Smoljonyj - La storia vera di un ex capo brigante

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Questo nomignolo di «Smoljonyj» (ragazzino sporco) era stato dato a Pawel quando aveva otto anni, in circostanze particolari di cui parleremo più oltre.
 
A dire il vero, il suo nome di famiglia era Tichomirow. Suo padre era contadino in un villaggio dei più poveri nel distretto di Mohilew. La famiglia si componeva del padre, della madre, e di due ragazzetti: Sciura di dieci anni, e Pawel o Pascià che ne aveva otto. Era una famiglia unita; i genitori osservavano devotamente i riti della loro religione ortodossa e godevano, non solamente la considerazione degli abitanti del loro villaggio, ma quella di tutta la comunità.
 
Nei giorni di festa, il pope del luogo veniva persino a far loro visita per giocare a arte con il padre....

Continua qui

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Documento storico del 06 Gennaio 1950 Battesimi Cristiani dalla chiesa Cristiana Evangelica dei "Fratelli"


  • gioia_signore
  • Il racconto della passione di Gesù trova la sua narrazione nei Vangeli. I quattro vangeli affermano univocamente che Gesù morì crocifisso, e che le sue opere e la sua predicazione furono il movente per la sua condanna.

  • Caro Alex, grazie per la tua disponibilità. In effetti ritengo il tuo sito, oltre che interessante anche abbastanza ricco. E ritengo che la rete internet, per quanto pericolosa per certi versi, perchè ricicla e globalizza tante falsità, anche "spirituali", d'altro canto è una grande opportunità per l'evangelo.

    E se è vero che Obama ha vinto le elezioni americane grazie a questo, speriamo di poter vincere anche qualche anima a Cristo tramite questo mezzo.

  • Se oggi il mio cuore è per i poveri, emarginati, disagiati, coloro che sono dimenticati dal mondo e non valgono nulla lo devo molto alla mia personale esperienza di vita. Ho scelto di essere la voce di chi non ha voce Voglio cominciare da quando ero piccolo e vivevo in Brasile.

    Sono nato in una famiglia poverissima e siamo 4 figli. Mia sorella e mio fratello minore erano piccoli e non pensavano alle cose ma io e Paolo, mio fratello maggiore, si! Io e lui abbiamo avuto un’infanzia rubata: a quattro anni si è bambini ma io e lui non lo eravamo, non potevamo esserlo.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri