Al Ministero della Giustizia

Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Oggi il Ministro Mastella presentava la nuova 500 della Polizia Penitenziaria alla stampa, questa la pagina che, per motivo di lavoro, ho prodotto.

Il lavoro di oggi è stato per me motivo di profonda meditazione.

Il fatto di essere nel Palazzo della Giustizia, "ah ! la giustizia umana", lasciamo perdere.... no riflettevo su un fatto che mi ha coinvolto in prima persona.

Sono un tipo abbastanza casual nell'abbigliamento, mai formale, mai in cravatta. Ma oggi dovevo essere lì con un "pezzo grosso" un Ministro della Repubblica Italiana.

Bhe devo dire che la cravatta non l'ho messa ma mi sono adoperato chiedendo a mia moglie di prepararmi le cose più carine, più nuove e di sistemarle per questa mattinata. Insomma ho sentito la necessità di presentarmi a quell'evento, davanti a quell'uomo, sistemato e con un vestito nuovo o almeno con il meglio che avevo.

Ho visto molta riverenza, come è giusto forse, e molta formalità, poi sciolta dal momento di "festa".

"Ma come ci presentiamo davanti a Dio", mi sono chiesto ?

Cosa potrei indossare per esserGli gradito?

Certo non è un abito che nasconderebbe le mie macchie a coLui che mi ha intessuto nel grembo di mia madre. E' stato bello, è stato confortante all'ora il pensiero di Gesù. Ecco Lui mi riveste per le nozze dell'Agnello. Per la festa celeste. Posso esser certo del gradimento del Padre, perchè Cristo mi ha rivestito, immeritatamente lo ammetto, di Gloria e di purezza. Tutti i miei peccati sono stati cancellati, ora sono bianco, santo, tutto e solo per merito Suo. E può esser così anche per te, se non l'hai fatto, sei ancora in tempo ricevi, abbandonati, riposati ... in Gesù.

No, non si tratta di un detersivo ma della Grazia, dell'Amore del Padre che sparge copiosamente costantemente, non resta che prenderla, riceverla e.. indossarla.... che bello !

Alex

da Galati

- 3:24 Così la legge è stata come un precettore per condurci a Cristo, affinché noi fossimo giustificati per fede.
- 3:25 Ma ora che la fede è venuta, non siamo più sotto precettore;
- 3:26 perché siete tutti figli di Dio per la fede in Cristo Gesù.
- 3:27 Infatti voi tutti che siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo.
- 3:28
Non c'è qui né Giudeo né Greco; non c'è né schiavo né libero; non c'è né maschio né femmina; perché voi tutti siete uno in Cristo Gesù.

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri