WHITEFIELD George

Cristo il solo riposo per travagliati e oppressi

"Venite a me, voi tutti che siete travagliati e aggravati, ed io vi darò riposo" (Matteo 11:28). Non c'è niente che ciascuno di noi conosce meglio dei propri doveri Cristiani; eppure c'è da chiedersi perché queste sono proprio le cose che vengono praticate di meno?

Se ne fa molto sfoggio nel nome e nell'apparenza, ma ve n'è ben poco nel cuore e nelle conversazioni; infatti, se praticare la chiesa, o i sacramenti, o il nostro essere chiamati col nome di Cristo, ed essere battezzati nel Suo nome, se queste cose ci rendessero Cristiani, credo che tutti noi avremmo diritto ad esserlo.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Glorificato

"Se Dio non è glorificato nella tua salvezza, Lui sarà glorificato nella tua distruzione."
George Whitefield

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Non a me

Se mediante la grazia divina ho mai fatto qualcosa degna di lode, non a me, non a me, ma a Dio sia data tutta la gloria.
- George Whitefield

Non a noi, o SIGNORE, non a noi, ma al tuo nome da’ gloria, per la tua bontà e per la tua fedeltà! {Salmi 115:1}

Se uno parla, lo faccia come si annunciano gli oracoli di Dio; se uno compie un servizio, lo faccia come si compie un servizio mediante la forza che Dio fornisce, affinché in ogni cosa sia glorificato Dio per mezzo di Gesù Cristo, al quale appartengono la gloria e la potenza nei

facebook icona twitter iconawhatapps icona

L'intercessione, dovere di ogni cristiano

Se ci domandiamo perché c'è poco amore tra molti Cristiani, e per quale motivo proprio la caratteristica che dovrebbe far conoscere a tutti che siamo discepoli del santo Gesù, è quasi bandita dal mondo Cristiano, ci accorgeremo che, in gran parte, questo è dovuto al fatto di trascurare o di praticare con superficialità quella parte eccelsa della preghiera, l'INTERCESSION

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La potenza della risurrezione di Gesù Cristo

L'apostolo, nei versi che precedono il nostro testo, avverte i Filippesi di guardarsi da quegli insegnanti che cercavano di allontanarli dalla semplicità del vangelo dicendogli che dovevano sottomettersi alla circoncisione e a tutti gli altri precetti imposti dall'Antico Testamento.
 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La giustizia di Cristo, una giustizia eterna

"Per far venire una giustizia eterna" (Daniele 9:24). 
Leggendo queste parole, non posso fare a meno di rivolgermi a voi nel modo in cui gli angeli si rivolsero ai pastori che di notte facevano la guardia al loro gregge: "Non temete, perché io vi porto la buona notizia di una grande gioia" (Luca 2:10).

<

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La condanna alle pene eterne - George Whitefield

(Lettera di George Whitefield agli abitanti di Savannah, in Georgia)
Miei cari Amici,

Sebbene il seguente sermone sia stato già predicato altrove, non posso fare a meno di ricordare l'occasione in cui lo predicai a voi, l'attenzione che mi prestaste pubblicamente e la soddisfazione che mi esprimeste, quando venni a visitarvi nelle vostre case; per questo ho pensato di farvelo avere.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Il grande dovere della religione in famiglia

"Quanto a me e alla mia casa, serviremo l'Eterno" (Giosuè 24:15).

Queste parole contengono la santa decisione del devoto Giosuè, che in un discorso davvero toccante e affettuoso - nei versi precedenti - aveva rammentato agli Israeliti le grandi cose che Dio aveva fatto per loro; e nel concludere il discorso li aveva esortati dicendo loro che

facebook icona twitter iconawhatapps icona

L'Eterno nostra giustizia - George Whitefield

Chiunque conosce la natura dell'uomo, e in particolare le propensioni del suo cuore, deve riconoscere che la pretesa di essere giusto davanti a Dio è l'ultimo idolo a dover essere sradicato dal cuore.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Camminare con Dio - George Whitefield

"Enoc camminò con Dio; poi scomparve, perché Dio lo prese" (Genesi 5:24). - Molte sono le scuse e i ragionamenti che gli uomini dal cuore corrotto usano spesso per giustificare la loro disubbidienza ai giusti e santi comandamenti di Dio. Ma, forse, una delle obiezioni più comuni che essi fanno è che i comandamenti del nostro Signore non sono praticabili, perché contrari a carne e sangue; e perciò, Egli è visto come "un uomo duro, che miete dove non ha seminato e raccoglie dove non ha sparso".

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a WHITEFIELD George

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri