Da Roma a Gerusalemme, ecco la verità su Israele - 08.10.2010

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Non voglio spiegarvi di nuovo perché noi siamo tutti qui. Voi lo sapete bene. Voglio solo cercare di darvi tre minuti di verità su Israele, anche se mi occorrerebbero ore per raccontarvi una storia che è stata rovesciata fino a non serbare alcuna parvenza di realtà. Io sono una giornalista e una parlamentare italiana: per questo ho negli occhi la verità di ciò che ho visto in tanti anni di servizio, nel cuore il desiderio che questa verità sia utile, indispensabile all'Italia e all'Europa.

La mia prima verità è una unica strada, quella che porta da casa mia all'aereoporto di Fiumicino quando parto e poi quando atterro, prosegue verso Gerusalemme dall'aereoporto Ben Gurion, vicino a Tel Aviv, quando arrivo in Israele, e viceversa. Un'unica strada: quella dove le macchine corrono liberamente dove vogliono senza dar conto a nessuno, le donne si vestono come preferiscono e scelgono il lavoro e il marito che vogliono, le radio nelle auto trasmettono pareri difformi e ferocemente dissenzienti ma una canzone, allegra o triste, ritma sempre la stessa storia: quella della democrazia, piena di vita e di sogni, di movimento, di dissenso, di giovani in corsa verso il futuro, di idee diversissime fra di loro.

Ma la vita di Israele, quella di un Paese dove è proibito insegnare a scuola una sola parola di odio, dove si mescolano tutte le razze e le religioni, dove i bambini attraversano per mano e vengono accompagnati a scuola di nuoto e di canto, dove negli ospedali le donne arabe partoriscono insieme alle ebree e alle cristiane, dove nella Città Vecchia di Gerusalemme tutte le fedi praticano liberamente i propri riti, io l'ho vista corrosa e aggredita da un nemico terribile: l'assedio, la guerra, l'odio. Quei preziosi bambini educati all'amore andranno in guerra, e a volte, non tornano.

Ho visto con i miei occhi vent'anni di storia e di bugie: la scena terribile di Mohammed Al Dura di cui subito si fece la vittima quintessenziale di Israele, condannato come assassino di bambini, si vedeva subito come hanno dimostrato i fatti, che era controversa, che la piccola povera vittima era stata colpita in uno scambio di fuoco. Lo scrissi mentre tutto il mondo ne faceva l'icona dell'Intifada, un martire della ferocia israeliana. Sono andata a Jenin il paese dei terroristi suicidi, il giorno dopo la battaglia, e mentre il responsabile dell'ONU dichiarava che gli israeliani vi avevano compiuto una strage come quella di Sebrenica, bastava camminare fra le case minate dalla dinamite dai palestinesi e parlare con i soldati e la gente per sapere la verità: era stata una battaglia porta per porta, in cui gli israeliani avevano perduto 23 uomini e i palestinesi 51.

Uno scontro in cui gli israeliani avevano rifiutato di usare gli aerei o i droni, come avrebbero potuto facilmente. La verità è sempre stata sotto gli occhi di tutti: chi non ha visto l'incredibile rovina di pizzerie, caffè, mercati e supermarket sbranati dalle bombe dei terroristi sucidi, i tavoli rovesciati cosparsi di sangue, le carrozzine vuote e insanguinate, i morti e i feriti, feriti per sempre, a migliaia. Feriti che l'amore, la pazienza, la medicina avanzata ha aiutati a risorgere da condizioni spaventose. Ma ho incontrato durante il processo di Oslo a Ramallah, nel Campo profughi di Deheishe, fra i ragazzini delle scuole di Hevron e di Betlemme, miriadi di palestinesi la cui sofferenza ho descritto, ma per cui era impensabile una pace col nemico, dato che l'odio era materia di insegnamento delle radio, delle tv, dei discorsi di Arafat che proclamò che niente poteva essere più bello di un martire bambino.

Un padre medico che al pronto soccorso ha salvato miriadi di ebrei e di arabi, con sua figlia a cena al caffè Cafit pr salutarsi alla vigilia del matrimonio; una ragazza nota in tutto il quartiere per la lunghezza dell'ala bionda dei suoi capelli; un ragazzo venuto dagli Stati Uniti da solo per cercare, arruolandosi nell'esercito, di lenire la solitudine di Israele.. E vicino a tutti questi funerali, e oltre la profonda notte della città vuota con i suoi cipressi neri piantati dai Templari, ho visto la vita vincere sempre, ogni mattina. Ho visto i soldati diciottenni stanchi fino allo sfinimento chiacchierare e ridere raccontandosi storie di ragazze e di famiglia sul confine Libanese che avrebbero dovuto poi passare, marciando a dieci metri uno dall'altro nella notte verso la roccaforte degli Hezbollah a Bin Jebel; ho incontrato ufficiali che hanno scelto di restare vicino ai soldati feriti fino alla fine; tutti possono vederli, conoscere le loro storie. La loro verità di ragazzi che hanno voglia di ballare e di ridere ma anche di difendere il Paese e la loro famiglia, è a portata di tutti; tutti possono vedere la dolcezza della sorella di Ytzchack Rabin ferma come una vecchia bellissima roccia bianca nel suo minuscolo kibbutz di confine, bombardato tante volte dalle katiushe di Nasrallah. E chi parla dei settler come mostri, è mai possibile che non li abbia visti quando durante lo sgombero da Gaza che avrebbe dovuto regalare la pace e ha portato invece all'inusitato feroce potere di hamas, si sono arresi senza colpo ferire alla decisione del Parlamento e all'esercito che ne impugnava la decisione sradicandoli dalle loro belle case, dalle serre di pomodorini ciliegia e di fiori.

Dentro Gaza, sono stata a casa di Ahmed Yassin, di Rantisi, e non ho sentito che parole di odio e di disprezzo razziale senza remissione, non ho visto che saluti nazisti e passo dell'oca, altro che bambini già preparati a diventare shahid. La verità di Israele è dolce come un fico d'india, che ha però intorno le spine della guerra, di un rifiuto cominciato col rispondere no alla risoluzione dell'ONU del 1947 quando la partizione avrebbe subito creato due stati per due popoli, e poi proseguita nei decenni, cinica della sorte della propria gente, odiosa verso gli ebrei.

Ho visto la incredibile passione della gente per le gare sportive che la collocano nel grande mondo, la fierezza inusitata di un aereoporto che è il suo unico sbocco sull'esterno, l'orgoglio di tutti, il gran parlare delle scoperte scientifiche, o archeologiche, per la gara di Bibbia che si svolge ogni anno, per i cantanti che accettano di venire a cantare in Israele, per il Festival del cinema, per la spiaggia di Tel Aviv. E per la pace: è incredibile quante canzoni, quanta discussione discussione politica e fra la gente, quanti sondaggi, sono dedicati alla pace. Anche chi adesso teme che non ci se la possa fare, dopo tanto rifiuto, anche chi disperato non ce la fa più, la porta fra gli occhi come un segno distintivo. A volte finge, a volte si illude che ci sia, a volte si addormenta sognandola. Finchè non lo risveglia una nuova esplosione.

Per capire bene chi è un israeliano, lo si deve vedere a Roma quando scopre che dalle fontanelle scorre acqua senza sosta. Sbarra gli occhi, spalanca la bocca, chiede se non la chiudiamo mai, chiede dove va a finire, mi informa che il Kinneret, ovvero il mar di Galilea, quest'anno è cresciuto di 5 millimetri, e poi chiede "Magari ci sarebbe modo di portarne un po' in Israele".

Fonte: L'Occidentale

Qui il video della maratona oratoria

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Ripetutamente si sente affermare che Gerusalemme Est è stata, nel passato, puramente araba e che per questo motivo deve diventare la capitale dei Palestinesi. È vero tutto questo?

di Norbert Lieth

L'8 dicembre 2009 i Ministri degli esteri dell'UE si riunirono sotto la presidenza della Svezia per discutere sullo status futuro di Gerusalemme. L'UE parlò della necessità che Gerusalemme in futuro fosse «la capitale di due stati» ma evitò di definire Gerusalemme Est la capitale dello Stato palestinese, sebbene la Svezia fosse propensa a farlo. Ciò provocò forti proteste in Israele e negli Stati Uniti. In particolare la Germania, appoggiata da altri stati dell'Unione Europea, insistette per una formulazione meno compromettente.
Il giornale Der Landbote riportò la notizia: «Nella dichiarazione finale dell'UE si afferma che l'UE non riconosce l'occupazione israeliana e la successiva annessione di Gerusalemme Est. Si afferma inoltre che non riconoscerà alcun cambiamento dei confini del 1967, inclusi quelli di Gerusalemme. Il ministro del Lussemburgo, Jean Asselborn, aveva lanciato l'appello all'UE a usare un "linguaggio chiaro": "Affermiamo tutti che Gerusalemme Est è stata occupata e quindi, se è stata occupata, non appartiene a Israele." Ha dichiarato di non capire perché Israele non sia disposto ad accettare "che la Palestina è costituita dalla Cisgiordania, da Gaza e da Gerusalemme Est." Perché il ministro degli esteri lussemburghese parla della Palestina, costituita dalla Cisgiordania, da Gaza e da Gerusalemme Est, ma evita di utilizzare la parola Israele? Perché l'UE insiste a parlare di Gerusalemme come capitale di due stati ma evita di affermare che Gerusalemme Est è la capitale dei palestinesi? Perché questa lotta e questi disaccordi, questi tira e molla? Si potrebbero trovare varie risposte.
- Gerusalemme non è forse una pietra d'inciampo per le nazioni (Zaccaria 12:3)?
- I signori dell'UE presagiscono forse che i problemi non possono che aumentare?
- Oppure sono consapevoli che la storia di Gerusalemme insegna qualcosa di diverso, qualcosa che non si può semplicemente negare? Quando il re Davide conquistò Gerusalemme nel 1000 a.C. circa, gli abitanti della città non erano arabi nell'odierno senso del termine, bensì Gebusei (2 Samuele 5:6-9), una classe della popolazione cananea che non esiste più da molto tempo (Genesi 10:16; 15:21; Esodo 3:8). I Gebusei non erano arabi, come non lo erano altri popoli cananei che a quel tempo vivevano in questa regione: Filistei, Amorei, Ittiti, Ferezei e Ivvei. Questi popoli erano discendenti di Cam e non di Sem (Genesi 10:6-21), mentre gli arabi tipici fanno parte di un'etnia semitica.
Davide comprò da un Gebuseo di nome Ornan (chiamato anche Arauna) l'aia a Gerusalemme est su cui in seguito fu costruito il tempio ebraico (2 Samuele 24: 17- 25; 1 Cronache 21:15-29; 2 Cronache 3:1). Nel 1993 è stata persino trovata una prova esterna alla Bibbia dell'esistenza del re Davide. «Durante gli scavi a TeI Dan è stata trovata una stele trionfale con un'iscrizione di trionfo in lingua araba. Probabilmente loda le imprese del re Azael che combattè contro Israele nel IX sec. a.C .. Il testo principale cita: "[lo uccisi Ieo]ram, figlio di [Acab], Re d'Israele. E [io] uccisi [Acaz]ia, figlio [di Ieoram, R]e della casa di Davide).»
Dopo che gli ebrei furono deportati dalla loro patria nel 70 d.C., essa fu occupata inizialmente dai Romani e dai Bizantini. Fu solo nel 638 d.C. che avvenne la sua conquista da parte dei musulmani. Eppure, persino in questo periodo, Israele e Gerusalemme non furono mai completamente privi di ebrei. Esistono prove che, a partire dal 1844, gli ebrei costituirono nuovamente la parte maggiore della popolazione di Gerusalemme. Nel 1882 ci fu la prima grande ondata di ritorno degli ebrei nella loro patria. Fu solo con la guerra dell'anno 1948 che la legione araba conquistò Gerusalemme Est, scacciò la popolazione ebraica, saccheggiò le sue abitazioni, distrusse sinagoghe e violò intenzionalmente le tombe ebree sul Monte degli Ulivi. A questo punto sarebbe giusto chiedersi chi in realtà abbia occupato Gerusalemme Est, che nel 1967 fu soltanto liberata dagli Israeliani. In qualsiasi libro di storia serio si trovano informazioni su questi fatti storici. Resta soltanto da vedere se si è intenzionati a confrontarsi con essi.

(Chiamata di Mezzanotte, ottobre 2010)

Potrebbe interessarti..

  • Premessa Ringraziato sia il Signore che ha voluto mandare a noi, gli ultimi, i più miseri, la Sua Parola, la Verità. La Sacra Scrittura dice che soltanto la verità ci rende liberi e chi vuole essere liberato dalle catene del peccato e della morte ha bisogno della Verità, Gesù: la Parola di Dio.

  • E' di questi giorni la notizia, molto discussa, di voler trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Si parla di Stati Uniti, come ampiamente risaputo, e in particolare delle disposizioni del presidente Trump. La curiosità è che nella disinformazione in cui viviamo, sembra un paradosso per i nostri tempi, molti credono che gli USA abbiano deciso, in questo modo, di fare di Gerusalemme la capitale d'Israele. Non è così. Gerusalemme è la capitale d'Israele, li vi si riunisce il parlamento nell'unica democrazia di quei luoghi.

  • Secondo un nuovo rapporto di ricerca che ho pubblicato questa settimana, nel corso dell'ultimo anno il numero degli ebrei nel mondo è aumentato di 80.000 persone e ha raggiunto un totale stimato a 13.428.000. L'incremento è interamente dovuto alla crescita di Israele la cui popolazione ebraica è giunta a 5.704.000, su un totale di 7.552.000 abitanti.
     
    Di questi, 313.000 sono membri non ebrei di famiglie ebraiche immigrate, e oltre un milione e mezzo sono arabi. Nel resto del mondo,
  • Si celebra a partire da sabato sera. storia di un mancato sterminio
    Purim è una festa molto particolare per il calendario ebraico. Si distingue da tutte le altre per il suo carattere conferitogli dalle generazioni successive, ma sopratutto per la sua fonte principale, la Meghillà di Ester stessa.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta