La puntura

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Una famiglia in vacanza guidava la propria macchina in una strada di campagna, con i finestrini abbassati, godendosi la tiepida brezza di una giornata soleggiata.
All’improvviso una grossa ape scura sfrecciò attraverso il finestrino della macchina cominciando a ronzare all’interno.
Una bambina sul sedile posteriore, altamente allergica alle punture dell’ape, cercò di nascondersi per la paura: se lei fosse stata punta avrebbe rischiato la morte entroun’ora.
Oh, papà “gridò nel terrore, è un’ape! Sta per pungermi!”.
Il padre fermò la macchina e cercò di afferrare l’ape.
Ronzando contro di lui l’ape andò a sbattere contro la parete frontale del parabrezza dove il padre la intrappolò nel suo pugno. Il padre attese l’inevitabile puntura.
L’ape punse la mano del padre, che con visibile sofferenza la lasciò andare. L’ape si perse di nuovo nella macchina. La piccola ragazzina fu di nuovo spaventata. “Papà, mi sta per pungere!”.
Ma il padre con gentilezza disse:
“No cara, non ti pungerà più ora, guarda la mia mano”. Il pungiglione dell’ape era lì conficcato nella sua mano.

Oh morte dov’è la tua vittoria? Oh morte dov’è il tuo dardo?
(1 Co 15:55)

da Orizzonti Infiniti

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opera evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri