20.06 - Giornata Mondiale del Rifugiato

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Si celebra oggi 20 giugno la Giornata Mondiale del Rifugiato dedicata a sensibilizzare l'opinione pubblica mondiale sui cittadini costretti a fuggire dal proprio Paese di origine....

Nel mondo, più di 40 milioni di persone sono state sdradicate dalle proprie case, rifugiati, sfollati richiedono asilo.

Più della metà di questa cifra complessiva, 20 milioni, è costituita da bambini e giovani, fino ai 25 anni.

I punti più caldi sono in Africa centrale, in Medio Oriente, in Asia centrale e in COlombia.

L'UNHCR è l'Organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati e degli sfollati. Pubblica una rivista di informazione: "Rifugiati", via Caroncini, 19 - 00197 ROMA
www.unhcr.it


Quando qualche forestiero soggiornerà con voi nel vostro paese, non gli farete torto. Il forestiero che soggiorna tra voi, lo tratterete come colui ch'è nato fra voi; tu l'amerai come te stesso; poichè anche voi foste forestieri nel paese d'Egitto.
Levitico 19:33-34
 
"Ero forestiero e mi avete accolto"
Matteo 25,35 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • «Quando il Figlio dell'uomo verrà nella sua gloria con tutti gli angeli, prenderà posto sul suo trono glorioso. E

  • Efesini 4:15 - Quando c'è la carità (amore, compassione..) all'ora vuol dire che ogni tanto la verità deve fare un passo indietro.
    Proverbi 3:3 - Bontà e verità non ti abbandonino; legatele al collo, scrivile sulla tavola del tuo cuore.

  • La parola "compassione" non è certamente fra le più adoperate nel vocabolario quotidiano dell'italiano medio del XXI secolo. E non a caso. Dall'etimologia e dal significato di questo termine è possibile scorgere un ventaglio di peculiarità che rende la "compassione" assolutamente fuori moda al giorno d'oggi, ma allo stesso tempo assolutamente necessaria (soprattutto per i figli di Dio) allo scopo di capovolgere l'egoistica mentalità corrente e di rendere un'efficace testimonianza cristiana....
     
  • Vedendo le folle, ne ebbe compassione" (Matteo 9:36). Questa frase di Gesù Cristo viene ripetuta molte volte nel Nuovo Testamento. La parola originale è veramente straordinaria. Non c'è nella lingua classica greca. Non è stata trovata neppure nella Traduzione dei Settanta. Il fatto è che "compassione" era una parola coniata dagli stessi evangelisti. Loro non ne trovarono una in tutta la lingua greca che facesse al loro scopo, e perciò dovettero crearne una.

  • Quando qualche straniero abiterà con voi nel vostro paese, non gli farete torto. Tratterete lo straniero, che abita fra voi, come chi è nato fra voi; tu lo amerai come te stesso; poiché anche voi foste stranieri nel paese d'Egitto. Io sono il SIGNORE vostro Dio.

    Levitico 19

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri