Tempo di vacanze, ma non di digiuni!!!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Per moltti già sono terminate per altri cominciano a breve, taluni sono già (o ancora) in vacanza. Le meritate vacanze, spesso. Le agognate e finalmente giunte ferie. Tempo di mare, viaggi, avventure (lecite), scoperte, emozioni, riposo.
Ma non il tempo di digiunare. No, non mi riferisco al cibo che, in queste occasione, diviene, anzi, più abbontante, esotico, diverso.

Non molto tempo fa ricordo di aver visto dei cartelloni con le foto di una modella, praticamente desnuda e su un fianco, sulla quale si potevano letteralmente contare le ossa, per quanto magra.
 
No che avesse problemi economici e quindi di approvvigionamento di provviste, ma era semplicemente per scelta (certo il discorso non è così semplice). Aveva scelto di non nutrirsi più, o nutrirsi ai minimi termini. Non soltanto non considerandone gli effetti deleteri ma anzi condividendola pienamente ritenendola giusta.

Molte sono le persone che soffrono di questa patologia. Curioso come nella società che abbiamo costruito vi siano due eccessi, obesità e anoressia. Sintomi di una società malata.

Non è una novità, non puà esser diversamente considerato il fatto che l'Uomo ha scelto di vivere senza Dio.

Ma, come detto, non mi riferisco al cibo che entra dalla bocca e giunge allo stomaco,  piuttosto a quello che entra dagli occhi, nelle oerecchie e arriva al cuore. Quel cibo che alimenta l'anima, lo spirito. Si anche il nostro spirito può divenire minuto minuto come  uel corpo.
Il male peggiore? Non averne consapevolezza.

Successe anche a Israele. Il popolo di Dio, l'oracolo dell'Eterno.
Ad un tratto della sua storia forse per aver accantonalo la legge, aver deposto il libro (all'ora i rotoli) in una bello e sicuro scrigno, chissà per quale ragione, dimenticarono. Cioè non solo dimenticarono di leggerlo ma addirittura di averlo. Deposto in chissà quale armadio, coperto chissà da quanta polvere.

Infatti è scritto

2Cronache 34:14
Mentre si prelevava il denaro che era stato portato nella casa del SIGNORE, il sacerdote Chilchia trovò il libro della Legge del SIGNORE, data per mezzo di Mosè. 2Cronache 34:15 Chilchia parlò a Safan, il segretario, e gli disse: «Ho trovato nella casa del SIGNORE il libro della Legge». E Chilchia diede il libro a Safan. Safan portò il libro al re, e gli fece al tempo stesso la sua relazione, dicendo: «I tuoi servi hanno fatto tutto quello che è stato loro ordinato. Hanno versato il denaro che si è trovato nella casa del SIGNORE, e l'hanno consegnato a quelli che sono responsabili dei lavori e degli operai».  Safan, il segretario, disse ancora al re: «Il sacerdote Chilchia m'ha dato un libro». E Safan lo lesse in presenza del re.
Quando il re udì le parole della legge, si stracciò le vesti. Poi il re diede quest'ordine a Chilchia, ad Aicam, figlio di Safan, ad Abdon, figlio di Mica, a Safan il segretario e ad Asaia, servitore del re: «Andate a consultare il SIGNORE per me e per ciò che rimane d'Israele e di Giuda, riguardo alle parole di questo libro che si è trovato; poiché grande è l'ira del SIGNORE che si è riversata su di noi, perché i nostri padri non hanno osservato la parola del SIGNORE, e non hanno messo in pratica tutto quello che è scritto in questo libro».

Proprio così, il Libro era stato dimenticato.
Quel Libro di cui è detto:
Giosuè 1:8 Questo libro della legge non si allontani mai dalla tua bocca, ma meditalo, giorno e notte; abbi cura di mettere in pratica tutto ciò che vi è scritto; poiché allora riuscirai in tutte le tue imprese, allora prospererai

Ed anche
2Timoteo 3:16
Ogni Scrittura è ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona.

Si nella Sua Parola troviamo lo spunto per ringraziarLo, per pregare, essere in comunione con il Padre, essere spiritualmente formati, sani, sfamati di latte e/o cibo solido.
Come un albero vicino ad una fonte d'acqua (bello, verde, rigoglioso, fruttifero) così è dello spirito che è accanto alla Parola, che si nutre della stessa, che affonda le radici in lei.

All'ora prego, per la mia famiglia, la "mia" adunanza, per quanti hanno l'occasione di visitare questo forum. Che possiamo abbeverarci, sfamarci con la Bibbia ogni giorno e che in questi periodi di vacanze non facciamo l'errore di dimenticarle.
Dio ci benedica, ci istruisca, ci formi anche in questo, alla Sua gloria e nel nome di Gesù il Cristo. AMEN.

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Il diavolo.. non va in ferie...

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta