Professione di fede!

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

“E disse loro: venite dietro di me, è vi farò pescatori di uomini”

Matteo 4,19

 

Oh Signore …

non desidero essere chiamato Eminenza per professare la Tua fede

non desidero neanche un cappello da prelato…

neanche un pulpito… neppure un confessionale…mi serve!

tantomeno una tunica o un bastone pastorale…

nemmeno un crocifisso legato al collo mi sarebbe utile…

o un tabernacolo…

o una chiesa… dove possa io parlare…

no Signore!

nulla di tutto questo mi serve!

neanche parole erudite o scienze…

ne applausi… e tantomeno miracoli ad ogni costo!

Quello che io desidero Signore è essere un piccolo di questo mondo!

semplicemente un uomo che cammina sulle strade degli uomini…

mite, semplice, coerente, ma soprattutto testimone della Tua parola Signore,

un portatore di fede  come quei pescatori che ogni giorno gettavano  le  reti!

 

 

01 marzo 2011 ore 23,12

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Potrebbe interessarti..

  • Documento storico del 06 Gennaio 1950 Battesimi Cristiani dalla chiesa Cristiana Evangelica dei "Fratelli"


  • gioia_signore
  • Intervista a Kirk Cameron

    Qui il video

  • Caro Alex, grazie per la tua disponibilità. In effetti ritengo il tuo sito, oltre che interessante anche abbastanza ricco. E ritengo che la rete internet, per quanto pericolosa per certi versi, perchè ricicla e globalizza tante falsità, anche "spirituali", d'altro canto è una grande opportunità per l'evangelo.

    E se è vero che Obama ha vinto le elezioni americane grazie a questo, speriamo di poter vincere anche qualche anima a Cristo tramite questo mezzo.

  • Se oggi il mio cuore è per i poveri, emarginati, disagiati, coloro che sono dimenticati dal mondo e non valgono nulla lo devo molto alla mia personale esperienza di vita. Ho scelto di essere la voce di chi non ha voce Voglio cominciare da quando ero piccolo e vivevo in Brasile.

    Sono nato in una famiglia poverissima e siamo 4 figli. Mia sorella e mio fratello minore erano piccoli e non pensavano alle cose ma io e Paolo, mio fratello maggiore, si! Io e lui abbiamo avuto un’infanzia rubata: a quattro anni si è bambini ma io e lui non lo eravamo, non potevamo esserlo.

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta