Cristiano, davvero?

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Essere un vero cristiano dipende da una relazione, una relazione personale con l'unico Dio, vero e vivente .....qui in pdf

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di alex

Oggi leggevo dal calendario evangelico "edizioni il messaggero cristiano" una piccola meditazione che ha come oggetto due versetti interessanti. Riporto integralmente il foglietto del 15 gennaio 2009.

(Gesù disse:) "In verità in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio". - Giovanni 3:3

Grande fu il numero di coloro che credettero... ad  Antinochia, per la prima volta, i discepoli furono chiamati cristiani. - Atti 11:21,26

Molti pensano che un cristiano sia qualcuno che è stato battezzato. Altri diranno che si è cristiani quando ci si sforza di ubbidire ai comandamenti della Bibbia.

Altri ancora penseranno che essere cristiani significhi essere membri di una chiesa. Ma il mezzo più sicuro per trovare la risposta esatta è cercarla nella Bibbia che è la Parola di Dio.

Quand'era sulla terra, Gesù diceva a Nicodemo, un capo dei Giudei: "Se uno non è nato d'acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio... Bisogna che nasciate di nuov" (Giovanni 3:5,7).

Dunque, non divento cristiano aderendo a un sistema religioso, o semplicemente cambiando comportamento. Divento cristiano (cioè "di Cristo") se riconosco di essere peccatore e accetto che Gesù Cristo ha portato al mio posto, sulla croce, il giudizio che io meritavo a motivo dei miei peccati. Allora Gesù, il Figlio di Dio, diventa il mio Salvatore personale, e io sono un cristiano. Sono nato di nuovo.

La nuova nascita è un nuovo inizio. Quando divento cristiano prendendo coscienza di quale amore Dio mi ha amato dando per me il suo Figlio, non posso più vivere come prima.

E voi, lettori, avete iniziato questa vita nuova, la vita di Dio?

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri