2 giorni di raffredore, il primo desiderio ? Guarire

Versione stampabileSend by emailVersione PDF
Mali di stagione, placche alle tonzille.
Febbre un pò altina, il primo giorno, dolori muscolari, etc.

Non tollero molto il dolore e la sofferenza, il primo desiderio che ho è guarire.

Sentimento comune a chi è, più o meno gravemente, nella malattia.
Quando si sta male, mi scuso della retorica, la prima cosa che ci viene in mente, il desiderio principe, l'ossessione a volte, è GUARIRE.

Può accadere, chissà se vi è capitato, di pensare ai momenti di tranquillità, di serenità fisica.
Eppure in quei momenti, riflettevo, difficilmente si pensa che si potrebbe stare male. E spesso non si godono pienamente.
Magari problemi di lavoro, combattimento con i colleghi, di famiglia, attriti con i parenti, di religione, etc.
Poi d'improvviso, si perde, anche magari solo momentaneamente, quel bene che, pur godendone tutti i giorni, almeno per molti è così, non si ricorda di averlo, se non quando si è perso.

Parlando come da credente a dei credenti, all'ora, mi conforta il pensiero che molti cristiani quotidianamente non solo pregano per quanti sono nella malattia, per se stessi o altri, ma anche per ogni giorno passato in serenità fisica e spirituale.
Certamente la stessa non è, per il cristiano, l'aspirazione principe, ma certamente può rappresentare una buona benedizione, sopratutto se condita con una equilibrata vita spirituale.

In conclusione quindi, mi unisco alle peghiere di quei fratelli, e rivolgo un pensiero a quanti sono nella sofferenza, una preghiera sentita, vera al nostro comune Creatore. E un ringraziamento al Padre per ogni buon giorno che, nella Sua immeritata e benigna Grazia, ci concede.

A DIO LA GLORIA !!!

facebook icona twitter iconawhatapps icona

Opera evangelica a favore dei non vedenti

Opere evangelica per sordi

La chiesa perseguitata

Pregare ed aiutare

Il vangelo tra gli stranieri