Buon giorno. Ma senza inganno!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Non vi ingannate; le cattive compagnie corrompono i buoni costumi. Ritornate ad essere sobri, retti e non peccate, perchè alcuni non hanno conoscenza di Dio; lo dico a vostra vergogna.
1° Corinzi 15

----------

La questione è delicata, appare evidente che Paolo non ci chiede di scadere nel formalismo, nel presentarsi cioè più santi dei nostri amici per guadagnare punti ai loro occhi. Si tratta di santificarci, abbandonando il peccato, che così facilmente ci avvolge, per poi brillare della Sua luce, il fine è portare gloria al Suo nome,

Brillare nellle tenebre o lasciarci spegnere da esse?
E' una sfida, una scelta, un impegno, giornaliero.

Come riuscire in questo?
Un altro fattore che può trarci in inganno è l'aspettativa che la nostra carne si santifichi da se, per il fatto che siamo credenti.
Non è così. La redenzione del corpo l'avremo solo al Suo ritorno.
Per ora dobbiamo combattere e affrontare la nostra carne che desidera peccare.

Come fare?
Se ci impegnamo con le nostre forze forse riusciremo qualche giorno a non peccare, poi, probabilmente, crolleremo vivendo una fase molto intensa di peccato.
Potremmo arrivare al punto di arrenderci ad esso dopo numerosi tentativi.
Potremmo arrivare al punto di abbandonare il Signore non volendo metterci una masche d'ipocrisia.

Non ci inganniamo, faremo il gioco del nemico (Satana).

E' scritto:
Io dico: camminate secondo lo Spirito e non adempirete affatto i desideri della carne. Galati 5:16

Via d'uscita
Non ci è mai stato detto che la carne non ci avrebbe fatto soffrire, ma ecco la via d'uscità: camminiamo secondo lo Spirito e non adempiremo i desideri della carne. Resteranno, ma non li adempiremo!

Un'altra domanda sorge spontanea
Come camminare secondo lo Spirito?
Sforzandoci di fare la Sua volonta impegandoci quel tanto che basta per predisporre il cuore ad ubbidirgli, il resto è Suo compito.
Il nostro impegno, cioè, è innanzituto nel cuore, o nella mente se preferite.
Ci verrà naturale se:
- leggiamo e meditiamo la Bibbia, invece di altro
- ascoltiamo musica cristiana, invece di altro
- passiamo del tempo in preghiera meditando il Suo volto, le Sue caratteristiche, le Sue qualità, lodandolo
- sacrificando alcune scelte che faremo volentieri ma che, in fondo, sentiamo non esserGli gradite..
- confessando i propri peccati
- rinunciando, nel cuore innanzitutto, ad essi
- avendo amore misto a timore...

Il nostro impegno efficace, come sempre, può essre uno solo
In una sola frase: tornare alla croce, ogni giorno, alzando gli occhi e incrociando i Suoi... alzando la mano per incontrarLo, aprendo le orecchie per ascoltarLo...

Dai, Dio è buono e potente da risvegliarci!
Anche oggi!

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • I segreti di un risveglio spirituale di: Giuseppe Ungaro (mp3).
    Dal Campo di studi biblici di Poggio Ubertini, organizzato da Carlo Cerrella, nell'agosto 2003.

  • Il risveglio è l'unica risposta per la chiesa di oggi. Avendo conosciuto personalmente Rev. Duncan Campbell, durante la mia permanenza alla scuola biblica della "Faith Mission" a Edimburgo, dal 1965 al 1968, posso dire che l'unica risposta per la chiesa di oggi è il risveglio. Ho avuto molti colloqui con il Rev.Campbell sul tema del risveglio, e l'ho stimato particolarmente per la sua umiltà e per il timore di Dio che caratterizzava la sua vita.

  • Esposizione del Libro di Neemia
    Oratore: D.A. Carson Sermoni esposti durante il Convegno Nazionale 2013 - Torre Pedrera - RIMINI
    Leggi qui, dalla Bibbia, il libro di Neemia

    PRIMO STUDIO

    SECONDO STUDIO

  • Quattro sermoni di C.H. Spurgeon dal titolo "Conquistatori di anime", in altre parole: Pescatori di anime.
    Come mai in Italia si convertono così poche persone?
    È vero: siamo in pochi e il terreno è duro.
    Ma forse c'è anche un altro motivo: Noi dormiamo e i pesci ci scappano. Siamo coinvolti in così tante attività che abbiamo dimenticato il nostro compito primario: conquistare anime.
    Che il Signore possa usare queste parole di Spurgeon, predicate più di 100 anni/a, per svegliarci; affinché
  • TI ricordi come ti sentivi quando sei stato salvato? Tutto nella vita cristiana era eccitante. Amavi gli inni, i canti, la predicazione della parola di Dio. L'evangelizzazione ti entusiasmava. Come eri contento di poter fare qualcosa per Gesù! Ti piaceva leggere la sua parola, pregare, avere comunione con i credenti.

    E oggi? Senti ancora lo stesso entusiasmo, la gioia nei confronti della parola e della preghiera? Quel primo amore è morto e il tuo cristianesimo è diventato un luogo comune?

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri