La buona notizia !!!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Arrivato dunque Gesú, trovò che Lazzaro che era già da quattro giorni nel sepolcro.
Or Betania distava da Gerusalemme circa quindici stadi.
E molti Giudei erano venuti da Marta e Maria per consolarle del loro fratello.

Marta dunque, come udí che Gesú veniva, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa.
Marta disse a Gesú: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto, ma anche adesso so che tutto quello che chiederai a Dio, Dio te lo darà».

Gesú le disse: «Tuo fratello risusciterà». Marta gli disse: «Lo so che risusciterà nella risurrezione all'ultimo giorno».
Gesú le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chiunque crede in me, anche se dovesse morire, vivrà.

E chiunque vive e crede in me, non morrà mai in eterno.
Credi tu questo?». Ella gli disse: «Sí, Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che doveva venire nel mondo»
(Giovanni 11:17-27).

----------------------

Marta e Maria fanno sapere a Gesù che il loro fratello Lazzaro è gravemente ammalato.
Quando il Maestro arriva, Marta gli corse incontro e gli disse: Se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto.
Gesù le rispose: Tuo fratello risusciterà.
Marta non comprende e pensa che Egli si riferisca alla risurrezione che avverrà alla fine die tempi.
Allora il Signore gli fa questa straordinaria rivelazione: Io sono la risurrezione e la vita.
Marta aveva l`idea vaga di un evento lontano, ma Gesù le dice che la risurrezione e la vita sono lì, davanti a lei.

Nella Bibbia, la morte, nel senso più profondo del termine, significa non avere più la possibilità di decidere di mettersi in contatto con Dio.
Chi crede in Gesù mentre è in vita, conosce Dio come Padre e passa dal regno della morte a quello della vita.
Può incontrare la morte fisica, ma per Dio vive, e un giorno risusciterà.
Riportando alla vita di Lazzaro, Gesù voleva dimostrare questa grande verità.

Il miracolo che Gesù ha fatto va ben oltre, perchè la risurrezione non riguarda solo la vita del nostro corpo terreno, ma è il dono di una nuova vita, eterna, con Cristo.
Chi crede ha la vita eterna, e anche se muore, è come se fosse addormentato in Gesù (Giovanni 11:12; Filippesi 1:23).

Credi tu questo? Chiese Gesù a Marta.
La stessa domanda la fa anche a noi, affinchè non restiamo nell`incertezza, perchè non sono le nostre idee quelle che contano riguardo a queste cose, ma ciò che afferma la parola di Dio.
 
Da una email inviatami dall'utente Biogio
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Qui il video  - Maria, invece, se ne stava fuori vicino al sepolcro a piangere. Mentre piangeva, si chinò a guardare dentro il sepolcro, ed ecco, vide due angeli, vestiti di bianco, seduti uno a capo e l'altro ai piedi, lì dov'era stato il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?» Ella rispose loro: «Perché hanno tolto il mio Signore e non so dove l'abbiano deposto». Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù in piedi; ma non sapeva che fosse Gesù.

  • L'apostolo, nei versi che precedono il nostro testo, avverte i Filippesi di guardarsi da quegli insegnanti che cercavano di allontanarli dalla semplicità del vangelo dicendogli che dovevano sottomettersi alla circoncisione e a tutti gli altri precetti imposti dall'Antico Testamento.
     
  • La Risurrezione di Gesù Cristo. Scopriamo, con l'aiuto del Signore, il fatto storico della resurrezione, l'importanza della risurrezione per la fede cristiana e le prove della risurrezione.

     

     


    -------------
    Roma 5 aprile 2015

  • Lo spirito di lei ritornò ed ella si alzò subito; Gesù comandò che le fosse dato da mangiare. Luca 8:55

    Il morto uscì... Gesù disse loro: " Scioglietelo e lasciatelo andare".
    Giovanni 11:44

    Il morto si mise a sedere, e cominciò a parlare. Luca 7:15
    Gesù risuscita la figlia dodicenne di Jairo, e ordina ai suoi genitori che le diano da man­giare.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri