Dunque a chi tu crederai

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

qui il file mp3

Un''altro bel canto "movimentato" inviatomi dal fratello Filippo B. insieme a questa testimonianza.

----------------------

Credevo fosse un dono di Dio

Pace del Signore a tutti, sono la sorella Cettina Fabiano. Ho conosciuto il Signore otto anni fa, e devo dire che Lui è venuto in un momento particolare della mia esistenza.

Premetto che nella mia vita non ho avuto molte difficoltà, anzi al contrario andava tutto molto bene. All'età di venti anni mi sposai. Mio marito mi ha sempre amata, Dio mi ha donato tre figli che avevo tanto desiderato. Non ci mancava nulla, non avevamo alcu tipo di problema e ogni nostro desiderio diventava realtà. Così la mia vita scorreva felicemen­te, però siccome mi è sempre piaciuto leggere, nei momenti liberi mi dedicavo a questo mio hobby. Difatti mi piaceva tantissimo leggere libri dell'orrore e in particolare dell'occultismo.

Un bel giorno" incuriosita da quello che c'ère scritto in questi libri, iniziai a sperimentare quanto leggevo. Pian pianino tutto quello che provavo mi riusciva, ero brava nella scrittura automatica (mette­re una penna o dei colori in mano e questi scrivono da soli cioè, guidati da uno spirito) in questa maniere scrivevo interi quaderni, e disegnavo interi album. Poi iniziai a usare il pendolino per sapere quello che sarebbe accaduto nell'immediato futuro e a registrare delle audio‑cassetto, dove si sentivano delle voci di bambini o di persone che io credevo fos­sero del defunto ma che adesso ho compreso che erano degli spiriti maligni, poiché l'uomo non può mettersi in con­tatto con i morti. Successivamente vedendo che otte­nevo dei buoni risultati cominciai anche a guarire con le mani, e facendo ciò mi sentivo benedetto da Dio, perché pensavo di essere state prescelta dal Signore e che magari avrei potuto guarire delle persone. Però da quel momento entrò in me una strane agitazione, la notte non riuscivo più a dormire e quelle poche volte che ci riuscivo mi risvegliavo di sobbalzo, certa che i miei figli fossero morti. Poi mio marito perse il lavoro e in quel momento mi crol­lò il mondo a dosso, ebbi una crisi anoressia dimagrii tantissimo. Quando ero sola non facevo altro che piangere e a modo mio pregavo quel Gesù meraviglioso che amavo fin da quando avevo sei anni.

Mi chiedevo perché dopo avermi dato quei doni mi faceva stare tanto male. Così un giorno gridai e Lui con tutto il mio cuore, e Lui mi ascoltò. Dio si servì di mia figlia Lisa che al quel tempo frequentava una Chiese Evangelica, e tramite lei, andai ad ascoltare ciò che dicevano all'interno di una tenda usata per evangelizzare nelle piazze, e lì ho conosciuto la verità. Iniziai a leggere la Bibbia che non avevo mai letto, così ho compreso che quello che io credevo un dono di Dio, non era altro che opera del maligno, perché nella Parola di Dio sta scritto: "né i maghi né i divinatori entreranno nel regno di Dio. Poiché sono in abominio all`Eterno".

Da quel momento ho rigettato tutto quello che avevo fatto, e ho accettato Gesù nel mio cuore come mio Signore e Salvatore.

Testimonio che ho trovato la pace interiore, e anche nelle difficoltà esistenziali, il Signore è sempre stato pronto ad aiutarmi. A Lui veda tutta la gloria nei secoli dei secoli. Amen

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Cara sorella CETTINA FABIANO anch'io faccio di cognome FABIANO vorrei conoscerti meglio!

PACE DEL SIGNORE

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Pompieri cristiani

meta