Ambasciatori

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Noi dunque facciamo da ambasciatori per Cristo, come se Dio esortasse per mezzo nostro; e noi vi esortiamo per amore di Cristo: Siate riconciliati con Dio.Poiché egli ha fatto essere peccato per noi colui che non ha conosciuto peccato, affinché noi potessimo diventare giustizia di Dio in lui

2° Corinzi 5

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • In occasione degli incontri di wrestling pubblichiamo questo volantino evangelistico che prende spunto dalla scomparsa di Eddie Guerrero

    qui in pdf

  • 2 Timoteo - 1:1-8 - Perche ci si vergogna del vangelo? Spesso credenti, anche sinceri nella loro fede, hanno vergona a condividere la propria esperienza. Scopriamo, insieme al fratello Rinaldo, quali possono essere i motivi e, sopratutto, i rimedi per superare questo limite. - Predicazione tratta dall'epistola di Paolo a Timoteo

  • PERCHE' TACERE?
    NEL DIRE: SEI IL NOSTRO SIGNORE?
    PERCHE' TACERE
    NEL DIRE: SEI IL NOSTRO SALVATORE?
    PERCHE' TACERE

    NEL DIRE: SEI IL NOSTRO DIFENSORE?
    PERCHE' TACERE
    LASCIAMOLO SAPERE
    CHE A LUI E' IL POTERE

    GESU' ABBATTE OGNI NOSTRO OSTACOLO
    E SE ESSO E' ALTO
    LO FA' AGGIRARE
    PERCHE' TACERE

    LASCIAMOLO SAPERE
    GRIDIAMOLO AL VENTO
    QUESTO NON E' UN LAMENTO
    HEI TU! MESSERE
    DILLO ANCHE TU NON TACERE
    GESU' E' IL SIGNORE

     

  • Altri furono torturati... altri furono messi alla prova con scherni, frustate, anche catene e prigionia... Perciò Dio non si vergogna di essere chiamato il loro Dio. Ebrei 11:35-36,16

    Tatiana Goritschewa, filosofa russa cristiana che fu espulsa dall'Unione Sovietica, racconta in un suo libro un incontro da lei avuto con un uomo cristiano che spesso era stato imprigionato a causa della sua fede.
    Un giorno, un ufficiale della polizia chiese a quel coraggioso testimone:"Con quale diritto parla di Dio, visto che non

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri