Il piacere di... lodare!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

 "Io benedirò l'Eterno in ogni tempo; la sua lode sarà del continuo nella mia bocca. L'anima mia si glorierà nell'Eterno; gli umili l'udranno e si rallegreranno. Magnificate con me il Signore, ed esaltiamo il suo nome tutt'insieme. Io ho cercato l'Eterno, ed egli m'ha risposto e m'ha liberato da tutti i miei spaventi." Salmo 34:1-4

L'introduzione a questo salmo, dice: “salmo di Davide quando si finse pazzo in presenza di Abimelech e da lui scacciato se ne andò”. Si ricorda così un episodio della vita dell'antico re salmista, quando per paura di Achis, re di Gat, cominciò a fare il pazzo per non farsi riconoscere (cf. I Samuele 21:11-16).
L'astuzia di Davide è premiata da Dio, che lo protegge e lo salva dalle ire permalose di Saul.

La riconoscenza viene cantata in questa lode all'amore di Dio. L’amore di Dio è sempre presente nella vita dell'uomo e continua ad agire per aiutarlo e sostenerlo lungo tutto il suo cammino.
La presenza dell’amore di Dio nella vita dell’uomo troppo spesso però non viene capito, perché l'uomo si aspetta qualcosa di diverso, e non riesce a vedere la reale azione di Dio.
Ecco perché è necessario mettersi in atteggiamento di riconoscenza e dissipare le tenebre dell'orgoglio o dell'egoismo, per fare apparire la misteriosa, ma provvidenziale presenza di Dio.

Lodare il Signore è importante per me, è bello esaltare il nome del Signore a livello individuale e poi farlo anche assieme ai fratelli.
Voglio cercarti Signore, perché solo nella mia ricerca di Te posso trovarti e trovandoti percepire le tue risposte e come Tu riesci a liberarmi dalle mie paure.

"L'Angelo dell'Eterno s'accampa intorno a quelli che lo temono, e li libera. Gustate e vedete quanto l'Eterno è buono! Beato l'uomo che confida in lui. Temete l'Eterno, voi suoi santi, poiché nulla manca a quelli che lo temono." Salmo 34:7-9

«L'angelo di Dio si accampa presso quelli che lo temono», ciò presuppone che ci sia una reale azione di conquista, una ricerca, un atteggiamento di impegno.
La sicurezza della vittoria è data da questa presenza, ma richiede tutta la partecipazione, la fatica e la sofferenza di una battaglia: se l'esito non è sempre quello che si vorrebbe, è pur sempre qualcosa di positivo, che può diventare un momento di grazia.
Bisogna «gustare e vedere», cioè fare esperienza della bontà di Dio: a nessuno è negata questa possibilità, ma a tutti è richiesto il coraggio di avventurarsi nei disegni di Dio, che non sempre sono chiari e invitano a superare se stessi.
La speranza dà la sicurezza che si può contare sull’aiuto di Dio, e incoraggia a non fermarsi ai primi passi difficili e sconcertanti.

"Io t'esalterò, o mio Dio, mio Re, e benedirò il tuo nome in sempiterno. Ogni giorno ti benedirò e loderò il tuo nome in sempiterno. L'Eterno è grande e degno di somma lode, e la sua grandezza non si può investigare. ... Io mediterò sul glorioso splendore della tua maestà e sulle tue opere meravigliose." Salmo 145:1-5

E’ il canto di chi ha fatto esperienza della bontà di Dio, e ha visto con i propri occhi la grandezza della sua premura paterna. Gli infelici e i perseguitati sono nelle mani di Dio che è il potente, il creatore.
Chi invece confida nei potenti della terra, prima o poi resta deluso. Solo in Dio c’è sicurezza totale, perché Iddio dura per sempre e continua sempre la Sua azione in favore di chi è più debole.
Sembra che l’amore di Dio venga smentito da molte situazioni di miseria, di male, di sofferenza: sembra che Iddio dall’alto del Suo trono non si accorga neppure delle grame situazioni in cui vivono gli uomini.

"L'Eterno è misericordioso e pieno di compassione, lento all'ira e di gran benignità. L'Eterno è buono verso tutti, e le sue compassioni s'estendono a tutte le sue opere. Tutte le tue opere ti celebreranno, o Eterno, e i tuoi fedeli ti benediranno." Salmo 145:8-10

E’ una falsa impressione che Dio non si accorge delle nostre situazioni. Chiunque si trova in momenti difficili e drammatici sperimenta in un modo o in un altro la presenza di Dio che solleva e accompagna, che sostiene e incoraggia.
Dio è un Dio presente. È un Dio fedele, e non si ritira dall'uomo, non manca di parola: perciò “libera i prigionieri, rialza chi è caduto...”. Queste affermazioni del salmo non sempre si avverano alla lettera e con quella sollecitudine che noi vorremmo, ma chi soffre avverte ugualmente di non essere abbandonato.

"L'Eterno è presso a tutti quelli che lo invocano, a tutti quelli che lo invocano in verità. Egli adempie il desiderio di quelli che lo temono, ode il loro grido, e li salva." Salmo 145:18-19

La speranza è questa certezza di fede che dura anche nei momenti critici e difficili, e induce a vedere al di là delle apparenze: quanto il salmo afferma e i profeti annunciano, come segni caratteristici del segno messianico, sono delle realtà, sono l’impegno che Dio si è assunto verso l'uomo.
Perciò è ”beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe”, colui che accetta nella fede il misterioso agire di Dio.

Francesco Mosca

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

ti lodero ti lodero sempre oh mio Signor.Perché tu sei sorgente di vita eterna.Perché tu apri le strade giuste e metti i paletti indicatori lungo le vie.Perché sei e sarai il mio Dio.

Potrebbe interessarti..

  • In questa breve predicazione Paul Washer fa qualche breve ma incisiva considerazione sull'adorazione e sull'emozione.

    Pur non condannando a prescindere l'adorazione attraverso la musica, tra l'altro vi sono molti esempi biblici su come la musica sia stata un mezzo per adorare il Signore, pur tuttavia il predicatore "suona", è il caso di dire,  un campanello di allarme.

    Esiste cioè un pericolo, quello di confondere l'emozione con l'adorazione....

  • Un nuovo giorno

  • "Verso la mezzanotte Paolo e Sila, pregavano e cantavano inni a Dio; e i prigionieri li udivano" (Atti degli Apostoli 16:25). - Che splendore meraviglioso aleggia sulla storia della Pentecoste. Lo Spirito di Dio si rivela in maniera imponente, gli apostoli si presentano sulla scena con grande gioia, la gente confluisce a migliaia e molti credono.
    La gioia del giorno di Pentecoste, emanata dagli apostoli in maniera particolare, non era per niente scontata. Infatti

  • Chi di noi non ha mai passato (o forse sta passando proprio ora) dei periodi di prova? Anche i credenti ai quali scriveva Pietro erano travagliati e perseguitati, ma l'apostolo li esorta ad affrontare le loro prove lodando Dio ed avendo fede in Lui...

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri