Gesù e i pubblicani

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

E Gesù a loro: "Io vi dico in verità: I pubblicani e le prostitute entrano prima di voi nel regno di Dio". Matteo 21:31

Nel vasto Impero Romano, i personaggi chiamati "pubblicani" erano i preposti all'esazione delle imposte. Per come spesso approfittavano della loro carica arricchendosi a spese dei contribuenti, questi funzionari, al servizio di un governo straniero e pagano, erano disprezzati e detestati dai Giudei.

La Bibbia racconta di alcuni di loro, e ci mostra come Dio ha parlato alla loro coscienza e al loro cuore. Matteo, mentre era intento a svolgere questo lavoro, viene chiamato dal Signore Gesù e ode la voce decisa del Maestro che gli dice: "Seguimi!". Immediatamente si alza, lasciando il suo posto al banco delle imposte per andare dietro al Signore (Matteo 9:9-10).

Allo stesso modo, quando Gesù attraversa la città di Gerico, un capo dei pubblicani di nome Zaccheo si arrampica su un albero per riuscire a vederlo. Il Signore lo vede e lo chiama per nome (Luca 19:1-10).
Zaccheo, come Matteo, ricevette Gesù in casa sua, e per questo motivo i Farisei, pieni di gelosia e di odio, dicevano con disprezzo che Gesù era "un amico dei pubblicani e dei peccatori!" (Matteo 11:19).

Che una persona abbia una buona o una cattiva reputazione, per Dio non fa alcuna differenza, nel senso che la sua grazia e il suo perdono sono a disposizione di tutti gli uomini, senza eccezione.
L'importante è che ognuno senta e riconosca la propria miseria.

Gesù disse: "Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati... Io non sono venuto a chiamare dei giusti, ma dei peccatori  (Matteo 9:12-13).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Interessante questa storia vissuta da Gesù e raccontataci. nel vangelo di Matteo  Assomiaglia a molti altri incontri che Gesù a fatto con uomini e donne  a cui nessuno si sarebbe avvicinato. Penso ai lebrosi oppure alla donna adultera o alla samaritana.

Gesù scandalizzava e scandalizzava proprio i religiosi del tempo. Eppure da questi incontri sono nati insegnamenti memorabili e fondamento del "cristianesimo".

Grazie Gesù, sei unico! 

Ringrazio anche io il Signore perchè mi dà modo di riflettere ancora sulla sua Parola. A volte mi rende nervosa perchè penso invece che certe persone dovrebbero " pagare". Mi rendo così conto che il Signore non ama certi pensieri perchè è venuto non per giudicare ma per salvare!

E' una forma di amore molto grande ed è vero amore!

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri