La sposa in pigiama

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Finalmente, dopo innumerevoli preparativi e vicissitudini, giunge per due giovani innamorati il giorno del loro matrimonio.
Quante volte hanno sognato e pensato a quel momento!
Stentano a crederci, ma è tutto vero: stanno per coronare il loro sogno d'amore.

Lo sposo all'altare aspetta con trepidazione la sua amata. A volte scoppia a piangere a dirotto, in altri momenti ride per l'immensa gioia; poi inizia a tremare e a sudare, non riesce proprio a controllarsi.

Si inizia a suonare la marcia nuziale, mentre all'ingresso della chiesa compare la sposa accompagnata dal padre.
La sua entrata viene accolta da uno strano vociare, i parenti si guardano sgomenti, altri ridono a crepapelle, qualcuno corre fuori confuso: la sposa è vestita in pigiama. "Cara, dov'è il tuo abito?" - chiede perplesso lo sposo.

"Oh, che sbadata, ho dimenticato di indossarlo!" - risponde la giovane, guardandosi con meraviglia.

Questa storia è così ridicola e assurda che nessuno la prenderebbe sul serio. Eppure, molte volte, la sposa di Cristo dimentica di indossare l'abito della preghiera per avere comunione con il Suo Sposo. Ahimé, ciò che dovrebbe essere un'assurdità spesso diviene una realtà: vivere la vita cristiana senza preghiera.

Nel libro del profeta Geremia, al capitolo 2, verso 32, Dio lamenta rattristato: "Può una fanciulla dimenticare i suoi ornamenti, o una sposa la sua cintura? Eppure il mio popolo mi ha dimenticato da giorni innumerevoli".

L'apostolo Paolo, conoscendo il grande pericolo di trascurare la preghiera, mette in guardia il popolo di Dio: "Non cessate mai di pregare" (1 Tessalonicesi 5:17). È come se dicesse : "Non spogliatevi mai del vostro abito di preghiera. Siate in una continua relazione con Dio. Egli è tutto ciò di cui avete bisogno per andare avanti nella vostra vita spirituale".

Sì, è proprio così.
Come pensiamo di crescere nella conoscenza della presenza di Dio, di far fronte ai giorni malvagi che ci stanno davanti, di resistere ai continui attacchi delle forze delle tenebre, di superare prove e tentazioni di ogni genere, senza avere per settimane e settimane comunione con il Padre attraverso Cristo Gesù per mezzo dello Spirito Santo?

Com'è possibile riuscire a trovare tempo per noi stessi, per i nostri svaghi, per stare davanti alla televisione fino ad addormentarci (se ci è difficile spegnere la TV, proviamo a distruggerla, prima che essa distrugga noi) e per tante altre cose e, nello stesso tempo, giustificare la nostra mancanza di comunione con Dio a causa delle nostre giornate cosi impegnate?

Sarebbe veramente tragico se Dio agisse nella stessa maniera, nel momento in cui ci trovassimo nella "fossa dei problemi", lasciandoci "in pasto ai leoni" perché troppo impegnato con i Suoi affari nel cielo.

La più grande tragedia sarebbe se in quel giorno Dio ci dovesse dire: "Io non vi ho mai conosciuti; allontanatevi da Me, voi tutti operatori d'iniquità" (Matteo 7:23).

No, come potremmo essere così iniqui da respingere l'invito amorevole che il Padre ci rivolge di accedere alla Sua presenza per mezzo del Sangue che Gesù ha sparso per noi (vedi Ebrei 10:19)?

Come potremmo essere cosi iniqui da resistere allo Spirito Santo e ostinarci a rimanere fuori del luogo santissimo?
Se amiamo veramente Gesù, il nostro cuore deve sentirsi continuamente attirato dalla Sua presenza. Se questo non accade più, ravvediamoci e ritorniamo ad una vera vita di preghiera, affinché lo Spirito Santo torni a riversare nei nostri cuori quell'amore che ci spinge a gridare: "Come la cerva anela ai rivi dell'acqua, così l'anima mia anela a Te, o Dio" (Salmo 42:1).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Signore la mia anima ha sete di te........Questa notte voglio rivesirmi dallla tua candida luce per poter cantare le te lodi per poer dimanticare la tristezza del mio cuore delle mie sofferenze .Signore abbracciami perché la preghiera che a te rivolgo sono braccia rivolte verso te.Voglio onorarti oh re.Voglio parlare con te pisngere e gioire con te fammi sentire la tua presenza adesso.indossare il vestito più bello e danzare davinti alla tua maesta.Amen alleluia

Potrebbe interessarti..

  • Daniele 10:15-16 - 15 Mentre egli mi rivolgeva queste parole, io abbassai gli occhi a terra e rimasi in silenzio. 16 Ed ecco uno che aveva l'aspetto di un figlio d'uomo; egli mi toccò le labbra. Allora aprii la bocca, parlai, e dissi a colui che mi stava davanti: "Mio signore, questa visione mi ha riempito d'angoscia, le forze mi hanno abbandonato e non mi è più rimasto alcun vigore.

    Italia 2002
    David Wilkerson
     

  • Se ci domandiamo perché c'è poco amore tra molti Cristiani, e per quale motivo proprio la caratteristica che dovrebbe far conoscere a tutti che siamo discepoli del santo Gesù, è quasi bandita dal mondo Cristiano, ci accorgeremo che, in gran parte, questo è dovuto al fatto di trascurare o di praticare con superficialità quella parte eccelsa della preghiera, l'INTERCESSIONE, cioè l'implorare la grazia e la misericordia di Dio per gli altri.

    Alcuni dimenticano questo dovere di pregare per gli altri, perché essi raramente ricordano di pregare per se

  • Sento forte nel cuore di voler aiutare chi e debole e malato. Tempo fa qualcuno l'ha fatto con me. I risultati grazie a Dio sono miracolosi. Se conosci qualcuno che ha bisogno, puoi aiutarlo. Dio ti usi.

    Ho scoperto quanto è importante pregare, durante un mio momento di smarrimento, e qualcuno mi ha chiesto: "Vuoi pregare con me?".

    In quel momento ho realizzato la bellezza e la necessità di pregare insieme.

  • Qui il video

    Un semone del brasiliano Hernandes Dias Lopes. Rivolto a quanti hanno giù professato una fede per Gesù Cristo. Si chiede se è possibile che un uomo che si definisce cristiano, nato di nuovo, possa non pregare, oppure rilegare la preghiera ad un semplice momento, per quanto importante, ad esempio di ringraziamento per i cibi ricevuti..

  • "La preghiera non è parte integrante della vita dell'uomo naturale. Ci vien detto che l'uomo che non prega soffrirà nella vita; io lo contesto. Ciò che ne soffre è piuttosto la vita di Cristo in lui, vita che riceve il nutrimento non dal cibo, ma dalla preghiera. Quando uno è nato da Alto, nasce in lui la vita del Figlio di Dio; si può far morire d'inedia questa vita, oppure si può nutrirla, e il nutrimento è la preghiera.

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri