La mia testimonianza, Ruxandra

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Mi chiamo Ruxandra e ho 32 anni. Sono nata in Romania in una famiglia di religione ortodossa. Nella mia famiglia non si andava mai in chiesa per sentire una messa, solo per qualche funerale, matrimonio o battesimo.

A volte si andava per accendere una candela per un vivo o per un morto, e cosi eravamo contenti "siamo a posto con Dio". Ogni tanto si scriveva una lettera per un desiderio di preghiera, si dava al prete, sapendo che lui preghera per noi. Non c’era bisogno che noi pregassimo, faceva lui tutto.

L’idea di entrare in chiesa mi dava un senso di paura, quell'ambiente oscuro, con tante candele mi facevano sentire un vuoto nello stomaco.

Avevo 15 anni, quando la mia compagna di scuola, mi ha parlato per la prima volta di Gesu Cristo, dicendomi che Lui mi ama, ha dato la Sua vita per me e che vuole far parte della mia vita, se io gli do il permesso. Quando mi ha invitato nella sua chiesa, sono andata per curiosita, perche era di una cofessione diversa dalla mia, era evangelica battista.

Rimasi sorpresa della semplicita di quello che loro chiamavano “chiesa”, una sala piccola e umile, rispetto a una chiesa ortodossa. Sinceramente quell’atmosfera non ha avuto un effetto negativo. Anzi, in certi momenti sentivo una strana “presenza”, indescrivibile e inquietante. Ero stata colpita dalla fede viva di tutti, dalle loro Bibbie consumate e sottolineate, e soprattutto dalla preghiera. Parlavano con Dio, senza recitare, e sembrava che Lo avessero li davanti. Per me, abituata ai riti preconciliari e alla Messa è stato un shock positivo !

Confesso che scoprivo cose interessantissime che intendevo aproffondire. Per questo, quando sono stata invitata ad andare ad un incontro di evangelizzazione che organizzava l’evangelista Luis Palau, sono andata senza pensarci 2 volte. Allora e succeso la cosa piu bella della mia vita…. le sue parole mi hanno toccato il cuore, e quando ha chiesto chi volesse dare la sua vita a Gesu, sono andata avanti con tante altre persone per fare la preghiera. Piangevo….ero emozionata al massimo… Ho sentito come una specie di doccia spirituale che mi lavava dentro e fuori, mi toglieva di dosso il marcio, poi qualcosa di dolcissimo e stupendo che entrava e mi faceva piangere di commozione.

Quella sera sono tornata a casa ubriaca di gioia…ho raccontato la mia esperienza ai miei genitori…Hanno accettato, non mi hanno detto nulla, erano pure contenti, perche mi vedevano felice, mi vedevano cambiata.

Ricordo esperienze meravigliose, ricordo che il mio piccolo cuore era ricolmo di gioia e di pace, ricordo che in ogni momento sentivo la presenza di Gesù nella mia vita, mi sentivo tra le Sue braccia amorose, e sapevo che nessuno mi poteva rapire dalla Sua mano. Ai 17 anni mi sono ammalata e da allora ho cominciato a non frequentare piu la chiesa come prima, avevo dei dolori e insieme con i miei genitori si andava dappertutto per farmi delle analisi…

A 18 anni sono stata operata di coleciste, un’operazione dove ho avuto delle complicazioni e che mi ha tenuto ferma in ospedale quasi 1 mese. In quel momento ero gia lontano da Dio, ero pure arrabbiata, per quello che mi succedeva.

Dopo le cose cambiarono, il mondo intorno a me era pieno di cose che apparentemente erano così belle, così luccicanti, così attraenti… i miei amici intorno a me sembravano così felici… e così piano piano e voglio sottolineare queste parole, piano piano, ho incominciato a distogliere lo sguardo dal mio Signore e ho incominciato a guardare quelle cose apparentemente così belle che il mondo mi offriva…

Ora so che ciò che il mondo offre è morte e rovina, ora so che le gioie che la vita offre sono gioie effimere e passeggere ma allora mi sembravano così belle… così luccicanti… così appetibili…fino al punto che lasciai la chiesa e dato che nessuno poteva rubarmi dalla mano del Signore Gesù gli chiesi di aprire quella mano in cui fino ad allora mi ero rifugiata, e gli dissi che volevo scendere…

La libertà è il dono più bello che Dio a dato all'uomo e Gesù aprì la Sua mano e mi permise di scendere… Da quel momento la mia vita cambiò, quella gioia, quell'amore e quella pace che sentivo riempire e soddisfare il mio cuore se ne andarono e cominciai a ricercarle in ciò che il mondo poteva offrirmi, non cera niente che riusciva a soddisfarmi, tutto era passeggero, quasi tutto si doveva pagare…

Piu tardi ho conosciuto un ragazzo meraviglioso e dopo 2 anni ci siamo sposati. Il mio matrimonio era felice, perfetto, ci amavamo con tutto il cuore, il nostro amore cresceva ogni giorno che passava. Anche se si soffriva tanto perche non potevamo avere dei bambini, eravamo forti nel nostro amore, niente ci poteva separare. Lui era buono con tutti, non faceva mai del male a nessuno, aiutava a tutti, andava spesso in chiesa…pure io avevo cominciato ad andare di nuovo in chiesa. Pensavo che niente e nessuno avrebbe potuto separarci….finche non arrivo quel giorno…un giorno disastroso…si ammalo all’improviso, gli era venuta un’emoragia interna. L’ho portato all'ospedale d’emergenza, pero non sono riusciti a salvarlo, e in tre giorni se ne andato. Fu un colpo terribile per me, e in quel momento ho detto: Non esiste Dio!

La mia vita andò di male in peggio…Volevo morire, non vedevo piu il senso della mia vita….e dopo un lungo periodo di isolamento, ho cominciato sempre di piu a pensare alla morte. Ho fatto vari cose per finire con la vita…per avvelenarmi…per ammalarmi… Non credevo piu in Dio e mi comportavo di conseguenza.

Mi sentivo padrona della mia vita e come tale avevo il diritto si distruggerla. I miei genitori erano disperati, non mi riconoscevano piu, litigavo sempre con loro…Ma a me non interessava, il mio interesse era la mia rovina…che prima o poi sarei arrivata dove volevo…alla morte. Dovevo avere un angelo speciale vicino a me! Perché cercavo spesso di farmi del male ma in qualche modo Dio aveva pietà di me anche se non me ne accorgevo.

Anche se soffrivo per il motivo che mio padre non mi parlava piu, non e riuscito a far cambiare la mia decisione. Un giorno invece, quando sono tornata a casa ho trovato la mia mamma piangendo…stava veramente male…mi sono svegliata…ho detto dentro di me: No, mamma, io non voglio fare del male a te, solo a me. E se quello che io faccio ti fa sentire male, io sono decisa a cambiare. E cosi mi sono aperta a loro e ho chiesto il loro aiuto. Mi hanno aiutato con tutte le loro forze…Abbiamo deciso che mi devevo allontanare da quel posto per un periodo, per poter finire i rapporti con i miei amici.

E cosi sono venuta in Italia. Aproffito dell’ocasione per chiedervi perdono, cari miei genitori, per quegli anni di sofferenza, di dolore, e voglio ringraziarvi per tutto quello che avete fatto. Il Signore ti ha risposto alle preghiere, babbo, mi riccordo benissimo quel giorno quando tu, mai andato in chiesa, mai aperta una Bibbia, mi hai fatto vedere quel libricino con le preghiere che avevi comprato e mi hai detto che preghi per me. In quel momento ho capito che eri veramente disperato.

Io avevo chiesto a Gesu di scendere dalla Sua mano, io l'avevo rinnegato, io l'avevo maltrattato….nel momento del bisogno Lui nel Suo meraviglioso amore non si girò dall'altra parte, ma stese la Sua mano e mi salvò.

I miei anni in Italia sono stati tranquilli…appena arrivata ho conosciuto una persona a cui ho raccontato la mia vita, i miei pensieri…cmq con la paura che la potessi perdere. Pero non e successo cosi….mi ha accetato, capito ed aiutato…Cosi ho cambiato il mio modo di pensare, sono tornata con la voglia di vivere e di realizzarmi…sono tornata in Romania per prendere la laurea…una delle cose avevo lasciato perdere.

Pero non cercavo Dio…mi ricordavo di ciò che avevo lasciato, sapevo di essere colpevole davanti a Dio ma rimandavo sempre il giorno per tornare a Lui, pensavo che avevo tanto tempo davanti a me, ero giovane, nella mia vecchiaia probabilmente ritornerò a Dio, pensavo, perché il pensiero di un giudizio e dell'inferno mi spaventava, ma, pensando queste cose il tempo scorreva e io rimanevo sempre legata ai piaceri del questo mondo.

Il boom e succeso l’anno scorso…quando la notizia che la mia mamma era malata di tumore… Mi sono sentita a pezzi…ero disperata…ed in quel momento mi sono messa in ginocchi ed imploravo Dio…piangevo e pregavo continuamente…Mi era venuto il desiderio di cercare Dio…sempre piu intensamente… pero non sapevo dove andare…

E successo che la persona dove lavoravo si ammalo e dovevo cercare un'altro lavoro…proprio in quel periodo ho conosciuto un ragazzo che mi ha offerto di poter andare a casa sua a lavorare, e cosi sono venuta a Pistoia.
 
A volte andavo con lui in chiesa per pregare, accendevo una candela, pero sapevo che mancava qualcosa…C’e stato un periodo che a casa dove lavoravo venivano, una volta i mormoni, un’ altra volta i testimoni di Geova…l’ho sentita come una chiamata da Dio....Mi sono detta: “Se ci sono questi, devono esserci di sicuro anche le chiese evangeliche…ho preso le Pagine Bianche…ho cercato ed ho trovato… E cosi sono venuta per prima volta dopo tanti anni a sentire la Parola di Dio. In quello stesso giorno mi umiliai davanti a Lui, piansi amaramente come una bambina e invocai il perdono dei miei peccati… è stato meraviglioso… sentii di nuovo la pace, la gioia e l'amore che molto tempo prima avevo gia esperimentato, sentii di nuovo la presenza di Dio nella mia vita, e oggi posso testimoniare con tutta la mia forza che Dio è amore.

Da allora il mio cammino spirituale ha avuto dei alti e dei bassi… ho cercato di capire perche non mi posso avvicinare a Dio di piu, perche non Lo sento… ho avuto tanti momenti di disperazione… avevo cominciato a girare nelle altre chiese evangeliche… pensavo che il motivo era la chiesa… Alla fine ho capito che il vero problema era dentro di me…
 
La verita e che non facevo niente per il Signore…p regavo…leggevo la Bibbia… andavo in chiesa… pero non facevo la cosa piu importante: non ubbidivo ai Suoi comandamenti, non rinunciavo a niente del mio passato… non avevo cambiato niente… In quel momento e stato il mio vero risveglio spirituale. Ho messo il Signore al primo posto nella mia vita, ho rinunciato alle cose che non erano piacevoli a Lui… e qui vorrei dire una cosa alle persone che forse hanno sofferto per la mia decisione…. vi voglio bene, e spero che un giorno riuscirete a capire me, ma soprattutto che senza il Signore sarà sempre sofferenza e dolore… solo Lui ci puo aiutare, ci può sostenere nei momenti difficili, perche Lui ci ama con un amore vero… e aspetta la stessa cosa da noi, di amarLo con tutt’il cuore, solo in quel momento avremmo la pienezza della Sua benedizione.

Ancora sbaglio e devo lottare contro il peccato e le stesse debolezze. A volte vorrei che non fosse cosi, ma quando ritrovo la pace a lungo desiderata mi rendo conto che Dio non e interessato ad eliminare ogni tipo di tentazione dalla nostra vita. Il cristiano non diventa perfetto nel giro di un giorno; inciampa e cade ancora, ma puo contare sul fatto che Gesu è con lui. Il Signore conosce i nostri errori, ci perdona e ci da quel tanto di forza che e necessario per superarli.

Questo è il messaggio che voglio dare con la mia testimonianza che Dio

è Amore
, Lui ci ama non per quello che siamo o per quello che

facciamo ma perché Lui è amore. Non ti scoraggiare, se sei caduto Dio è colui che ti

rialza, Egli ti ama, e se ancora non hai conosciuto il Suo amore invocalo là dove ti trovi, con semplici parole confessagli i tuoi peccati e i tuoi sbagli, riconoscilo come Salvatore e Signore ed Egli trasformerà la tua vita
. Non rimandare questo appuntamento a “domani”, perche non sai quello che domani accadra; e poi, ogni giorno che passa e un’opportunita perduta.

Non credere a chi ti dice che basta comportarsi bene, non far male a nessuno, fare opere buone, frequentare la chiesa ecc, per sperare di essere salvato; e una tremenda buggia che ha contribuito a far inorgoglire gli uomini inducendoli a credere di potersi salvare da se; Gesu e categorico: devi nascere di nuovo!

Oggi riconosco che non c'è miracolo più grande di quello che Gesù ha fatto morendo per noi sulla croce, oggi ho il privilegio di servirlo, oggi posso usare la mia bocca che un tempo bestemmiava il Suo nome per predicare la parola di Dio…tutto ciò non è il frutto della mia bravura, non è il frutto di quello che mi sono guadagnato o meritato… tutto ciò è il frutto del Suo amore.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Cara Ruxandra, d'un fiato ho letto quanto hai avuto la cortesia di raccontare qui. E' stato emozionante, a volte triste e alla fine costruttivo ed edificante. E' vero abbandonare il nostro Dio ci fa smarrire e perdere, come pecore senza pastore. Ma, come dici, Lui non ci lascia mai. Anche quando noi decidiamo di abbandonarlo Lui ci è vicino e pronto a perdonarci ogni volta.

Lui che una volta per tutte ha pagato e per ogni nostro peccato, affinchè chiunque Lo riceva non perisca. E tutto questo, mi è piaciuto molto ciò che hai detto, è frutto del Suo amore ....!!

Carissimo fratello,

ti ringrazio che hai avuto la pazienza di leggere la mia testimonianza. Questa e l'originale, perche questi giorni l'ho dovuta cambiare. Questa domenica ho il battesimo e il pastore mi ha detto che posso parlare solo 5 minuti. Sono rimasta male, perche io volevo trasmettere tutto. Comunque, con quello che e rimasto, spero che lo Spirito Santo portera, tramite la mia testimonianza, anche altre persone a rifletere....e ad accetare Gesu nella loro vita.

DTBG

Ritratto di alex

Come è andata la testimonianza ?

Ritratto di alex

Non so se sia corretto dirlo... ma ... buon battesimo. Il nostro benevole Padre possa utilizzarti, utilizzarci, come Suoi strumenti. Vasi ad onore. Possa l'evento del tuo battesimo essere una buona testimonianza per l'adunanza che frequenti e sopratutto per quanti ancora hanno il cuore privo della presenza di Gesù, il Cristo, il nostro Fratello maggiore, il nostro Salvatore.

Alex

Caro fratello, il mio battesimo e stato bellissimo... Ho avuto un'esperienza unica... Sono andata davanti a dire la mia testimonianza, ho comiciato a parlare e a un tratto....mi sono bloccata...non riuscivo piu a dire una parola...mi venivano le lacrime...Ho detto al pastore: "Non ce la faccio piu!". Lui e venuto accanto...e cosi ho ricominciato a parlare...pero non ero piu io...non ero io che parlava...sentivo una forza dentro che mi faceva parlare in un modo diverso, con altra tonalita... Dopo il battesimo sono venute le persone da me e mi hanno ringraziato per il messaggio che avevo trasmesso, che li avevo commosse, emozionate... Ero felice, perche sapevo che era lo Spirito Santo che era venuto ad aiutarmi e a parlare per me. Non dimentichero mai quel giorno...
Ritratto di alex

Sono felicissimo per te, mi auguro che la tua testimonianza possa essere di incoraggiamento per l'adunanza che frequenti ed esempio per amici e cari che hanno assistito....

Dio ci benedica nella Sua opera, e ci formi come strumenti utili nelle Sue mani, per la Gloria del Suo Nome....:D

 

Potrebbe interessarti..

  • Documento storico del 06 Gennaio 1950 Battesimi Cristiani dalla chiesa Cristiana Evangelica dei "Fratelli"


  • gioia_signore
  • Intervista a Kirk Cameron

    Qui il video

  • Ciao a tutti, sono Luca. Non ricordo in che modo sono finito in questo blog. Come ho già scritto in un altro post, ho scoperto da diverso tempo questo sito ma solo pochi giorni fa sono riuscito a leggere seriamente le discussioni proposte in queste pagine.

     

  • Ho dato la mia testimonianza in tante altre occasioni, sia a voce che scritta, di come DIO abbia trasformato la mia vita ed ancora desidero glorificare il mio Salvatore per il Suo amore, e son certo che quanti la leggeranno sapranno comprendere quanto grande sia la Grazia della Sua Parola, che può spezzare ogni catena ed ogni cuore indurito, come ha fatto con il mio.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri