Isaia 6:8 - La voce della natura di Dio - Oswald Chambers

"Udii la voce del signore che diceva: "chi manderò?" Isaia 6:8. - Quando parliamo della chiamata di Dio, siamo propensi a dimenticarci di un dato molto importante: la natura di colui che ci chiama. Vi sono diversi richiami: quello del mare, quello delle montagne o dei grandi ghiacciai; ma pochi sono coloro che li odono. Il richiamo è l' espressione della natura da dove esso proviene, e lo si può intendere solo se vi è una natura corrispondente. Il richiamo di Dio è l' espressione della natura di Dio, non della nostra; ma in esso vi sono accenti provvidenzialmente all'opera per noi, che noi soli riconosciamo.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Giovanni 4:11 - Non diminuiamo la potenza di Gesù - Oswald Chambers

"Donde hai dunque cotest' acqua viva?" Giovanni 4:11  - "il pozzo è profondo" diceva la donna Samaritana; infatti lo è, e molto più di quello che lei s'immaginasse. Pensa alle profondità della natura umana, o della vita umana, pensa alla profondità dei "pozzi" che stanno dento di te.Hai frse agito da limitare il ministero di Gesù, così che Egli non ha potuto fare nulla?

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Giovanni 13:37 - Perché non posso seguirti ora? - Oswald Chambers

"Pietro gli disse: Signore, perché non posso seguirti ora?" Giovanni 13:37. - Ci sono momenti in cui ci sfugge la ragione per cui non possiamo fare ciò che vorremmo. Quando Dio ti mette davanti ad un periodo di tempo che è come una pausa, uno spazio vuoto, non cercare di riempirlo, ma aspetta.Questo spazio vuoto, questa pausa può esserti data per insegnarti che cosa significhi la santificazione, oppure può seguire alla santificazione per insegnarti che cosa significhi il servizio. Non cercare di precedere l' Iddio che di guida. Se hai un dubbio, anche minimo, allora sei in una fase di transizione in cui Egli non sta guidandoti: finché c'è un dubbio non agire.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Chi può dire di non sperimentare la tristezza? - Romolo Giovanardi

Marco 14:34 - Gesù era oppresso da tristezza mortale. Lo spirito è pronto ma la carne è debole, come gli apostoli noi siamo deboli nella carne, e come loro siamo fallibili e soccomberemo fisicamente. Ma come loro anche noi possiamo ricevere potenza da Dio.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Matteo 5:11-12 - La critica ed il travisamento, l'arma della lingua - Derek Prince

Matteo 5:11-12 - Protezione dallo scoraggiamento e dalla depressione parte 2 - La critica ed il travisamento - Derek Prince (qui la prima parte). Altre due armi utilizzate dal nemico contro i figli di Dio: la critica ed il Travisamento. La lingua degli altri una dura arma usata dal nemico. Combattiamo come fece Geremia e consideriamoci beati come indica Gesù in Matteo 5:11-12.

Derek Prince - Traduzione: Erika

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Efesini 4 - Perdonare ferite che non meritiamo - Charles Stanley

Efesini 4:31 - Non puoi vivere questa vita senza essere ferito - La questione non è come evitare di essere feriti, ma come gestire le ferite che la vita ci procura. - Quanti fedeli sono seduti nelle sale di culto ed hanno uno spirito di non perdono (intransingente) che li possiedono.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Preoccupazioni

La preoccupazione guasta il tempo di oggi riempiendo le opportunità di domani con le difficoltà di ieri...

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Mariti e Mogli - Derek Prince

Quanti di noi conoscono il significato e l'importanza del termine PATTO?!
Nel Nuovo Testamento, nella lingua italiana, si usano i termini testamento e patto. Il primo ha effetto quando avviene la morte di qualcuno, il secondo ha effetto tra due viventi. Nella lingua ebraica si usa lo stesso termine per entrambi. Nella cultura ebraica affinché un patto abbia effetto ci deve essere la MORTE, il SACRIFICIO di una vita.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a Front page feed