L'Arte di amare - Roberto Iannò

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Dell'amor di Dio e dell'amor fraterno
Diletti, amiamoci gli uni gli altri; perché l'amore è da Dio, e chiunque ama è nato da Dio e conosce Iddio.
Chi non ama non ha conosciuto Iddio; perché Dio è amore. In questo s'è manifestato per noi l'amor di Dio: che Dio ha mandato il suo unigenito Figliuolo nel mondo, affinché, per mezzo di lui, vivessimo. In questo è l'amore: non che noi abbiamo amato Iddio, ma che Egli ha amato noi, e ha mandato il suo Figliuolo per essere la propiziazione per i nostri peccati.
Diletti, se Dio ci ha così amati, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri. 
 
Predicazione che il pastore Roberto Iannò ha rivolto alla chiesa avventista di Forlì sabato 21-5-2011, basata sul testo biblico di 1 Giovanni 4: 7-11 e incentrata su un seminario dedicato alla famiglia.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • 1. Bisogno d'amore
    Per la sua stessa natura, l'essere umano ha bisogno d'amore come una pianta di sole e di acqua per potersi sviluppare. Bisogno di ricevere amore, bisogno di darne.

  • L'amore è paziente, è benevolo; l'amore non invidia; l'amore non si vanta, non si gonfia,
    non si comporta in modo sconveniente, non cerca il proprio interesse, non s'inasprisce, non addebita il male,
    non gode dell'ingiustizia, ma gioisce con la verità;
    soffre ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa.
     
    L'amore non verrà mai meno.
  • Del resto, fratelli, rallegratevi, ricercate la perfezione, siate consolati, abbiate un medesimo sentimento, vivete in pace; e il Dio d'amore e di pace sarà con voi.

    Salutatevi gli uni gli altri con un santo bacio. Tutti i santi vi salutano.

    La grazia del Signore Gesù Cristo e l'amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi.

    2° Corinzi 13

  • L'arte del dare si perfeziona.... attraverso l'anonimato...

  • Nel corso dei secoli gli uomini si sono fregiati di vari simboli per dimostrare che sono cristiani. Hanno portato distintivi all'occhiello, catenine al collo e persino adottato un particolare taglio di capelli. Ma c'è un segno di gran lunga migliore, un segno che non è stato ideato quale espediente da usarsi in particolari circostanze o in una data epoca. È un segno universale destinato a durare in tutti i tempi della
    chiesa, fino al ritorno di Gesù. Qual è questo segno?

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta