Festa del papà, 19 marzo

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Ricorre oggi, per la tradizione cattolica, l'onomastico di quanti si chiamano Giuseppe. A questo giorno è legata la festa dei papà. La festa del papà ha un'origine non prettamente cattolica infatti sembra abbia vuto origine da una chiesa anglicana.


Da wikipedia:
Storia
La festa del papà nasce nei primi decenni dei XX secolo, complementarmente alla festa della mamma, per festeggiare la paternità e i papà in generale. La festa è celebrata in varie date in tutto il mondo, spesso è accompagnata dalla consegna di un regalo al proprio padre.

La prima volta documentata che fu festeggiata sembra essere il 5 luglio 1908 a Fairmont, West Virginia, presso la chiesa metodista locale.[1] Fu la signora Sonora Smart Dodd la prima persona a sollecitare l'ufficializzazione della festa; senza essere a conoscenza dei festeggiamenti di Fairmont, ispirata dal sermone ascoltato in chiesa durante la festa della mamma del 1909, ella organizzò la festa una prima volta il 19 giugno del 1910 a Spokane, Washington. La festa fu organizzata proprio nel mese di giugno perché in tale mese cadeva il compleanno del padre della signora Dodd, veterano della guerra di secessione americana.
In alcuni Paesi la festa è associata ai padri nel loro ruolo nazionale, come in Russia dove è celebrata come la festa dei difensori della patria (День защитника Отечества).
-----
Data
La data in generale varia da Paese a Paese. Nei Paesi che seguono la tradizione statunitense, la festa si tiene la terza domenica di giugno. In molti Paesi di tradizione cattolica, la festa del papà viene festeggiata il giorno di san Giuseppe, padre putativo di Gesù.

------
In Italia
Durante tali festeggiamenti è tradizione fare un dono al proprio padre. Come in molti Paesi di tradizione cattolica, la festa del papà viene festaggiata il giorno di san Giuseppe, padre putativo di Gesù. San Giuseppe, in quanto archetipo del padre e del marito devoto, nella tradizione popolare protegge anche gli orfani, le giovani nubili e i più sforunati. In accordo con ciò, in alcune zone della Sicilia, il 19 marzo è tradizione invitare i poveri a pranzo. In altre aree la festa coincide con la festa di fine inverno: come riti propiziatori, si brucia l'incolto sui campi da lavorare e sulle piazze si accendono falò da superare con un balzo. In alcuni regioni dell'Italia centro-meridionale, il dolce per questa festa è la zeppola (o zeppolella se in versione mignon); il dolce ha origini antico romane: accompagnava la festività dei Liberalia, che si teneva nello stesso periodo dell'anno; sono realizzate con pasta simile ai bignè; di forma schiacciata, possono essere fritte o al forno; al di sopra viene posta di norma crema pasticcera e marmellata di amarene.


E per me?

E' indubbio che nella realtà protestante e quindi in quella evangelica non è condivisa con il mondo cattolico la dottrina della venerazione e quindi la celebrazione dei cosidetti "santi". Qui alcuni appunti sulla questione. Non è consuetudine, quindi, festeggiare l'onomastico.

E' vero,  però, che ogni occasione può essere utile per meditare la Sua parola. Questa sera probabilmente le piccoline mi porteranno un dono fatto a scuola non credo che sarò li ad indottrinarle su venerazione, a suo tempo. A Dio piacendo vorrei leggere con loro e mia moglie i passi che riporto sotto, ricordando, nell'invito all'amore che scaturisce da essi tra figli e genitori, l'Amore che per primo Dio ha avuto verso le Sue creature. L'Amore che lo ha portato ha donare il Suo Unigenito per il mondo, per me, per te!!!

Paolo agli Efesini
Ef 6:1 Figli, ubbidite nel Signore ai vostri genitori, perché ciò è giusto. 2 «Onora tuo padre e tua madre» (questo è il primo comandamento con promessa) 3 «affinché tu sia felice e abbia lunga vita sulla terra». 4 E voi, padri, non irritate i vostri figli, ma allevateli nella disciplina e nell'istruzione del Signore.

Servi e padroni
=Cl 3:22-25; 4:1; Tt 2:9-10

5 Servi, ubbidite ai vostri padroni secondo la carne con timore e tremore, nella semplicità del vostro cuore, come a Cristo, 6 non servendo per essere visti, come per piacere agli uomini, ma come servi di Cristo. Fate la volontà di Dio di buon animo, 7 servendo con benevolenza, come se serviste il Signore e non gli uomini; 8 sapendo che ognuno, quando abbia fatto qualche bene, ne riceverà la ricompensa dal Signore, servo o libero che sia.9 Voi, padroni, agite allo stesso modo verso di loro astenendovi dalle minacce, sapendo che il Signore vostro e loro è nel cielo e che presso di lui non c'è favoritismo.

L'armatura del cristiano
1P 5:8-9; (Ro 13:12; 1Te 5:8) Cl 4:2-4
10 Del resto, fortificatevi nel Signore e nella forza della sua potenza. 11 Rivestitevi della completa armatura di Dio, affinché possiate star saldi contro le insidie del diavolo; 12 il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti. 13 Perciò prendete la completa armatura di Dio, affinché possiate resistere nel giorno malvagio, e restare in piedi dopo aver compiuto tutto il vostro dovere. 14 State dunque saldi: prendete la verità per cintura dei vostri fianchi; rivestitevi della corazza della giustizia; 15 mettete come calzature ai vostri piedi lo zelo dato dal vangelo della pace; 16 prendete oltre a tutto ciò lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno. 17 Prendete anche l'elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio; 18 pregate in ogni tempo, per mezzo dello Spirito, con ogni preghiera e supplica; vegliate a questo scopo con ogni perseveranza. Pregate per tutti i santi, 19 e anche per me, affinché mi sia dato di parlare apertamente per far conoscere con franchezza il mistero del vangelo, 20 per il quale sono ambasciatore in catene, perché lo annunzi francamente, come conviene che ne parli.


Dio benedica le nostre famiglie i nostri genitori, i nostri figli, i nostri amici, i nostri nemici
Alex

 

➜ Domanda: Cosa significa essere un buon padre?

➜ Risposta: Seguire il Signore ed educare i figli nella conoscenza del Suo nome.

➜➜➜ I figli del giusto, che cammina nella sua integrità, saranno beati dopo di lui. (Proverbi 20:7)

➜➜➜ Come un padre è pietoso verso i suoi figli, così è pietoso il Signore verso quelli che lo temono. (Salmi 103:13

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Ecco, i figli sono un dono che viene dal SIGNORE - Salmo 127:3

Ritratto di alex

Ritratto di alex

Ritratto di alex

Ritratto di alex

Figli, ubbidite nel Signore ai vostri genitori, perché ciò è giusto. «Onora tuo padre e tua madre» (questo è il primo comandamento con promessa)  «affinché tu sia felice e abbia lunga vita sulla terra». E voi, padri, non irritate i vostri figli, ma allevateli nella disciplina e nell'istruzione del Signore.

Ef 6:1 

Ritratto di alex

Figli, ubbidite nel Signore ai vostri genitori, perché ciò è giusto. 2 «Onora tuo padre e tua madre» (questo è il primo comandamento con promessa) 3 «affinché tu sia felice e abbia lunga vita sulla terra». 4 E voi, padri, non irritate i vostri figli, ma allevateli nella disciplina e nell'istruzione del Signore.

Ef 6:1 

Ritratto di Salvezza

La festa del papa` e` una giornata che si celebra tutti i giorni. Dico una  giornata perche` non viene solamente  una volta` all`anno ,ma ogni giorno il genitore e` responsabile davanti a Dio del  compito assegnatoli. Non e` festa,ma un dono che nella famiglia abbiamo quando il papa` e` presente e gioisce con i suoi figli la vita giornaliera. La festa del papa`nel mondo non e` altro che una festa  per far soldi,e  continuare nelle cose pagane senza rispetto per la vera paternita` che non succede di essere una sola volta all`anno.  God bless Salvezza

In Dio Confido

 

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri