WHITEFIELD George

L'offerta di Abramo

"L'Angelo disse: Non stendere la tua mano contro il ragazzo e non gli fare alcun male; ora infatti so che tu temi Dio, poiché non mi hai rifiutato tuo figlio, l'unico tuo figliuolo" (Genesi 22:12).

Leggi: Genesi 22:1-12.

L'apostolo Paolo ci informa, in una delle sue epistole, che "tutto ciò che fu scritto nel passato, fu scritto per nostra istruzione, affinché mediante la pazienza e la consolazione che ci provengono dalle Scritture, conserviamo la speranza" (Romani 15:4).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Limiti e ragionevolezza dell'abnegazione

"Diceva poi a tutti: Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua" (Luca 9:23).

Chiunque legge il vangelo con intenzioni sincere, vedrà che il nostro benedetto Signore ricordava in ogni occasione ai suoi discepoli che il Suo regno non è di questo mondo; che la Sua dottrina è la dottrina della croce; e che coloro che si professano Suoi seguaci, devono accettare volontariamente le sofferenze seguendoLo con abnegazione.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Il quasi cristiano - George Whitefield

"Per poco non mi persuadi a diventar cristiano" (Atti 26:28).

Il capitolo da cui è tratto questo verso contiene il mirabile resoconto di san Paolo sulla sua meravigliosa conversione dal Giudaismo al Cristianesimo, narrato davanti a re Agrippa e a Festo, un governatore dei Gentili, quando fu da questi chiamato per parlare a sua d

facebook icona twitter iconawhatapps icona

L'importanza di ringraziare per le benedizioni ricevute

"Egli muta la tempesta in quiete, e le onde si calmano. Essi si rallegrano perché si sono calmate, ed ei li conduce al porto da loro desiderato. Celebrino l'Eterno per la sua benignità, e per le sue maraviglie a pro dei figliuoli degli uomini!" (Salmo 107:29-31).

Innumerevoli sono i segni nell'anima dell'uomo che attestano che egli è per natura un essere caduto e lontano da Dio; ma la prova più grande tra tutte è rappresentata da quella riluttanza, che ciascuno ha dentro di sé, verso il dovere della lode e del ringraziamento.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

2 Corinzi 2:11 - Le macchinazioni di satana

 "Affinché non siamo raggirati da Satana; infatti non ignoriamo i suoi disegni" (\\\). Il contesto di queste parole era il seguente: nella chiesa di Corinto c'era un infelice che aveva commesso incesto; una immoralità tale che non si trovava neppure fra gli stranieri, al punto di prendere la moglie di suo padre (1 Corinzi 5:1).

Quest'uomo, forse per le sue ricchezze, potere o altre simili ragioni, come accade per molte persone famose oggigiorno (il sermone è del 1750 circa!), non era stato censurato dalla chiesa.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

I quasi cristiani - Le vergini avvedute e le vergini stolte

"Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno, né l'ora in cui il Figlio dell'uomo verrà" (Matteo 25:13).

facebook icona twitter iconawhatapps icona

La conversione di Saulo

"Ma Saulo si fortificava sempre di più e confondeva i Giudei residenti a Damasco, dimostrando che Gesù è il Cristo" (Atti 9:22).

Per quanto paradossale possa sembrare all'uomo carnale, è una sicura verità che "tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati" (2 Timoteo 3

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Il metodo della Grazia

"Essi curano alla leggera la ferita del mio popolo, dicendo: "Pace, pace" quando non c'è pace" (Geremia 6:14).
 
Come la benedizione più grande che Dio può mandare a un popolo è un ministro fedele, sincero ed integro, così non c'è maledizione maggiore che Dio lo abbandoni a guide ciech

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Il buon pastore

"Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano" (Giovanni 10:27-28).

Sermone d'addio
(L'ultimo sermone predicato da Whitefield a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l'America )

facebook icona twitter iconawhatapps icona

George Whitefield

George Whitefield (1714-1770), uno dei più noti predicatori inglesi del 1700, predicò con coraggio la pura parola di Dio in molti paesi, a tutti, senza distinzioni denominazionali, nei locali e all'aperto, tutti i giorni dell'anno fino alla sua morte. Non fu accolto in diverse chiese perché lo ritenevano un fanatico e un predicatore scomodo; tuttavia egli continuò ad annunciare l'evangelo all'aperto per tutta la sua vita, raggiungendo immensi auditori anche in Scozia, in America e nel Galles.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Pagine

Abbonamento a WHITEFIELD George

Islamecom

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri