato per quella parola dettagli da Nabot d'Izreel: «Io non ti darò l'eredità dei miei padri!» Si gettò sul suo letto, voltò la faccia verso il muro, e non prese cibo.
Allora Izebel, sua moglie, andò da lui e gli disse: «Perché hai lo spirito così abbattuto, e non mangi?» Acab le rispose: «Perché ho parlato a Nabot d'Izreel e gli ho detto: "Dammi la tua vigna per il denaro che vale; o, se preferisci, ti darò un'altra vigna invece di quella"; ed egli m'ha risposto: "Io non ti darò la mia vigna!"»  Izebel, sua moglie, gli disse: «Sei tu, sì o no, che eserciti la sovranità sopra Israele? Àlzati, mangia, e sta' di buon animo; la vigna di Nabot d'Izreel te la farò avere io».

Scrisse delle lettere a nome di Acab, le sigillò con il sigillo di lui, e le mandò agli anziani e ai notabili che abitavano nella città di Nabot. In quelle lettere scrisse così: «Bandite un digiuno, e fate sedere Nabot in prima fila davanti al popolo;  mettetegli di fronte due malfattori, i quali depongano contro di lui, dicendo: Tu hai maledetto Dio e il re; poi portatelo fuori dalla città, lapidatelo, e così muoia».
La gente della città di Nabot, gli anziani e i notabili che abitavano nella città, fecero come Izebel aveva loro ordinato, scrivendo le lettere che aveva loro mandate.  Bandirono il digiuno, e fecero sedere Nabot davanti al popolo. Poi vennero i due malfattori. Si misero di fronte a lui, e deposero così contro di lui, davanti al popolo: «Nabot ha maledetto Dio e il re». Allora lo condussero fuori dalla città, lo lapidarono, ed egli morì. 14 Poi mandarono a dire a Izebel: «Nabot è stato lapidato ed è morto».

Quando Izebel udì che Nabot era stato lapidato ed era morto, disse ad Acab: «Àlzati, prendi possesso della vigna di Nabot d'Izreel, che egli rifiutò di darti per denaro; poiché Nabot non vive più, è morto». Quando Acab udì che Nabot era morto, si alzò per scendere alla vigna di Nabot d'Izreel, e prenderne possesso.

 

Severa condanna di Acab e Izebel; pentimento di Acab

(Sl 7:11-16; Is 3:11)(1R 22:30-38; 2R 9:6-37; 10:1-11)
Allora la parola del SIGNORE fu rivolta a Elia, il Tisbita, in questi termini: «Àlzati, va' incontro ad Acab, re d'Israele, che sta a Samaria; egli è nella vigna di Nabot, dov'è sceso per prenderne possesso. E gli parlerai in questo modo: "Così dice il SIGNORE: Dopo aver commesso un omicidio, vieni a prendere possesso?" E gli dirai: "Così dice il SIGNORE: 'Nello stesso luogo dove i cani hanno leccato il sangue di Nabot, i cani leccheranno anche il tuo'"».

Acab disse a Elia: «Mi hai trovato, nemico mio?» Elia rispose: «Sì ti ho trovato, perché ti sei venduto a fare ciò che è male agli occhi del SIGNORE. Ecco, io ti farò cadere addosso una sciagura, ti spazzerò via, e sterminerò ogni uomo della tua casa, schiavo o libero che sia, in Israele; e ridurrò la tua casa come la casa di Geroboamo, figlio di Nebat, e come la casa di Baasa, figlio di Aiia, perché tu hai provocato la mia ira e hai fatto peccare Israele. Anche riguardo a Izebel il SIGNORE parla e dice: "I cani divoreranno Izebel sotto le mura d'Izreel.

Quelli di Acab che moriranno in città saranno divorati dai cani, e quelli che moriranno nei campi saranno divorati dagli uccelli del cielo"».
25 In verità non c'è mai stato nessuno che, come Acab, si sia venduto a fare ciò che è male agli occhi del SIGNORE, perché era istigato da sua moglie Izebel. 26 Si comportò in modo tanto abominevole, andando dietro agli idoli, come avevano fatto gli Amorei che il SIGNORE aveva cacciati davanti ai figli d'Israele.


Gr 23:29; Sl 78:34-38; Gn 3:4-10; Is 66:2
Quando Acab udì queste parole, si stracciò le vesti, si coprì con un sacco, e digiunò; dormiva avvolto nel sacco, e camminava a passo lento. E la parola del SIGNORE fu rivolta a Elia, il Tisbita, in questi termini: «Hai visto come Acab si è umiliato davanti a me? Poiché egli si è umiliato davanti a me, io non farò venire la sciagura mentre egli è ancora vivo; ma manderò la sciagura sulla sua casa, durante la vita di suo figlio».

AllegatoDimensione
Image icon shahbaz-bhatti.jpg38.27 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri