Salvatore o giudice?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
(Gesù) è colui che è stato da Dio costituito giudice dei vivi e dei morti... "Chiunque" (cioè tutti nessuno escluso) crede in lui riceve il perdono dei peccati mediante il suo nome. Atti 10:42-43

Eccolo ora il tempo favorevole; eccolo ora il giorno della salvezza! 2 Corinzi 6:2

Avevamo dato a una signora I'indirizzo di un buon avvocato, che sarebbe stato capace di difenderla al meglio davanti al tribunale. Non rifiutò il consiglio, ma tardò a mettersi in contatto con quel legale, al punto che, quando si rivolse a lui, si sentì rispondere:" Mi dispiace signora, ma non posso più difenderla perchè son passato alla magistratura e sono stato nominato giudice; per di più, mi è stato assegnato proprio il suo caso.
E` un vero peccato che non si sia rivolta a me prima!"

Allo stesso modo molte persone tardano a venire a Gesù rimandando sempre a domani il momento di mettersi in regola con Dio. Pensano di avere ancora tempo, così passano i giorni, i mesi, gli anni, finchè arriverà il giorno in cui Gesù non sarà più il Salvatore, ma il Giu­dice di coloro che non lo avranno riconosciuto come loro Signore.

Non diciamo questo per farvi paura, ma per invitarvi ad andare a Cristo, così come siete. Non cercate di migliorarvi, ma andate a lui con tutti i vostri dubbi e le vostre miserie ed Egli vi risponderà.
Andare a Cristo significa rivolgersi a lui in preghiera, confessando con sincerità di cuore di essere peccatori e riconoscendolo come unico Salvatore, come colui che ha portato tutto il peso delle colpe di colo­ro che credono.

Rispondete al suo invito: " Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi darò riposo" (Matteo 11:28)!


IL BUON SEME

facebook icona twitter icona google icona whatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

luce fra le tenebre

Opera evangelica per sordi

sordi evangelici

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

salvati per servire

Il vangelo tra gli stranieri

meta