I diritti dei figli primogeniti

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Non è forse vero che quando si parla della fede cristiana a volte si esagera nella lista delle cose da non fare, nella lista dei divieti?

La realtà dei fatti, però, è che nella vita del credente invece, i diritti sono più dei doveri. Sebbene l'uomo istintivamente voglia guadagnarsi ciò che è suo, invece nella Sacra Scrittura, i credenti hanno dei privilegi che sono loro per il solo fatto di essere figli di Dio.

Perché?

Lavoro per la stessa azienda da vent'anni. Ci sono affezionato, mi piace. Sento mio il mio lavoro, la mia scrivania, le mie pratiche, il mio archivio. Anni fa accadde qualcosa, però. I figli dei miei titolari crebbero e cominciarono, uno ad uno (sono tanti), a venire a lavorare in azienda. Oggi lavorano tutti lì anche loro. Hanno delle buste paga molto più alte della mia ed orari molto più elastici. Usufruiscono delle auto e dei telefoni dell'azienda a loro piacimento. Possono stare su facebook durante l'orario di lavoro e comandano su tutti, compreso me - alla faccia della mia anzianità.

Ed è giusto che sia così. Perché per quanto tempo io possa aver trascorso lì, per quanto io possa essere utile o immaginarmi indispensabile, io sarò sempre un estraneo e loro i figli.

Per questo il Signore ci ha adottati, ci ha fatti suoi figli: perché non fossimo estranei ma avessimo diritto a tutti i privilegi che tale posizione comporta.

Ma nell'antichità i diritti non erano per tutti i figli. Per ovvi motivi pratici la maggior parte dei diritti erano esclusivi del primogenito e la primogenitura era un vero e proprio privilegio.

Per questo la Parola di Dio ci chiama figli di Dio (1 Giovanni 3:2) e ci definisce anche primogeniti (Ebrei 12:23) perché tutte le promesse di Dio ci appartengono di diritto (un diritto che Gesù ha acquisito per noi e che ci ha trasmesso adottandoci a Dio - vedi Romani 8:15, Galati 4:5) e non per alcun nostro particolare impegno. Infatti questo stato di privilegio la Scrittura lo chiama "grazia" (Efesini 2:8-9).

Ma procediamo con ordine..... continua qui

 

Fonte: http://www.studibiblici.eu

AllegatoDimensione
PDF icon i_diritti_del_primogenito.pdf141.12 KB

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • I Testimoni di Geova affermano che Gesú Cristo non è morto in croce, ma bensí su un palo di tortura. Inoltre tutte le volte che ricorre la parola "croce", la loro Bibbia traduce "palo di tortura". Come stanno veramente le cose?

  • I Testimoni di Geova dicono che Gesù non è Dio. Dicono che è una creatura, un dio di seconda categoria o, recentemente, l'arcangelo Gabriele. In questo video si dimostra che secondo la Bibbia, Gesù è perfettamente e pienamente Dio...
     
     

  • Gesù Cristo è Dio da adorare? Per alcuni un fatto scontatto, per altri una bestemmia, per altri un aggiunta ad altre persone da adorare. Ma cosa ci insegna la Bibbia? Insieme al fratello Giuseppe Martelli facciamo una breve carrellata di alcuni passi biblici che chiariscono semplicemente ma anche definitivamente la delicata e importantissima questione.

    --- Giuseppe Martelli ---
    Roma 1 agosto 2010

  • Ma Gesù è Dio? Questa è ritenuta da molti, come dal sottoscritto, una dottrina corretta. E' bene, però, trovare riscontro a questo insegnamento, non accettarlo per dogma, ne rifiutarlo per preconcetti.

    Ed ' interessante, edificante, constatare come nella Bibbia molti sono i passi che indicano corretto questo insegnamento.

  • ... e' la parola è stata fatta carne.Vecchissimo opuscolo regalatomi da un anziano fratello dell'Assemblea di Legnano. Era la piacevole occasione del battesimo della sorella Sara B. L'opuscolo contine un breve ma puntuale studio sulla deità di Cristo. Vengono riportati versetti chiave e spunti di riflessioni per gli amati dal Signore, come tutto il mondo, Testimoni di Geova.
     

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta