Sei un tipo suscettibile?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Efesini 4:1-2  - La suscettibilità è presente nell'intimo di ognuno di noi, ed è fonte di sofferenza. Se mi lascio andare a questa cattiva tendenza, vedo tutto sotto una falsa luce.
Un nonnulla mi ferirà, una parola di troppo mi sembrerà una mancanza di rispetto nei miei confronti, uno scherno o una cattiveria.

Sarò sempre pronto ad imputare ai miei parenti, amici, fratelli  e colleghi, delle intenzioni cattive.
Tutto ruoterà intorno al mio "io". Di conseguenza, non riconoscerò mai i meriti di coloro che mi circondano, non darò loro la posizione che meritano e sarò ingrato verso di loro.
Che brutta cosa!

Questa deplorevole tendenza è un serio ostacolo alle relazioni cristiane che, al posto di essere armoniose e gioiose, diventano fredde e tese, senza spontaneità e senza amore.

Chi è suscettibile deve imparare che cosa sono la pazienza e il perdono e, soprattutto, a stimare gli altri più di se stessi.
"Perdonatevi a vicenda - scrive Paolo - se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi" (Colossesi 3:13).

C'e solo un mezzo per guarire da questa tendenza: vivere pienamente il Vangelo

Non solo credere che Cristo è morto per noi, ma anche accettare che noi siamo morti con Lui, con tutto il nostro orgoglio e il nostro egoismo.

Alla suscettibilità non resta che un posto: la morte alla croce di Cristo!
Guardiamo a Lui, perfetto modello di umiltà e di rinuncia Lui che ci dice: "Imparate da Me perché Io sono mansueto e umile di cuore" (Matteo 11:29).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri