"barriere" invisibili...

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Pace...

Oggi mentre ero al lavoro, ho "visto" noi genere umano che come una farfalla intrappolata nel capannone,  ci affanniamo invano per raggiungere la LUCE...

sappiamo da dove ci arriva, ma non sappiamo come raggiungerla, siamo impediti da "barriere" invisibili... impediti da legami e barriere spirituali. Se ci trovassimo davanti ad un muro d'acciaio, lo perforeremmo... se ci trovassimo davanti ad una muraglia di pietre, la abbatteremmo ma, la barriera  che ci separa dalla LUCE, è invisibile... eppure, è molto vicina a noi, simo noi stessi... il mio ed il vostro io,la barriera  più tenace e sfuggente... che fare?...

Pace...

R. Francesco

========================================================

Oggi 11-06-2009,  riprendo il discorso dalla domanda lasciata in sospeso "che fare?"... 

Io non saprei dire cosa fare ma, le scritture ci vengono in soccorso... quando abbiamo accettato di camminare col Signore, lo abbiamo fatto per un motivo principale... in noi, abbiamo sperimentata la "sete", l'arsura del vivere quotidiano e per questo, ci siamo messi alla ricerca del refrigerio che nel mondo non si trova ma, abbonda nella Parola del Signore... ecco che ci siamo resi conto di dover operare una svolta radicale (conversione) nella direzione di Gesù!.. Poi, col pasare del tempo, ci siamo adagiati sulla nuova situazione ed abbiamo ritirati i remi in barca... ormai, sono a posto!... Ho conseguita la "laurea" di cristiano e posso ritenermi al sicuro.   Questo è quello che accade nella vita di TUTTI i cristiani. Ma è proprio così?... Forse dovremmo riguardarci dal di dentro, se facendo ciò, ci riconosciamo come eravamo anni addietro, è il caso di riprendere con sollecitudine, il messaggio dell'evangelo che ci esorta a non ritenerci mai santi ma in cammino verso la santificazione!... Il credente in Gesù, non deve mai smettere di ricercare la conoscenza che deriva dall'interrogarsi e dal rapportarsi con le scritture... da noi stessi, siamo destinati al decadimento e pertanto, ad allontanarci dal Signore Gesù. Dobbiamo riscoprire il momento di preghiera e del digiuno... con queste semplici accortezze, riprenderemo il cammino verso quella luce e quella fonte d'acqua viva che sappiamo esistere ma, non sappiamo più raggiungere... proviamoci.

Pace...

R. Francesco

 

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Commenti

Ritratto di R_Francesco

Pace...

"continuo il soliloquio..."

Anni or sono, qualcuno mi diceva: La barba, è meglio farla a digiuno...si evitano le irritazioni. 

Ma io, non riuscivo a capire il nesso che intercorre tra il digiuno e il farsi la barba... le spiegazioni che mi si davano, erano alquanto vaghe. Ora, è da molto tempo che ho presa l'abitudine di radermi al mattino ed in ogni caso, a digiuno... il motivo è semplice!... Quando si è a digiuno, nel sangue, non circolano tossine frutto della digestione e pertanto, chi ha la pelle sensibile, sopporta meglio lo stress della lama che scorre sulla pelle, limitando così, le irritazioni... semplice no?!... Cosa ho voluto dirvi con quanto scritto sopra?...  Quando parliamo con  persone che per età sono molto distanti da noi, dobbiamo avere l'accortezza di essere noi a scendere verso la loro età, dobbiamo essere noi a ricordarci cosa eravamo alla loro età e qual'era il nostro sentire... in altri termini, il ponte tra i giovani e i meno giovani, lo devono costruire i meno giovani!... Il ponte tra i non dotati di spiritualità  e quelli dotati, lo deve costruire chi è dotato di spiritualità... la comunione tra noi esseri carnali e Dio, l'ha "costruita" Dio... in tutte le cose, ci sono delle priorità ed è da sempre che si mette il carro dietro ai buoi... ovvio no?... Mica tanto ( considerato il nostro agire ). Quella dell'età, è una barriera che ci "sembra" di individuare con estrema semplicità.... ma altrettanto vero è che non riusciamo a comunicare con chi ha solo vent'anni meno di noi... sarà una mia limitazione?... S'è sì, mi aiutate ad infrangere questa barriera?... Se invece, non è una mia limitazione ma una nostra limitazione, cosa possiamo fare per comunicare con i "giovani"?... 

Pace....

R. Francesco

Ritratto di alex

Bene Paolo insegna anche su questo ... Risata

1Corinzi 9:19 Poiché, pur essendo libero da tutti, mi sono fatto servo di tutti, per guadagnarne il maggior numero; 1Corinzi 9:20 con i Giudei, mi sono fatto giudeo, per guadagnare i Giudei; con quelli che sono sotto la legge, mi sono fatto come uno che è sotto la legge (benché io stesso non sia sottoposto alla legge), per guadagnare quelli che sono sotto la legge; 1Corinzi 9:21 con quelli che sono senza legge, mi sono fatto come se fossi senza legge (pur non essendo senza la legge di Dio, ma essendo sotto la legge di Cristo), per guadagnare quelli che sono senza legge. 1Corinzi 9:22 Con i deboli mi sono fatto debole, per guadagnare i deboli; mi sono fatto ogni cosa a tutti, per salvarne ad ogni modo alcuni. 1Corinzi 9:23 E faccio tutto per il vangelo, al fine di esserne partecipe insieme ad altri.

Parafrasando, quindi, per parlare con i bambini dobbiamo essere bambini, con i giovani, giovani, etc ... :-)

Alex

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri